Contenuto sponsorizzato

Zara pronta a chiudere 1.200 negozi e ad investire sull'e-commerce: pronti 2,5 miliardi per vincere la sfida del digitale

Per la prima volta nella sua storia il gruppo Inditex ha fatto registrare un trimestre negativo registrando nel mondo una perdita di 409 milioni di euro con ricavi in calo del 44%. Ora è tempo di correre ai ripari

Pubblicato il - 11 giugno 2020 - 17:59

MILANO. Zara chiuderà 1.200 negozi nel mondo. La crisi economica causata dal coronavirus sta colpendo tutti e anche il colosso spagnolo è costretto a ridurre il suo potenziale di vendita in presenza trasferendo parte del mercato sull'online. I lockdown avvenuti in tutto il mondo (e che tuttora sono in atto in varie parti del pianeta) infatti hanno accelerato quei processi, già in atto in ogni campo, di trasferimento sul digitale di molte attività. E sopratutto la vendita ha visto modificarsi in poche settimane, in ogni nazione, modelli di business ben consolidati facendo strada ai servizi delivery e di consegna a domicilio.  

 

E così anche il colosso spagnolo Inditex, proprietaria dei marchi Zara, Bershka, Pull & Bear e Massimo Dutti, sarebbe in procinto di chiudere principalmente i negozi più piccoli, soprattutto in Asia e in Europa. La notizia è rimbalzata su tutte le testate internazionali (QUI IL GUARDIAN) e sta mettendo in agitazione oltre alle migliaia di commessi che vi lavorano anche fan e clienti affezionati ma i dati non mentono: nel primo trimestre di quest'anno Inditex avrebbe registrato una perdita di 409 milioni di euro con ricavi in calo del 44%.

 

Avendo appena passato il primo trimestre negativo (e molto negativo) da quando il gruppo è quotato in Borsa la proprietà ha deciso di chiudere 1200 negozi per passare dagli attuali 7.500 a 6.700/6.900 punti vendita, (è in programma, infatti, anche l'apertura di altri 450 negozi). Dall'altro lato l'intenzione è quella di potenziare l'e-commerce, già cresciuta del 50% rispetto all'anno scorso nel corso del trimestre e del 95% rispetto all'aprile 2019. Inditex ha già programmato investimenti, in questo senso, per 2,5 miliardi di euro per migliorare la vendita online (un miliardo) e per trasformare i negozi in centri di distribuzione della merce.

 

L'obiettivo è arrivare a coprire il 25% del fatturato con le vendite online entro il 2022.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 19:10
Vertice tra Provincia, Upipa e Spes per l’analisi delle richieste che sono arrivate dal mondo delle case di riposo. L'assessora Stefania [...]
Cronaca
18 giugno - 18:58
Il sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige incassa una vittoria (''parziale'') sul fronte della condotta antisindacale da parte della [...]
Cronaca
18 giugno - 16:15
Lo ha annunciato il ministero per la Salute prolungando anche le misure di ingresso da India Bangladesh e Sri Lanka
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato