Contenuto sponsorizzato

33 Trentini, la comunità degli spettatori

Una call pubblica per formare i gruppi di appassionati di teatro, danza e musica che da sette anni, grazie a Spazio Off, praticano i "percorsi ragionati" sulla cultura di palcoscenico partecipando attivamente alle rassegne della regione. Cresce la collaborazione con il Centro Santa Chiara. Haydn e Filarmonica di Rovereto. Ecco come far parte del progetto

Pubblicato il - 16 settembre 2019 - 14:58

TRENTO. Riparte anche per la stagione 2019/2020 il progetto  "33 Trentini", la comunità di spettatori speciali creata da Spazio Off da sette anni attorno ai linguaggi del teatro, della danza e della musica dal vivo. Tra le principali novità, oltre alla conferma dei tre percorsi ‘ragionati’ di spettacolo dal vivo - teatro, danza e musica - tra le principali stagioni e rassegne del Trentino, l’adesione alla rete nazionale ‘L’Italia dei Visionari’, che porterà il gruppo dei 33 Trentini a poter selezionare tramite un bando uno degli spettacoli del proprio percorso, che verrà ospitato allo Spazio Off nell’autunno 2020.

 

 Inoltre, uno degli spettacoli teatrali dell’edizione 2019/2020 sarà frutto di una selezione "sul campo": i 33 Trentini parteciperanno infatti al Festival Hors (House of the rising sun), in programma al Teatro Litta di Milano dal 2 al 4 ottobre, dove sei compagnie emergenti presenteranno uno ‘studio’ del proprio spettacolo. Quello che sarà ritenuto dai 33 Trentini come il migliore e il più adatto a essere ospitato, potrà essere programmato allo Spazio Off nella primavera 2020 e inserito di diritto nel programma di spettacoli dei 33 Trentini stessi.

 

 Continua inoltre per il secondo anno anche la creazione dei gruppi 33 Trentini Musica - in collaborazione con Fondazione Haydn, Centro Santa Chiara e Associazione Filarmonica di Rovereto - e 33 Trentini Danza - in collaborazione con il Circuito Regionale della Danza del Centro Santa Chiara. Oltre alla visione condivisa e ragionata di spettacoli teatrali, di danza e di concerti, lo Spazio Off ospiterà i tre gruppi per un sabato pomeriggio al mese, ‘Sabato 33’: un modo per incontrarsi e conoscersi, discutere e scambiarsi opinioni sugli spettacoli visti, e approfondire la propria competenza di spettatori ‘speciali’ con incontri con artisti, operatori ed esperti del settore.

 

Tutti i partecipanti al progetto usufruiscono di diritto a speciali convenzioni per singoli biglietti e abbonamenti per le stagioni e le rassegne principali di teatro, danza e musica in tutta la regione Trentino-Alto Adige. Trentatré Trentini è un percorso di crescita, arricchimento e consapevolezza aperto a tutti gli appassionati di teatro, danza e musica, ma anche e soprattutto un modo per fare comunità, scambiarsi pensieri e opinioni, e diventare assieme spettatori/ascoltatori - e quindi cittadini - migliori. Giunto alla sua settima edizione, il progetto prosegue anche per la stagione 2019/2020 con la formazione di una comunità di spettatori “speciali” con cui condividere un percorso di coinvolgimento, formazione, crescita, profondità e capacità critica legata al mondo dello spettacolo dal vivo.

Attraverso una call pubblica, si formeranno tre gruppi: uno di spettatori di spettacoli teatrali, uno di spettatori di spettacoli di danza, e uno di spettatori/ascoltatori di concerti musicali. I tre gruppi potranno fruire di un percorso ragionato e partecipato di spettacoli scelti esclusivamente per loro, incontri, approfondimenti e “gite” teatrali in tutta Italia, oltre a fruire di tariffe convenzionate con tutti i maggiori enti di spettacolo dal vivo del Trentino-Alto Adige.

COME FUNZIONA. Rispondendo a una call pubblica aperta a tutti entro martedì 16 ottobre 2019, ci si può iscrivere al progetto, indicando la propria preferenza tra uno o più tra i tre percorsi previsti (‘teatro’, ‘danza’, ‘musica’) e versando una quota di adesione di 33 €. Una volta raccolte le adesioni, i tre gruppi si incontreranno in un primo appuntamento di conoscenza reciproca e di informazione sul progetto, conoscendo da vicino il proprio percorso ragionato degli spettacoli di teatro, danza o musica cui assisteranno assieme nell’arco della stagione teatrale – da ottobre a maggio – a tariffa esclusiva e nelle principali rassegne e stagioni della regione (Trento, Rovereto, Pergine Valsugana…). Oltre alla visione condivisa degli spettacoli o dei concerti, è prevista la partecipazione ad alcuni “incontri coi maestri”, momenti di dialogo e confronto con importanti nomi del teatro, della danza o della musica italiana. Inoltre, durante l’arco della stagione verranno organizzate diverse trasferte in importanti realtà teatrali, coreutiche o concertistiche italiane.

 

 Chiunque lo desideri può rispondere al bando pubblico, specificando l’adesione a uno o più gruppi (teatro, danza o ‘musica’). Le prime 33 persone a rispondere formeranno i rispettivi gruppi, che una volta formatisi potranno fruire di un percorso esclusivo di spettacoli scelti direttamente da loro, incontri riservati, “simposi”, aperitivi e “gite” teatrali in tutta Italia, oltre a fruire di tariffe convenzionate con tutti i maggiori enti di spettacolo dal vivo del Trentino-Alto Adige.

 

 La call pubblica è aperta a tutti senza distinzioni o limitazioni numeriche.  Per proporre la propria candidatura, basta seguire questo link: bit.ly/33Trentini20192020

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 ottobre - 06:01

Dopo lo scontro dei giorni scorsi, non si fermano le polemiche. Il consigliere provinciale Alex Marini ha pubblicato su facebook la notizia che verrà querelato per le dichiarazioni alla stampa sul collega ed altri. Filippo Degasperi risponde, non risparmiando critiche per l'atteggiamento e i diversi punti sollevati dall'intervista incriminata. E chiede ironico: "Ma chi è, Savonarola?"

17 ottobre - 19:13

La vicenda legata alla serata organizzata dall'Udu (e saltata perché ci sono stati dei problemi con la documentazione) è finita sulla prima pagina del Giornale soprattutto per la protesta del Collettivo Refresh contro il giornalista. Una protesta dai toni sbagliati che ha prestato il fianco a una descrizione di Trento da anni di piombo. Bisesti non ha smorzato la polemica mentre il Rettore e l'Udu hanno spiegato come sono andate le cose

17 ottobre - 20:01

L'incidente è avvenuto al confine tra Mantova e Verona. Sul posto la polizia stradale e le forze dell'ordine. Il soccorsi sanitari non hanno potuto far altro che constatare la morte del giovane 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato