Contenuto sponsorizzato

Autobrennero, i sindacati: ''Rischio code ai caselli se non si assumono gli stagionali. Saltano riposi e ferie per carenza del personale: pronti a mobilitazione''

Una situazione che emersa da un incontro tra i vertici di Autostrada del Brennero e le parti sociali, una scelta che Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Sla-Cisal giudicano sbagliata: "Crediamo che anche la politica, Provincia e Comune, debba farsi sentire con la società. Se non dovessero esserci rinforzi di personale, costretti a proclamare lo stato di agitazione e prevedere le azioni di mobilitazione"

Di Luca Andreazza - 01 dicembre 2021 - 12:02

TRENTO. "C'è una carenza strutturale in termini di personale in Autobrennero e potrebbe inoltre saltare l'assunzione degli stagionali per dicembre". A dirlo Stefano Montani (Filt Cgil), Francesco Vaccina (Fit Cisl), Alessia Sarselli (Uiltrasporti) e Francesco Porrai (Sla-Cisal) con i delegati di comparto Tommaso Ziler (Filt Cgil), Giovanni Giorlando (Fit Cisl), Emanuele Franchetto (Uiltrasporti) e Costanzo (Sla-Cisal). "Il rischio è quello di mettere l'arteria sotto pressione e di assistere a inevitabili e pericolose code ai caselli".

 

Questo quanto emerso da un incontro tra i vertici della società e le parti sociali, una scelta di mettere in dubbio l'attivazione dei contratti stagionali di dicembre che i sindacati giudicano sbagliata. "Si può comprendere che A22 sia particolarmente occupata nel redigere il piano di rinnovo della concessione. E il fatto che l'Autobrennero rimanga sul territorio è un aspetto importante - prosegue Montani - ma non si possono sottovalutare le eventuali criticità che potrebbero arrivare da questa decisione di far saltare un rafforzamento degli organici, seppur in forma temporanea". 

 

Il comparto dell'esenzione, sostengono Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Sla-Cisal, soffre da tempo di una carenza strutturale di organico che costringerebbe i lavoratori a saltare turni di riposo e ferie. "La mancata attivazione dei contratti stagionali non potrà che aggravare questa situazione con ricadute pesanti anche in termini di servizi per gli automobilisti in un periodo, quello delle festività natalizie, in cui è previsto anche quest'anno un aumento del traffico".

 

Per far fronte a questa situazione, in passato, è stato sottoscritto un accordo con A22 che prevede l'assunzione di personale stagionale tra il 1 e il 31 dicembre. "Non si può usare il paravento della pandemia per non rispettare i patti e far pesare sui lavoratori in servizio una situazione di difficoltà strutturale nota. E' necessario avviare i ragionamenti per trovare le migliori soluzioni per risolvere questa criticità. Noi siamo fiduciosi che si possa trovare un punto di incontro e crediamo che la politica, Provincia e Comune, debba farsi sentire con la società. Se non dovessero esserci rinforzi di personale, i sindacati si troveranno costretti a proclamare lo stato di agitazione e prevedere le azioni di mobilitazione", conclude Montani.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ricerca e università
28 gennaio - 15:43
Entro il 2050 si potrebbe non sciare più su neve naturale a Cortina e Torino, così come in altre delle 21 località che ospitano i Giochi [...]
Montagna
28 gennaio - 10:23
Nel nuovo approfondimento della rubrica “Camminando nella Grande Guerra”, tenuta dal Dolomiti in collaborazione con il Museo della Guerra di [...]
Ricerca e università
27 gennaio - 19:15
Dopo due studi di rilevanza internazionale pubblicati su importanti riviste, il team multidisciplinare del reparto di Neuroriabilitazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato