Contenuto sponsorizzato

La grande danza al Teatro Comunale di Bolzano con il Ballet de l’Opera Grand Avignon

Nel capoluogo altoatesino una serata caratterizzata da due straordinarie creazioni coreografiche: “L’Uccello di fuoco”, su musica di Stravinsky, e il “Boléro” di Ravel

Pubblicato il - 08 aprile 2024 - 13:19

BOLZANO. Il Circuito Danza del Trentino Alto Adige curato dal Centro servizi culturali S. Chiara torna al Teatro Comunale di Bolzano con il Ballet de l'Opéra Grand Avignon, compagnia con la direzione artistica di Emilio Calcagno, per una serata all'insegna di due straordinarie creazioni: L'uccello di fuoco, con la coreografia di Edouard Hue, su musica di Igor Stravinsky, e Boléro di Maurice Ravel, con la coreografia firmata da Hervé Koubi. L'appuntamento è per martedì 9 aprile

 

L’Uccello di Fuoco è uno dei grandi balletti presentanti all’Opéra de Paris da Les Ballet Russes con musica commissionata a Igor Stravinsky. Questa versione porta il coreografo Edouard Hue a esplorare un nuovo orizzonte coreografico. Hue utilizza infatti la sua potente e singolare gestualità adattando questa celebre opera in sintonia con il nostro tempo. Hue esplora ogni tableau con la luminosità che gli è abituale, costruendo una coreografia grafica ed intensa che riflette lo stile animale che lo caratterizza. La gestualità di Edouard Hue nasce da ricerche basate sulla trasformazione corporale che portano gli interpreti ad esprimere al massimo la loro potenza e virtuosità. Avvalendosi della trama del balletto, Hue vuole creare un’opera contemporanea e narrativa dalle forti emozioni.

 

Monumento musicale e coreografico, il Boléro di Maurice Ravel porta i tempi al centro del lavoro sviluppando una "melodia avvoltolata instancabilmente su sé stessa, simbolo femminile", - come la definisce il pluripremiato ballerino-coreografo Hervé Koubi - alla quale si oppone il ritmo maschile che, aumentando di volume e d’intensità, finisce per risucchiarla.

 

La compagnia. Il Ballet de l’Opéra Grand Avignon, la cui direzione artistica è affidata a Emilio Calcagno, ha un organico complessivo di 12 danzatori/danzatrici integrati da 2 apprendisti.

 

Dalla sua nomina, avvenuta nel 2021, la linea artistica del nuovo direttore ha aperto alla danza contemporanea. Dalla stagione 2021-2022 Carolyn Carlson, Pontus Lindberg, Kaori Ito, Martin Harriague, hanno creato nuovi lavori arricchendo così il repertorio con nuove scritture coreografiche. I danzatori sono permanenti, e questo permette di poter svolgere nel corso della stagione attività di promozione volte alla crescita del pubblico, e molteplici interventi in collaborazione con il Pôle d’Intervention Chorégraphique.

 

Il Ballet è regolarmente invitato al Festival Chorégies d’Orange, nonché nei diversi teatri regionali, nazionali ed internazionali. La stagione 2022-23 ha segnato la commissione di nuove creazioni tra le quali la serata Uccello di Fuoco e Bolero a firma di Edouard Hué ed Hervé Koubi. Dopo Storm, creato nel 2022, D’un matin de printemps è la seconda creazione di Emilio Calcagno per la compagnia.

 

I biglietti sono acquistabili online sulla piattaforma Ticket (Qui info) e alla biglietteria del Teatro Comunale di Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato