Contenuto sponsorizzato

Educatori nei nidi d’infanzia del Trentino: aperte le iscrizioni ai percorsi di completamento per l’accesso al ruolo

La Libera Università di Bolzano propone per il nuovo anno accademico il pacchetto formativo “Didattica al nido”: un percorso a completamento della formazione universitaria per l’accesso al ruolo di educatore nei nidi d’infanzia e nei servizi integrativi al nido in Trentino. Le iscrizioni sono aperte fino all’8 ottobre e sono 20 i posti disponibili

Pubblicato il - 04 settembre 2020 - 16:06

TRENTO. La Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano propone anche per l’anno accademico 2020/2021 il pacchetto formativo “Didattica al nido”: un percorso a completamento della formazione universitaria per l’accesso al ruolo di educatore nei nidi d’infanzia e nei servizi integrativi al nido in Trentino. Le iscrizioni sono aperte fino all’8 ottobre 2020. 

 

La proposta formativa della Libera Università di Bolzano è una risposta ai bisogni di quegli educatori ed educatrici che, pur in possesso di una laurea quinquennale, non hanno svolto il tirocinio, obbligatorio per entrare di ruolo nei nidi d’infanzia del Trentino. Nel 2014, infatti, una delibera della Provincia Autonoma di Trento ha stabilito che per essere assunti come educatori nei nidi d’infanzia e nei servizi integrativi al nido è necessario aver svolto un tirocinio svolto nei servizi educativi per l’infanzia.

 

Purtroppo, non tutti i corsi universitari prevedono tale possibilità e, per questa ragione, la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano da diversi anni ha istituito il pacchetto formativo “Didattica al nido”. Grazie ad esso, gli aspiranti educatori possono completare la loro formazione universitaria ed essere in regola con i requisiti strutturali previsti dall’albo provinciale.

 

Chi si iscrive, potrà svolgere le 100 ore di tirocinio previsto e dovrà inoltre frequentare due corsi di 30 ore ciascuno, dedicati rispettivamente ad approfondire tematiche legate alla cura e allo sviluppo dei bambini tra gli 0 e i 3 anni”, spiega Renata Boni, coordinatrice del pacchetto formativo e tutor coordinatore di tirocinio alla Facoltà di Scienze della Formazione.

 

Le iscrizioni – dal 14 settembre all’8 ottobre 2020 - possono essere effettuate sul portale della Libera Università di Bolzano. I posti a disposizione sono 20. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare la segreteria degli studenti della Facoltà di Scienze della Formazione (0472 012 200) oppure consultare la pagina dedicata di vivoscuola.it.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 11:06

Gian Marco Prampolini, presidente Leal, e Natascia Pecorari, presidente di Salviamo gli Orsi della Luna, hanno fatto la richiesta agli atti e ottenuto il report della visita dei carabinieri di Costa dentro il Casteller: ''Stanno facendo vivere ai tre orsi un vero calvario. Temiamo per la loro vita e attendiamo fiduciosi che il Ministro Costa, che prima di noi ha ricevuto la relazione del sopralluogo dei Cites, faccia la sua parte e prenda provvedimenti previsti dalla legge''

30 settembre - 15:59

In vista del ballottaggio del 4 ottobre a Bolzano e a Merano, l'Anpi altoatesina ha deciso di fare una scelta di campo appoggiando Renzo Caramaschi e Paul Rösch. Troppe le situazioni giudicate inaccettabili nello schieramento opposto, tra l'appoggio dei Freiheitlichen a Zanin e quello di Fratelli d'Italia a Dal Medico. Il presidente Guido Margheri: "Quando si gioca con certi valori fondamentali bisogna mettere dei paletti"

01 ottobre - 13:05

Denunce ritirate contro gli attivisti anti-pesticidi? Niente affatto, Bolzano fa di nuovo retromarcia e il processo andrà avanti. Gli accusati: “L’assessore ha mentito pubblicamente riguardo al ritiro delle querele, vogliono obbligarci a nascondere all’opinione pubblica i dati sul reale utilizzo dei pesticidi in Alto Adige”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato