Contenuto sponsorizzato

Trentino Book Festival, si entra nel vivo con Gad Lerner, Alessandra Sardoni, Annibale Salsa e Marcella Morandini

Ieri l'inaugurazione della kermesse con la presentazione di due mostre per i più piccoli in piazza Vecchia e piazza Municipio. E oggi è tempo di incontri con i primi ospiti

Pubblicato il - 16 giugno 2017 - 10:19

CALDONAZZO. Si dice che oggi tra mail, Whatsapp, Facebook, chiamate, ogni 180 secondi siamo interrotti. Leggere, soprattutto ai bambini, è invece un'attività esclusiva. Maria Lunelli, referente del progetto "Nati per leggere" ha inaugurato così la mostra in piazza Vecchia a Caldonazzo dedicata alla lettura con i bambini. La settima edizione del TrentinoBookFestival è partita con due mostre che danno spazio ad "un'editoria – ha spiegato Pino Loperfido, direttore artistico del Tbf – che sta trainando anche l'editoria degli adulti".

 


 

Tante le "custodi" della lettura presenti all'inaugurazione, le bibliotecarie che ci stimolano l'interesse a scoprire e conoscere. Tra queste Rosaria Fedel, bibliotecaria di Caldonazzo, che ha ricevuto un ricordo del Tbf per il suo impegno a favore della cultura. Interesse per la cultura che parte dalla scuola, tanto che i ragazzi del Liceo Depero di Rovereto al Tbf hanno portato anche in mostra, sempre nello stesso spazio di piazza Vecchia, delle illustrazioni su "Noi: cittadini attivi" e su un libro di Joseph Joffo che sarà protagonista anche oggi alle 20.30 di uno spettacolo teatrale al Teatro San Sisto: "Un sacchetto di biglie".

 

I ragazzi della terza A e terza C del Depero hanno riletto nazismo e shoah mettendo su carta anche la gioia e spensieratezza dei ragazzi di quel periodo. Lo spazio di piazza Vecchia è aperto dalle oggi alle 21 venerdì 16 giugno, con orario 10-12 e 14-21 sabato e domenica. Poco distante da piazza Municipio a Caldonazzo c'è invece lo spazio espositivo artistico di Leonardo Lebenicnik, le forme scultoree raccolte in una piccola galleria d'arte dedicata alla materia nella sua essenza: legno, ferro, pietra.

 

Nella Casa della Cultura, che ospita anche la libreria del Tbf e una mostra sui libri per ragazzi che hanno fatto la storia dell'Italia, Nadia Beber ha poi presentato il suo "A casa nel mondo", partendo dalle riflessioni di Hannah Arendt. Una ricca anteprima del Tbf che verrà inaugurato ufficialmente venerdì alle 16.30 in piazza Municipio, seguito da un richiamo del concorso "Un libro, una città" promosso dal Comune di Trento. Primo grande ospite del Festival sarà alle 17.50 in Corte Trapp Gad Lerner, prima di Annibale Salsa e Marcella Morandini in Casa della Cultura.

 

Seconda giornalista ospite del Tbf17 sarà Alessandra Sardoni alle 20.30 in piazza Municipio con il suo "Irresponsabili": il potere italiano e la pretesa dell'innocenza. Dopo "Un sacchetto di biglie" la giornata si concluderà con "Smith e Wesson", lettura scenica in Corte Trapp dalle 21.30. Ulteriori informazioni sul sito www.trentinobookfestival.it e diretta multimediale sui principali social network cercando Trentino Book Festival o l'hashtag #tbf17

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato