Contenuto sponsorizzato

Si infortuna mentre pratica scialpinismo a 2.200 metri di quota ma a causa del maltempo l'elicottero non riesce a decollare: una 38enne raggiunta con quad e sci

I soccorritori hanno raggiunto quota 1.800 metri con i quad, fintanto che il terreno innevato lo permetteva, per poi proseguire con gli sci d'alpinismo

Di S.D.P. - 12 febbraio 2024 - 07:38

TRENTO. L'allarme era scattato intorno alle 15 di ieri, 11 febbraio, quando una scialpinista, classe 1986, è inciampata mentre scendeva dal Piccolo Colbricon, a 2.200 metri di quota, procurandosi una distorsione alla caviglia. 

 

Il gruppo di 7 amici ha quindi prontamente allertato i soccorsi. A causa del maltempo, gli elicotteri non si sono potuti alzare in volo: la 38enne residente a Rovigo è quindi stata raggiunta dai tecnici di San Martino di Castrozza via terra.

 

Un operatore del Soccorso alpino, insieme a 4 soccorritori del Sagf di Passo Rolle, hanno raggiunto quota 1.800 metri con i quad, fintanto che il terreno innevato lo permetteva, per poi proseguire con gli sci d'alpinismo.

 

Immobilizzato l'arto ed imbarellata la scialpinista, si è provveduto a trasportarla mediante calate e riprese fino al punto in cui si erano lasciati i quad, per poi accompagnarla in piazzola, dove attendeva l'autoambulanza.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
altra montagna
29 febbraio - 11:01
Simico avrebbe confermato la superficie oggetto di taglio, circa 2 ettari, senza tuttavia chiarire l’incongruenza da noi sollevata [...]
Cronaca
29 febbraio - 11:13
A fornire i dati è il meteorologo della Provincia di Bolzano Dieter Peterlin: tutti i tre mesi dell'inverno meteorologico (dicembre, gennaio e [...]
Cronaca
29 febbraio - 11:39
"Presentava inspiegabili perdite di sangue al capo e dalle radiografie è emersa una massiccia presenza di fratture al cranio con possibilità di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato