Contenuto sponsorizzato

Dna, a Trento la ''scoperta del secolo''. Tutto il mondo della ricerca guarda alla nuova ''arma di precisione contro i geni malati''

Il genome editing è stato inizialmente sviluppato a Berkley e al Mit di Boston, ma solo i ricercatori del Cibio sono riusciti a trovare la formula giusta per permettere affidabilità e sicurezza di intervento: "L’obiettivo ora è valorizzare il brevetto derivato dall’invenzione e generare ricadute sul territorio trentino"

Anna Cereseto e il team di ricerca (foto di Alessio Coser)
Di Gianmarco Fontana - Istituto Ivo de Carneri - 30 gennaio 2018 - 21:16

TRENTO. "Una scoperta storica ed eccezionale", così viene definito dalla stampa nazionale e internazionale lo studio portato avanti nei laboratori dell'Università di Trento che ha portato alla scoperta del metodo per modificare il Dna a scopo terapeutico. Questo processo, inizialmente sviluppato a Berkley e al Mit di Boston, è dovuto passare al Cibio-Centro di biologia integrata dell'Università per raggiungere quell’affidabilità e quella sicurezza necessari per procedere nelle applicazioni cliniche. Un risultato che puntato l'attenzione di tutta la comunità scientifica internazionale. 

 

Una svolta, integralmente realizzata nei laboratori dell'Ateneo, che potrebbe avere effetti a breve termine per la terapia genica delle malattie. "Si tratta di una modifica del Dna a scopo terapeutico nelle particelle", spiega Anna Cereseto, professoressa del Cibio e senior author dell’articolo che presenta questo studio su 'Nature Biotechnology', prestigiosa rivista di biomedicina. 

 

Il Cibio sbaraglia così la concorrenza scientifica internazionale. "Abbiamo messo a punto - continua la professoressa - un metodo sperimentale di screening attraverso il quale otteniamo una molecola, che chiamiamo evoCas9, davvero precisa nel cambiare il Dna. È un enzima di affidabilità assoluta, che effettua il cambiamento soltanto nel punto stabilito".

 

Come si è arrivati a questa molecola dal rischio di errore vicino allo zero? "La molecola - aggiunge Cereseto - sta cambiando la faccia della biomedicina. Si tratta di una 'macchina molecolare', fatta della proteina Cas9 e di una molecola di Rna, che raggiunge e taglia uno specifico segmento di Dna".

 

"Questo - dice la professoressa - permette di modificare la sequenza. Il problema è che questa molecola fa errori sistematici e quando viene applicata al tentativo di curare malattie non modifica solo il gene o i geni implicati nella patologia, ma agisce su altri siti del Dna e causa effetti imprevedibili. Ciò la rende inaccettabile per la pratica clinica. In questo momento la nostra evoCas9 è la macchina molecolare migliore al mondo per il genome editing". 

 

E evoCas9 rappresenta la differenza tra un utile espediente e un game changer. Questo studio permette al genome editing di diventare adulto: l’interesse per questa tecnologia è globale e l'obiettivo è quello di lavorare in questa direzione per fondare il biotech trentino e attrarre capitali.

 

"Il genome editing - commenta Alessandro Quattrone, direttore del Cibio - è davvero la scoperta del secolo in medicina. Questa invenzione è il contributo più importante che abbiamo dato allo sviluppo di terapie. Mesi fa già il gruppo aveva proposto intelligenti miglioramenti al metodo".

 

Questi progetti sulla molecola non interessano solamente i tumori e le malattie di genere, sempre e comunque al primo posto, ma anche le piante e prodotti alimentari. Lo studio ha generato, accanto alla pubblicazione, un brevetto, già depositato e già oggetto di interessi molteplici. Ancora qualche mese e si capirà se e come evoCas9 continuerà a essere una storia trentina.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato