Contenuto sponsorizzato

Contratto metalmeccanici, è scontro. Ianeselli: "De Laurentis è un quaquaraquà". La replica: "Ti denuncio"

La Cgil contro il presidente degli Artigiani che ha ritirato la firma dal contratto sui metalmeccanici: "E' inaffidabile e scorretto". Lui risponde: "Ammetto la leggerezza ma la base è contraria"

Pubblicato il - 28 ottobre 2016 - 17:56

TRENTO. “Gli artigiani trentini sono normalmente persone serie ma il loro presidente si comporta come un quaquaraquà”. Franco Ianeselli della Cgil è su tutte le furie e sbotta contro Roberto De Laurentis. “Io sono una persona corretta, non accetto questi attacchi alla mia persona”, risponde il numero uno degli artigiani che minaccia querela: “Io non ho mai denunciato nessuno nella mia vita ma ci sto seriamente pensando, anche per tutelare la mia onorabilità

 

La questione è questa: ieri Assoartigiani comunica che ha cambiato idea, che l'accordo sul contratto provinciale dei metalmeccanici è per loro carta straccia, che non lo applicheranno perché hanno fatto i conti e costa troppo. “Ma se hanno avuto sette mesi di tempo per fare i conti – afferma Ianeselli – questa si chiama superficialità, si chiama inaffidabilità”.

 

L'accordo siglato il 19 settembre scorso prevede tra le altre cose un aumento di 50 euro al mese, e questo impegno economico sembra aver provocato la rivolta della base di De Laurentis che è corso a fare marcia indietro rimangiandosi la parola e la firma. I conti li hanno fatti i suoi associati “che hanno sconfessato nei fatti il loro capo”, aggiunge qualcuno del sindacato.

 

“Ho sempre mantenuto toni corretti – dice Ianeselli – ma questa cosa mi ha portato all'esasperazione. Il presidente De Laurentis si è comportato scorrettamente dimostrandosi inaffidabile e inattendibile, anche in quel caso si è rimangiato la parola data, e non è la prima volta. Una persona scorretta, e questa è la conferma”.

 

Ma se Roberto De Laurentis annuncia querela, anche il sindacato assicura che percorrerà le vie legali: “Siamo pronti a intraprendere ogni azione per difendere l'accordo. Non si possono prendere in giro 4 mila lavoratori dicendo abbiamo scherzato”.

De Laurentis non dice che un mese fa aveva scherzato, ammette però la “leggerezza”. Non da parte sua ma dei suoi uffici: “Ho avuto il via libera e ho deciso per il sì all'accordo, salvo poi accorgermi che per i nostri associati i termini dell'intesa sono insostenibili”.

 

Infatti, all'indomani della firma dell'accordo De Laurentis era soddisfatto. Al nostro giornale aveva rilasciato questa convinta dichiarazione: "Come artigiani abbiamo sotto controllo la contabilità delle nostre aziende del settore metalmeccanico, delle quali conosciamo l'andamento economico e quindi utili e perdite. Abbiamo quindi realizzato una serie di studi. Se ci sono utili riteniamo che anche il lavoratore abbia diritto a parteciparvi. Ecco quindi che in questa fase in cui il mercato del metalmeccanico funziona è diventato prioritario riuscire a far partecipare agli utili delle aziende anche i dipendenti".
 

Dipendenti che però, dopo l'illusione di vedersi aumentato lo stipendio di 50 euro al mese, sono stati lasciati al palo. E a leggere il comunicato delle categorie sindacali dei metalmeccanici, sono piuttosto arrabbiati: “La disdetta unilaterale del contratto è di intollerabile e inaudita gravità. In questo modo, solo a poche settimane dalla firma, l'Associazione artigiani della provincia di Trento dà uno schiaffo in faccia a 4 mila lavoratori che con questo accordo vedevano, dopo 15 anni, migliorate le loro condizioni retributive e i loro diritti”, scrivono le tre sigle metalmeccaniche di Cgil, Cisl e Uil.

 

“A questo punto – continuano con amara ironia – è lecito chiedersi con quanta attenzioni e competenza l'Associazione artigiani abbia partecipato al tavolo contrattuale”.

 

"Non potevo fare altro - replica De Laurentis - potevo far finta di nulla come di solito fanno la politica e il sindacato o comportarmi da persona seria e tornare sui miei passi e ammettere l'errore". Ianeselli non ci sta: "Non ci si comporta così, la base di una trattativa è la correttezza, il rispetto reciproco degli interlocutori e delle persone che in quel momento si rappresentano e per le quali si sta lavorando. La scorrettezza di De Laurentis è ancora più grave se si considera che la notizia della sua decisione l'abbiamo appresa dal sito internet dell'associazione Artigiani. Non ci ha nemmeno avvertiti chiamandoci direttamente". 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 06:01

E questa emergenza Covid-19 ha portato in luce pregi e difetti della Dad. Una professoressa: "Stabilizzarsi tramite il concorso? In Trentino sembra che non sia possibile". La sindacalista Cinzia Mazzacca: "A rischio la continuità didattica in molte scuole della nostra provincia, un docente potrebbe trasferirsi in un altro territorio"

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato