Contenuto sponsorizzato

Coronavirus come infortunio sul lavoro, insorgono gli industriali. I sindacati: “Critiche inappropriate, un atto dovuto e per certi versi normale”

Lo ha stabilito l’Inail: i lavoratori che hanno contratto il coronavirus sul lavoro dovranno essere considerati come infortuni. I sindacati: “Non è stata stravolta nessuna delle prassi adottate dall’istituto negli anni passati o per vicende simili, piuttosto in Trentino sono stati fatti pochi tamponi e sarà difficile dimostrare il contagio”

Di Tiziano Grottolo - 06 maggio 2020 - 20:54

TRENTO. I lavoratori che hanno contratto il coronavirus, o che saranno contagiati in futuro, sul posto di lavoro dovranno essere considerati come infortuni sul lavoro, anziché come malattia. La precisazione è arrivata nei giorni scorsi nientemeno che dal presidente dell’Inail Franco Bettoni che ha aggiunto: “Le malattie virali come il Covid-19 sono una causa violenta di malattia e pertanto sono riconosciute come infortunio, se una persona ha contratto il virus sul lavoro e poi è deceduta sarà considerata a tutti gli effetti una vittima sul lavoro”.

 

Dichiarazioni che hanno scatenato un putiferio con Confindustria e molti datori di lavoro che hanno gridato allo scandalo. In Trentino c’è chi, come Lorenzo Delladio titolare de “La Sportiva” ha scelto di non riaprire, almeno per il momento: troppe le preoccupazioni legate alla decisione dell’Inail. Dello stesso avviso di Delladio anche altri imprenditori che si stavano preparando alla fase 2.

 

Dal canto loro i sindacati hanno accolto positivamente la notizia comunicata dall’Inail, tanto che hanno parlato di una decisione “doverosa e per certi versi normale”. Secondo i segretari Manuela Faggioni (Cgil), Milena Sega (Cisl) e Alan Tancredi (Uil): “Non è stata stravolta nessuna delle prassi adottate dall’istituto negli anni passati o per vicende simili”.

 

Al contrario, “nessun lavoratore godrebbe di alcuna tutela, in particolare – spiegano i sindacati – quelli che sono più a rischio come operatori sanitari e lavoratori a contatto con utenti esterni”. Come ormai è stato dimostrato il coronavirus non è una banale influenza ma una patologia molto complessa che può avere gravi conseguenze sulla salute: “Per questo – ricordano Cgil, Cisl e Uil – l’Inail prevede che, nel caso di operatori dell’ambito sanitario e a quelli che hanno contatti con clienti e utenti, il contagio da SARS-CoV-2 possa essere individuato in automatico come infortunio sul lavoro, con tutte le tutele che ne conseguono ma anche con tutti gli obblighi alla prevenzione che si pongono in capo al datore di lavoro”.

 

Stando a quando sottolineato dai sindacati i datori di lavoro non avrebbero conseguenze dirette sui premi Inail da pagare singolarmente, perché l’aumento delle tariffe viene mutualizzato a livello nazionale. Discorso diverso potrebbe essere fatto per le occupazioni in cui il rischio non è così alto e dove non c'è contatto diretto con soggetti esterni al proprio luogo di lavoro: “In questo caso – chiosano le sigle sindacali – per un lavoratore colpito da Covid-19 si può sempre aprire una procedura di infortunio sul lavoro, ma va dimostrato, come in tutti gli altri casi, che il contagio è avvenuto nello svolgimento delle proprie mansioni o per omissioni del datore di lavoro, che non ha attuato tutte le misure preventive necessarie ad abbattere il rischio”.

 

Sul tema Covid-19 e infortunio sul lavoro quindi la situazione non sarebbe tanto dissimile all’esposizione ad altri rischi: “Ci pare del tutto impropria la levata di scudi di chi sostiene che il contagio non debba essere considerato un infortunio sul lavoro”. Soprattutto alla luce dei pochi tamponi effettuati in Trentino (almeno fino a poche settimane fa, ora è stato raggiunto un discreto numero): “Sarà difficile per i lavoratori dimostrare l’infortunio – concludono Cgil, Cisl e Uil – per l’Inail infatti l’unica prova del contagio e quindi del possibile infortunio sul lavoro è la certificazione di un tampone”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato