Contenuto sponsorizzato

Fondazione Caritro mette a disposizione 2,5 milioni di euro per giovani ricercatori. "Obiettivo: favorire la crescita del Trentino"

Sono tre i bandi pubblicati da Fondazione Caritro a sostegno di ricercatori e ricercatrici. Il presidente Mauro Bondi: "La logica di investimento è quella di incrementare la collaborazione tra ricercatori, centri di ricerca, enti e imprese del territorio. In questo modo riusciamo a raggiungere un duplice obiettivo: offrire percorsi di formazione per le nuove generazioni e facilitare le applicazioni degli studi sviluppati nei centri di ricerca”

Pubblicato il - 28 febbraio 2020 - 12:23

TRENTO. Fondazione Caritro, da sempre attenta a giovani e territorio, mette a disposizione 2,5 milioni di euro per progetti di studio e sviluppo. Sono tre i bandi pubblicati che confermano, ancora una volta, come anche nel settore della ricerca scientifica la Fondazione sia da sempre attenta alla crescita del territorio, tanto che negli ultimi 26 anni di attività l’andamento delle erogazioni ha sempre registrato un incremento positivo fino a raggiungere i 132 milioni.

 

“La logica di investimento – commenta Mauro Bondi, Presidente di Fondazione Caritro - è quella di favorire la crescita del Trentino e di incrementare la collaborazione tra ricercatori, centri di ricerca, enti e imprese del territorio. In questo modo riusciamo a raggiungere un duplice obiettivo: offrire percorsi di formazione per le nuove generazioni e facilitare le applicazioni degli studi sviluppati nei centri di ricerca”.

 

Il primo bando, rivolto a post-doc, prevede un budget complessivo di 550 mila euro per dottori di ricerca che vogliono crescere professionalmente all'interno di progetti rivolti al territorio e promossi con realtà del settore della Provincia di Trento. Il termine per presentare i progetti è il 20 maggio e il contributo richiesto alla Fondazione non può essere superiore a 25.000 euro annui lordi per la copertura della borsa/assegno/contratto di ricerca per il giovane ricercatore. 

 

Fondazione Caritro, con questi tre bandi, ha voluto anche sostenere progetti "di ricerca su tematiche umanistiche e sociali". “Questa è una iniziativa inedita – spiega Filippo Manfredi, direttore generale di Fondazione Caritro - che prevede il coinvolgimento di giovani qualificati che svolgeranno una ricerca mirata in specifiche dinamiche culturali e sociali le cui ricadute diverranno concrete per il contesto territoriale”.

 

I progetti potranno avere durata biennale, dovranno essere presentati entro il 5 maggio e dovranno fare riferimento ad una tra le seguenti aree tematiche:

1) L'apertura internazionale come stimolo per la crescita e lo sviluppo delle non-profit trentine

2) Reti e collaborazioni come opportunità di crescita 

3) Collaborazioni tra profit e non-profit per l’individuazione di nuove opportunità di formazione ed inserimento lavorativo

 

Oltre a questi due, è stato pubblicato anche un terzo bando di ricerca e sviluppo che prevede l'importante collaborazione con Cariverona. La finalità di questo bando è di sostenere ricerche scientifiche applicate al mondo dell’impresa, offrendo quindi opportunità di lavoro per i giovani ricercatori post-doc e avvicinando gli enti di ricerca agli enti economici. Il budget messo a disposizione complessivamente è di 1 milione e 800 mila, 600 mila dei quali provenienti da Fondazione Cartiro.

 

I bandi e i requisiti di accesso sono consultabili sul sito della Fondazione (QUI SITO).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato