Contenuto sponsorizzato

Mediocredito a tutto ''Conto rifugio'': ''Salvaguardiamo i risparmiatori e investiamo sul territorio. Una finanza sostenibile e attenta, solida e trasparente''

Il "Conto rifugio" è l'ultimo prodotto finanziario lanciato sul mercato da Mediocredito, un'iniziativa che vuole raccogliere, proteggere e far rendere il risparmio e contestualmente iniettare sul tessuto trentino il credito necessario a sostenere e finanziarie infrastrutture e sviluppo del Trentino. Il direttore Pelizzari: ''Ottima risposta dai cittadini, prevediamo anche sportello fisico dedicato"

Di L.A. - 05 giugno 2020 - 15:26

TRENTO. "La risposta dei cittadini nell'adesione a 'Conto rifugio' è davvero molto positiva", commenta Diego Pelizzari, direttore di Mediocredito del Trentino Alto Adige, che aggiunge: "La solidità della nostra banca, la nostra garanzia patrimoniale e la trasparenza nell'investire le risorse a favore del territorio e delle imprese sono le chiavi vincenti".

 

Il "Conto rifugio" è l'ultimo prodotto finanziario lanciato sul mercato da Mediocredito, un'iniziativa che vuole raccogliere, proteggere e far rendere il risparmio e contestualmente iniettare sul tessuto trentino il credito necessario a sostenere e finanziarie infrastrutture e sviluppo. "Un circolo virtuoso - aggiunge il direttore - per una proposta che si dimostra attenta alla finanza sostenibile sul piano sociale e ambientale. I tassi remunerano inoltre molto bene: 1,75% per gli investimenti fino a 5 anni e 0,50% senza vincoli per periodi più brevi".

 

Un guadagno certo che non è l'unico vantaggio di questo nuovo prodotto finanziario. "La qualità - prosegue Pelizzari - si coniuga con la responsabilità dell'autonomia. L'investimento è semplice e chiaro, gestibile completamente online e non ci sono spese. Il conto può essere aperto in 4 semplici mosse. Ma ora programmiamo anche un servizio di consulenza nel pieno rispetto delle prescrizioni Covid-19. Alcuni clienti hanno maggiore confidenza nella relazione personale e quindi per andare incontro a tutte le esigenze, l'intenzione è quella di predisporre anche l'apertura di uno sportello dedicato". 

 

Una realtà che forte della solidità della banca. "Ma anche la trasparenza è importante. Le risorse - evidenzia il direttore - vengono investite in modo attento sul territorio: non proponiamo azioni speculative o azzardate. I clienti oggi sono molto consapevoli e abbiamo il compito di proteggere i risparmi e agevolare la ripresa del Trentino in questo periodo delicato a causa del coronavirus".

 

L'investimento minimo per aderire a "Conto rifugio" è di 1.000 euro mentre quello massimo è di 2 milioni per una durata che varia dai 6 ai 60 mesi, c'è poi la possibilità di attivare più linee di rendimento con durate diverse e tutto può essere gestito online senza documenti da firmare.

 

"La novità è anche la remunerazione delle somme non vincolate e il Fondo interbancario di tutela dei depositi vanta una copertura assicurata fino ai 100 mila euro. Il 'Conto rifugio' è una risposta importante per creare un'economia virtuosa. Nel futuro pensiamo di implementare i canali digitali per una banca sempre più coinvolgente, allargata e ampia con proposte particolarmente articolate e profonde", conclude Pelizzari.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 giugno - 16:53
La Pat oggi ha promosso un incontro con i sindaci per fare il punto sulla campagna e per condividere le strategie per aumentare la copertura troppo [...]
Ambiente
16 giugno - 18:06
Legambiente e Touring Club Italiano hanno pubblicato una guida sui mari e i laghi più belli e sostenibili d’Italia: il Trentino-Alto Adige la [...]
Cronaca
16 giugno - 16:21
Queste immagini di vita quotidiana sono rarissime in Europa perché le coppie di sciacallo dorato per la nascita dei cuccioli sfruttano tane [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato