Contenuto sponsorizzato

Arriva in cima al Monte Bianco con due protesi d'anca, Oprandi raggiunge il suo obiettivo (VIDEO): "La riabilitazione in soli due mesi"

La guida alpina Omar Oprandi ha concluso con successo il suo progetto "Ripartire da zero". In soli nove giorni ha terminato l'impresa partendo dal lago di Garda per arrivare in cima al monte più alto d'Europa, con il suo ultimo intervento solo due mesi fa. Oprandi: "Un sogno di nove giorni, prima in barca a vela, poi in bici e infine con gli sci"

Di Francesca Cristoforetti - 13 maggio 2022 - 19:13

TRENTO. "Siamo in cima. Un sogno di nove giorni, prima in barca a vela, poi in bici. Adesso qui sul Monte Bianco. Ce lo eravamo promessi". E' tanta la soddisfazione di Omar Oprandi, guida alpina e atleta di scialpinismo residente a Drena, che l'11 maggio ha raggiunto la vetta del monte più alto d'Europa con due interventi di protesi d'anca in due anni (Qui l'articolo).

 

A soli 60 giorni dall'ultima operazione, avuta lo scorso marzo, Oprandi è riuscito a raggiungere il suo obiettivo, concludendo il suo progetto "Ripartire da zero", un viaggio che lo ha portato dal lago di Garda fino in cima del Monte Bianco, passando dalla barca a vela alla bicicletta prima della scalata con gli sci.

 

 

Non un primato in quanto a chilometri, ma una sfida personale "per arrivare a quello che facevo prima dell'operazione in poco tempo". Non solo un record personale, ma un'iniziativa che ha voluto portare un messaggio di speranza: "Voglio trasmettere ai giovani la voglia di ripartire. Mi fermerò nelle città in cui passerò, terrò dei brevi incontri con chi verrà parlare con me, perché voglio spiegare che lo sport è vita e che è necessario darsi sempre degli obiettivi, anche nei momenti più difficili", sosteneva prima della sua partenza. 

 

Sono stati nove i giorni di viaggio per riuscire a portare a termine l'impresa, e due i compagni di viaggio con cui la guida alpina ha affrontato la salita finale: "Avevo promesso che li avrei accompagnati in questa spedizione". 

 

Il suo percorso di riabilitazione è stato intenso e non semplice, ricco di allenamenti e fisioterapia, sotto la supervisione costante del suo preparatore atletico Eros Grazioli

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato