Contenuto sponsorizzato

Un lagotto romagnolo non riesce più a rientrare dall'isolotto, i vigili del fuoco di Arco lo portano in salvo

L'intervento è avvenuto domenica scorsa dopo la segnalazione di una volontaria dell'associazione A.d.a. (Associazione difesa degli animali) di Arco. Il cagnolino è stato portato al canile di Arco per le necessarie cure

Foto facebook del gruppo 'Sei di Arco se'
Di Luca Andreazza - 10 October 2017 - 13:14

ARCO. Un salvataggio particolare ha visto protagonisti i vigili del fuoco volontari di Arco, quando domenica scorsa sono stati allertati per il soccorso e il recupero di un cagnolino.

 

Intorno alle 15.30 una volontaria dell'associazione A.d.a. (Associazione difesa degli animali) di Arco segnalava la presenza di un lagotto romagnolo bloccato sull'isolotto del fiume Sarca davanti al camping di Arco in via dei Legionari cecoslovacchi. 

 

Il lagotto è una razza canina dalle antiche origine italiane che si è sviluppata nelle zone paludose del sud del delta del Po e specificatamente nel ravvenate e nelle pianure del Comacchio. Un cane docile, amante dell'acqua e dotato di eccezionale olfatto, questa è l'unica razza al mondo specializzata nella ricerca del tartufo.

 

I pompieri sono subito giunti sul posto e in breve tempo hanno recuperato il cagnolino per portarlo a riva e affidarlo alle cure del canile di Arco in attesa di affidarlo al legittimo proprietario o trovare una casa.


(Foto facebook 'Sei di Arco se')

"Un intervento - spiega Stefano Bonamico, comandante del corpo dei vigili del fuoco di Arco - molto semplice. Gli uomini hanno attraversato il fiume dove l'acqua era più bassa e hanno recuperato il cane, che è andato lì da solo e non riusciva più a rientrare. Nel corso dell'anno sono diversi gli interventi per soccorso animali, tra i più complicati quello sul monte Stivo dove ci siamo dovuti calare all'interno di una forra".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 March - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

04 March - 19:19

Sbarcati con un verricello di 20 metri tecnico di elisoccorso, soccorritore e medico, non è restato che constatare il decesso dell'uomo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato