Brina e galaverna fanno la loro comparsa in Valsugana

07/12/2019 - 20:12

Due fenomeni che si somigliano ma nella realtà sono ben distinti: quando si parla di brina si tratta di un deposito di ghiaccio, formato prevalentemente da granuli, che si forma su superfici che tendono a perdere calore. Affinché si verifichi servono temperature sottozero e possibilmente un cielo sereno con assenza di vento. La galaverna invece è un deposito di ghiaccio che si forma in presenza di nebbia e con una temperatura inferiore agli zero gradi centigradi, dando vita a paesaggi spettacolari che avvolgono terreno, alberi, tetti delle case, auto e altri oggetti.

Contenuto sponsorizzato
ARCHIVIO

Pagine

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 gennaio - 09:02

La tragedia è avvenuta ieri mattina in via Leonardo da Vinci a Borgo Sacco. Inutili purtroppo i tentativi di rianimazione 

24 gennaio - 09:23

Dopo la morte di Matiu la dura presa di posizione de Il gioco degli specchi: “È inaccettabile che una persona muoia di freddo, soprattutto in uno dei Paesi più ricchi del mondo e in una Provincia come la nostra. Nel mirino anche Segnana che sostiene che i posti letto sia sufficienti: “Le persone costrette a dormire all’aperto sono ancora tante”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato