Contenuto sponsorizzato

Zara pronta a chiudere 1.200 negozi e ad investire sull'e-commerce: pronti 2,5 miliardi per vincere la sfida del digitale

Per la prima volta nella sua storia il gruppo Inditex ha fatto registrare un trimestre negativo registrando nel mondo una perdita di 409 milioni di euro con ricavi in calo del 44%. Ora è tempo di correre ai ripari

Pubblicato il - 11 giugno 2020 - 17:59

MILANO. Zara chiuderà 1.200 negozi nel mondo. La crisi economica causata dal coronavirus sta colpendo tutti e anche il colosso spagnolo è costretto a ridurre il suo potenziale di vendita in presenza trasferendo parte del mercato sull'online. I lockdown avvenuti in tutto il mondo (e che tuttora sono in atto in varie parti del pianeta) infatti hanno accelerato quei processi, già in atto in ogni campo, di trasferimento sul digitale di molte attività. E sopratutto la vendita ha visto modificarsi in poche settimane, in ogni nazione, modelli di business ben consolidati facendo strada ai servizi delivery e di consegna a domicilio.  

 

E così anche il colosso spagnolo Inditex, proprietaria dei marchi Zara, Bershka, Pull & Bear e Massimo Dutti, sarebbe in procinto di chiudere principalmente i negozi più piccoli, soprattutto in Asia e in Europa. La notizia è rimbalzata su tutte le testate internazionali (QUI IL GUARDIAN) e sta mettendo in agitazione oltre alle migliaia di commessi che vi lavorano anche fan e clienti affezionati ma i dati non mentono: nel primo trimestre di quest'anno Inditex avrebbe registrato una perdita di 409 milioni di euro con ricavi in calo del 44%.

 

Avendo appena passato il primo trimestre negativo (e molto negativo) da quando il gruppo è quotato in Borsa la proprietà ha deciso di chiudere 1200 negozi per passare dagli attuali 7.500 a 6.700/6.900 punti vendita, (è in programma, infatti, anche l'apertura di altri 450 negozi). Dall'altro lato l'intenzione è quella di potenziare l'e-commerce, già cresciuta del 50% rispetto all'anno scorso nel corso del trimestre e del 95% rispetto all'aprile 2019. Inditex ha già programmato investimenti, in questo senso, per 2,5 miliardi di euro per migliorare la vendita online (un miliardo) e per trasformare i negozi in centri di distribuzione della merce.

 

L'obiettivo è arrivare a coprire il 25% del fatturato con le vendite online entro il 2022.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato