Contenuto sponsorizzato

Va a fuoco la lavatrice anche se era spenta. Intervento dei Vigili del Fuoco a Besenello

Sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco di Besenello ma ancor prima del loro intervento qualcuno è riuscito a entrare nell'appartamento e togliere in fretta e furia le tende dalle finestre per impedire alle fiamme espandersi

Pubblicato il - 12 giugno 2017 - 11:31

BESENELLO. Momenti di panico questa mattina tra i residenti di via Roma a Besenello , ma anche di sangue freddo. Una lavatrice è andata a fuoco in un appartamento mentre in casa non c'era nessuno. Ma una vicina ha visto il fumo uscire dalla finestra e ha dato subito l'allarme.

 

Sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco di Besenello ma ancor prima del loro intervento qualcuno è riuscito a entrare nell'appartamento e togliere in fretta e furia le tende dalle finestre per impedire alle fiamme espandersi. La lavatrice, fino a quel momento, produceva soltanto un intenso fumo nero che ha riempito tutta l'abitazione.


L'elettrodomestico, questa è la cosa curiosa, non era in funzione ma soltanto attaccato alla presa di corrente. Forse un corto circuito che ha surriscaldato i circuiti facendo sciogliere le componenti plastiche, ma questo sarà appurato con precisione dai vigili del fuoco.

 

Vigili che hanno messo in sicurezza la lavatrice e utilizzato aspiratori e respingitori di fumo per la bonifica dell'appartamento.


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 febbraio - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 febbraio - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato