Contenuto sponsorizzato

Trovano gli uffici di Equitalia chiusi e decidono di sfondare la porta in macchina

L'episodio è avvenuto intorno alle 14 agli uffici in via Solteri. I due uomini avrebbero voluto pagare la cartella esattoriale, ma hanno trovato la porta chiusa

Di Luca Andreazza - 04 July 2017 - 15:48

TRENTO. Non hanno gradito gli orari di Equitalia e due uomini hanno deciso di farsi strada in autonomia. E' successo agli uffici in via Solteri intorno alle 14, quando i due uomini hanno provato a fare una spaccata per entrare in agenzia e completare il pagamento della cartella esattoriale.


Alla base dell'episodio ci sarebbe la scadenza per il pagamento della cartella esattoriale entro i termini stabiliti: oggi avrebbero versato un importo, mentre domani questa cifra sarebbe oltre che raddoppiata.


I due uomini avrebbero ricevuto la cartella nel corso della settimana scorsa con indicati degli orari di apertura al pubblico diversi rispetto a quelli visibili fuori dall'edificio: trovata la porta chiusa, sono saliti in macchina e hanno provato a sfondare l'ingresso versare quanto dovuto.


Sul posto sono immediatamente giunte le volanti della polizia per riportare gli uomini alla calma e accompagnare gli uomini in questura. Le forze dell'ordine hanno inoltre visionato le riprese della telecamera di sorveglianza per avere ulteriori riscontri.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato