Contenuto sponsorizzato

Un "Percorso del Bio" per la collina est di Trento: servirà per educare ai valori del paesaggio e della biodiversità

La proposta è contenuta in una mozione presentata in Comune a Trento dal gruppo Pd-Psi. Si chiede una progettazione partecipata, in modo graduale e valutando la possibilità di un partenariato pubblico – privato

Pubblicato il - 02 settembre 2017 - 07:27

TRENTO. Costruire una cultura identitaria del territorio ma anche educare ai valori del paesaggio e della biodiversità riuscendo allo stesso tempo a far nascere relazioni socio – economiche tra produttori e co-produttori, far conoscere le aziende agricole biologiche e i loro prodotti ai cittadini, ai turisti e ai tanti studenti trentini.

 

In poche parole costruire un “Percorso del Bio” che coinvolga tutta la collina est della città di Trento con la partecipazione degli attori del territorio. A lanciare l'idea e il Gruppo del Partito Democratico – Psi del Comune di Trento con una proposta di mozione che vede come primo firmatario il consigliere Michele Brugnara e a seguire Paolo Serra, Emanuele Lombardo, Roberta Calza e Stefano Bosetti.

 

La proposta, spiegano i consiglieri, è importante sia dal punto di vista culturale che turistico, dall'aspetto sociale a quello educativo, economico e occupazionale.

 

Il progetto, come già detto, è rivolto ai cittadini ma anche ai tanti turisti che visitano il capoluogo e che possono essere interessati a scoprire i prodotti locali e biologici della collina ad est di Trento insieme ai valori storico e culturali. Allo stesso tempo, però, si rivolge anche agli insegnanti e agli studenti per educare ai valori sociali, ambientali ed economici del territorio.

 

I primi passi per la realizzazione del “Percorso del Bio” sono stati mossi nel giugno di quest'anno con un incontro che si è tenuto a Cognola al quale hanno preso parte anche i rappresentanti delle circoscrizioni Argentario, Povo, Villazzano e Meano assieme alle realtà agricole del posto.

 

Già in passato uno studio condotto da Helena Treska, neolaureata all’Università di Lubiana, e Giada Da Roit, laureanda dell'Università di Trento che aveva coinvolto oltre il 35% del totale degli agricoltori di Povo, Villazzano e Argentario, certificava l'interesse della zona per il biologico.

 

Un ruolo, quello del biologico, che con il passare degli anni è aumentato con un incremento anche delle aziende bio sul territorio comunale di Trento che ha la più estesa superficie a livello provinciale con 1750 ettari totali. Basti pensare che negli ultimi 10 anni gli ettari coltivati con metodo bio sono passati da 100 a 520 e le aziende da 37 a 170.

 

Ecco allora che l'invito che arriva dal Gruppo Pd-Psi all'Giunta comunale è quello di studiare, progettare e realizzare il “Percorso del Bio” attraverso una progettazione partecipata, in modo graduale e valutando la possibilità di un partenariato pubblico – privato. Infine viene richiesto di pensare anche alla progettazione di un'apposita segnaletica e alla valorizzazione della mobilità sostenibile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato