Contenuto sponsorizzato

Galleria di base, la fresa ''Serena'' ha raggiunto il Brennero dopo aver scavato 14 chilometri in 3 anni e mezzo: ''Evento che ci riempie d'orgoglio''

La nuova milestone porta all’82% il completamento dello scavo del lotto Mules 2‐3, risultato raggiunto anche grazie a Progetto Italia, che ha permesso a Webuild di subentrare ad Astaldi e continuare questo progetto strategico per la mobilita tra Italia ed Europa: "Stiamo contribuendo alla realizzazione di una delle opere ingegneristiche più sfidanti e più sostenibili al mondo”

Di Francesca Cristoforetti - 26 novembre 2021 - 20:49

TRENTO. Continuano i progressi degli scavi della Galleria di base del Brennero: la fresa “Serena” ha raggiunto il Brennero, dopo aver scavato oltre 14 chilometri di galleria in 3,5 anni di attività. Si è concluso così anche lo scavo del cunicolo esplorativo lato Italia del megaprogetto che collegherà l’Italia all’Austria attraverso le Alpi, commissionato da Bbt Se. “L’evento di oggi (24 novembre) ci riempie di orgoglio – dichiara Nicola Meistro, director domestic operations del Gruppo Webuild – perché con i lavori del Brennero stiamo contribuendo alla realizzazione di una delle opere ingegneristiche più sfidanti e più sostenibili al mondo”.

 

La nuova milestone porta all’82% il completamento dello scavo del lotto Mules 2‐3, risultato raggiunto anche grazie a Progetto Italia, che ha permesso a Webuild di subentrare ad Astaldi e continuare questo progetto strategico per la mobilità tra Italia ed Europa. Webuild è stato coinvolto su 4 lotti della Galleria di base del Brennero, dei quali 2 oggi in costruzione, 1 completato e 1 appena aggiudicato, a conferma del ruolo fondamentale svolto nella realizzazione di una delle opere più sfidanti dal punto di vista ingegneristico oggi in costruzione in Europa.

 

 

“Questo progetto è anche il simbolo di Progetto Italia – prosegue Meistro – l’operazione industriale che ha permesso a Webuild di subentrare ad Astaldi in concordato, garantendo il completamento di un’opera strategica per tutta l’Europa, preservando tanti posti di lavoro. Un ringraziamento speciale alle maestranze, che hanno permesso l’avanzamento dei lavori nonostante le tante complessità, applicando i più rigorosi principi di tutela della sicurezza. Oggi l’Italia sta vivendo un momento di eccezionale attivismo nella programmazione e realizzazione di un piano per nuove opere infrastrutturali che dobbiamo cogliere, effettuando un cambio di passo verso una collaborazione virtuosa pubblico‐privata che abbiamo già sperimentato con successo nella realizzazione del Ponte Genova San Giorgio e che dobbiamo estendere a tutto il paese, a partire da questo progetto”.

 

Sul versante italiano, oltre al lotto costruttivo Mules 2‐3, sta realizzando il lotto Sottoattraversamento Isarco, insieme con una filiera che per entrambi i lotti si compone di oltre 1.000 fornitori diretti. Sul versante austriaco, ha acquisito di recente il lotto costruttivo Gola del Sill‐Pfons e ha già ultimato il lotto Tulfes‐Pfons, sempre per la committenza Bbt Se. Il megalotto Mules 2‐3, il più grande dei lotti costruttivi previsti per la realizzazione dell’intera opera, prevede la costruzione di 65 chilometri di gallerie di diversa sezione, scavate in parte con metodo tradizionale e in parte con l’impiego di frese meccaniche. Per la sua realizzazione sono state coinvolte ad oggi circa 900 persone, lavoratori diretti.

 

La Galleria di base del Brennero è un progetto strategico per la mobilità sostenibile del Paese e dalla forte dimensione europea. Riveste un ruolo fondamentale per il collegamento Av/Ac transnazionale tra Italia e Austria, ma è anche elemento centrale del corridoio Scan‐Med – asse portante del sistema di trasporto Ten‐T – che collegherà Helsinki in Finlandia a La Valletta, sull’isola di Malta. Una volta ultimata, sarà il tunnel ferroviario più lungo al mondo e permetterà di collegare Fortezza a Innsbruck lungo un tracciato di 64 chilometri, riducendo del 69% i tempi di percorrenza, che passano così dagli attuali 80 minuti a 25 minuti.

 

Per la sua realizzazione, sono state adottate scelte progettuali che tengono in grande conto la sostenibilità del progetto, volte a ridurre l’impatto complessivo sul territorio durante tutta la fase realizzativa: la logistica di cantiere è stata studiata per ridurre i tempi di trasporto dei materiali e sono previsti interventi di riduzione delle polveri e dei rumori, con conseguenti benefici in termini di sostenibilità ambientale.

 

Per quanto all’evento di oggi al lotto costruttivo Mules 2‐3, tecnicamente conosciuta come “Tunnel Boring Machine” (Tbm), la fresa Serena ha un diametro di 6,85 metri, è lunga quasi 300 metri e pesa 1.500 tonnellate. Conclude oggi le sue attività di scavo e sarà smontata all’interno della stessa galleria, mediante una procedura resa complessa dalla mancanza di ampi spazi di manovra, che sarà attuata nel rispetto di elevatissimi standard di sicurezza e grazie al supporto del personale altamente qualificato di cui il Gruppo dispone. Con i suoi 2.800kW, in questi anni di attività la fresa Serena ha operato come una vera e propria fabbrica sotterranea, garantendo un avanzamento progressivo dello scavo di 4 chilometri all’anno nonostante le complessità legate alla situazione Covid.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 gennaio - 17:33
Sono stati analizzati 13.601 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 2.660 positivi e 2 decessi. Ci sono 169 persone in ospedale di [...]
Cronaca
19 gennaio - 16:51
La questione lupo ciclicamente riemerge nel dibattito pubblico all'indomani di predazioni (praticamente sempre evitabili). Questa volta ha perso la [...]
Politica
19 gennaio - 16:08
La ministra della Giustizia Marta Cartabia ha riferito in Senato sulla vicenda che vede Chico Forti ancora recluso negli Stati Uniti. Conzatti: [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato