Contenuto sponsorizzato

Un Memoriale dei Caduti trentini della Grande guerra e una Giornata per ricordare tutte le vittime. La proposta di Rossi per una "una definitiva riconciliazione"

Il governatore: "Saranno onorati tutti i caduti, indipendentemente dalla divisa che essi portavano: la nostra storia è plurale e composita che da motivo di divisione deve trasformarsi in un motivo per guardare al futuro assieme". Le proposte inserite in un disegno di legge per arrivare pronti all'adunata degli Alpini del prossimo anno

Pubblicato il - 09 June 2017 - 21:13

TRENTO. “Questa proposta di legge, insieme all’adunata degli Alpini e a tante altre iniziative, ci consente di compiere una definitiva riconciliazione, recuperando un pezzo di storia che in passato era stata dimenticata”. Così il presidente della Provincia Ugo Rossi commenta il disegno di legge, approvato dalla Giunta, con il quale si prevedono una serie di interventi per valorizzare la memoria del popolo trentino durante la prima guerra mondiale.

 

“Il doveroso ricordo di tutte le vittime, qualunque fosse l’uniforme indossata - ha detto ancora Rossi - permetterà alla comunità trentina e alle sue istituzioni di guardare al futuro, impegnandosi per preservare la pace”. Due le proposte più significative previste dal disegno di legge: l’istituzione della Giornata per ricordare le vittime e i caduti trentini della Grande Guerra e l’istituzione del Memoriale dei caduti trentini.

 

Il Primo conflitto mondiale colpì duramente il Trentino, con oltre 60 mila uomini chiamati a combattere con l’esercito austroungarico, alcune centinaia che si arruolarono volontariamente con l’esercito italiano e più di 100 mila tra donne, bambini e anziani che vennero evacuati. In totale furono circa 12 mila i caduti militari a cui va aggiunto il numero, impossibile da stimare, delle vittime civili.

 

I provvedimenti previsti dal disegno di legge partono da questo scenario di distruzione per mettere in campo una serie di iniziative che possano chiudere definitivamente il percorso di riconciliazione intrapreso negli ultimi anni.

 

Il disegno di legge propone di individuare un luogo simbolo nel quale istituire il “Memoriale dei caduti trentini della Grande Guerra”, dove saranno riportati i nomi di tutti i caduti militari del primo conflitto con l’indicazione della data di nascita e di morte (ove possibile) e nel quale i discendenti e tutti i cittadini potranno onorarli e ricordarli, restituendo loro un’identità individuale.

 

Lavoreranno al progetto il Museo storico italiano della Guerra di Rovereto e la Fondazione Museo Storico del Trentino. Presso il “Memoriale” potranno essere organizzate iniziative a carattere commemorativo, per ricordare le vicende belliche dei trentini nella Prima guerra mondiale, nonché per mettere in evidenza le conseguenze della guerra europea e il valore della pace e della convivenza tra i popoli.

 

L’altra importante iniziativa, prevista dal ddl, è l’istituzione della “Giornata per ricordare le vittime e i caduti trentini della Grande Guerra”. Sarà un’occasione per trasmettere la memoria di questa tragica esperienza vissuta dal popolo trentino, con iniziative di divulgazione storica rivolte all’intera comunità e, in particolare, ai giovani, attraverso il coinvolgimento delle scuole.

 

"La nostra storia è plurale e composita, una storia - afferma Ugo Rossi - che da motivo di divisione diventi un motivo per guardare al futuro assieme". Il tema della memoria, secondo il governatore, "dev'essere di tutti, non solo come tributo ai caduti ma anche come ricordo di un popolo intero che è stato deportato, ridotto alla fame, che ha sofferto a causa della guerra".

 

Il Memoriale, si apprende da Rossi, sorgerà presso Castel Dante a Rovereto, con il riconoscimento al sacrario di un valore ancora più pregnante per la storia trentina. "Saranno onorati tutti i caduti, indipendentemente dalla divisa che essi portavano - ha concluso Rossi - e la giornata che sarà istituita e ricercata in una data simbolica aiuterà il Trentino a riflettere su se stesso, su ciò che è stato". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato