Contenuto sponsorizzato

Il Governo per i biglietti sul bus con il green pass pensa al modello skipass di Dolomiti superski. La società: ''Siamo a disposizione''

I biglietti per il trasporto pubblico locale potrebbero essere acquistati solo con la certificazione verde. Questa l'ipotesi che viene valutata dal governo che potrebbe lanciare una prima sperimentazione. Dolomiti Superski: "Il nostro comparto ha sofferto molto per l'epidemia e per le chiusure, questo riconoscimento ci riempie di orgoglio perché dimostra la serietà e la responsabilità nel nostro modo di lavorare"

Di Luca Andreazza - 07 dicembre 2021 - 16:43

TRENTO. "Una sfida ambiziosa e non semplice ma la società è naturalmente a disposizione per mettere a fattor comune l'esperienza maturata negli anni". A dirlo Diego Clara, responsabile della comunicazione di Dolomiti Superski. Il consorzio che raggruppa 12 località per 1.200 chilometri di piste a cavallo tra le province di Trento, Bolzano e Belluno è stato preso a esempio dal ministro per le infrastrutture. I biglietti per il trasporto pubblico locale potrebbero essere acquistati solo con la certificazione verde. Questa l'ipotesi che viene valutata dal governo che potrebbe lanciare una prima sperimentazione.

 

"Stiamo dialogando con tutte le aziende di trasporto in questa prospettiva. Le faccio l’esempio del Dolomiti Superski, che è uno skipass molto usato in cui l’utente carica ogni giorno il proprio Green pass e automaticamente questo autorizza solo chi ha la certificazione verde", così è intervenuto a Rainews 24 il ministro Enrico Giovannini, titolare del dicastero alle infrastrutture.

 

Resta da valutare la fattibilità, con i sistemi informatici di acquisto dei ticket che devono essere adattati alle nuove direttive di Roma. "Stiamo studiando dei meccanismi - dice il ministro - credo ci siano le condizioni per farlo, siamo abbastanza ottimisti che nelle prossime settimane possano iniziare le sperimentazioni". Ma l'esempio è quello per acquistare gli skipass: "Utilizzare questa metodologia sui mezzi di trasporto sarebbe possibile".

 

Ci sono naturalmente alcuni ostacoli da superare: la possibilità di adeguare il sistema a funzionare "tutti i giorni" e gli aspetti legati alla privacy. "Ma l’applicazione del piano rimane importante perché - prosegue Giovannini - migliorerebbe il servizio ovunque, qui parliamo di e-ticket, biglietti elettronici, e nelle app che vengono sempre più usate ci sono tante informazioni ausiliarie. Ci consentirebbe di far fare un salto di qualità al sistema di trasporto pubblico locale su cui vogliamo investire".

 

I comprensori sono ritornati in funzione dopo 20 mesi di stop imposto per fronteggiare l'emergenza Covid. I comprensori sciistici di Dolomiti Superski hanno aperto 300 su 450 impianti a servizio di due terzi dei tracciati. "C'è stato un notevole afflusso di appassionati da tutta Italia e dall'estero, una dimostrazione della grande voglia di tornare in pista. L'attesa e gli sforzi per preparare la stagione e per garantire il più possibile la sicurezza dei clienti sono stati premiati".

 

E funziona molto bene, dopo una settimana di rodaggio, il sistema automatizzato di controllo del Green pass, obbligatorio per l’utilizzo degli impianti di risalita con veicoli chiusi. "Ci sono stati molti investimenti - commenta Clara - per migliorare e adattare i software. Abbiamo lavorato nell'incertezza delle regole d'ingaggio e abbiamo predisposto vari scenari. Ma sono tantissimi anni che operiamo per migliorare la digitalizzazione e per potenziare i vari software. I sistemi hanno retto nonostante il grande afflusso, qualche problema c'è stato per la mole di collegamenti ma siamo operativi per limare i dettagli e avere tutte le piattaforme a regime per le festività natalizie".

 

Operativamente, tramite la App Dolomiti Superski o in alternativa ai punti vendita o ai ticket box, lo sciatore può associare il proprio Green pass al numero di serie dello skipass, abilitando quest’ultimo per scendere in pista. Il tutto è facile da gestire e immediato, permettendo all’utente di poter raggiungere in breve tempo l’impianto e le piste. L’operazione di convalida va effettuata prima dell’inizio di ogni giornata sci.

 

Ora questa esperienza potrebbe essere allargata a livello nazionale per il sistema di trasporto pubblico locale. "Il nostro comparto ha sofferto molto per l'epidemia e per le chiusure, questo riconoscimento ci riempie di orgoglio perché dimostra la serietà e la responsabilità nel nostro modo di lavorare. I nostri sistemi sono stati messi a punto dopo mesi e mesi di lavoro, prove e sperimentazioni con grandissime sinergia con i fornitori. La società si mette a disposizione del governo per condividere esperienza e know-how", conclude Clara. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 gennaio - 20:14
Trovati 1.767 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Sono 148 i pazienti in ospedale. Sono 144 le classi scolastiche in isolamento
Cronaca
16 gennaio - 18:54
Complicata l'operazione di recupero del rottame, i vigili del fuoco e i tecnici valutano come intervenire nelle prossime ore. Il conducente [...]
Cronaca
16 gennaio - 17:01
Il pilota ed ex ambasciatore di Trentino Marketing ha spiegato che quando ha detto la frase ''ho preso il Covid apposta per poter essere in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato