Contenuto sponsorizzato

Università, dati Ocse: Collini "Laureati preparati ma il mercato del lavoro non funziona bene"

Il rettore dell'Università di Trento ha commentato gli ultimi dati Ocse. Per Collini "Il nostri sistema universitario con pochi finanziamenti riesce però a fare molto in termini di qualità della ricerca e di formazione"

Foto ©Alessio Coser per UniTrento
Di gf - 12 ottobre 2017 - 17:40

TRENTO. In Italia ci sono pochi laureati e quelli presenti oltre ad essere poco preparati nelle competenze di base scelgono aree per nulla appetibili dal punto di vista lavorativo. E' un giudizio molto severo quello che nei giorni scorsi è arrivato dall'Ocse sulla situazione universitaria italiana.

 

“Un giudizio che non possiamo considerare rivolto al sistema universitario italiano ma un giudizio sull'Italia” è il commento arrivato oggi dal rettore dell'Università di Trento, Paolo Collini.

 

“L'Italia è un paese che spende poco per l'università – spiega Collini – a differenza ad esempio della Germania dove la spesa in questo settore è doppia rispetto la nostra. Il nostro sistema universitario, però, con poco riesce a fare molto in termini di qualità della ricerca oltre che nella formazione”.

 

Il problema, quindi, non si deve cercare all'interno degli atenei italiani ma non sistema lavorativo.

 

“Non è l'Università che non prepara bene – spiega il rettore – ma c'è un mercato del lavoro che non funziona bene e in questi anni la situazione è peggiorata. L'Italia ha pagato più di altri in termini di occupazione giovanile. Il nostro sistema ha tutelato gli adulti e siccome la torta non è grande qualcuno è rimasto fuori e questi sono stati i giovani ”.

 

La nostra università, insomma, ha altri problemi ma non quelli sulla formazione delle persone. “Ci sono altri problemi – conclude Collini – a partire dalla governance, che comunque nel tempo sono diminuiti e che soprattutto riguardano il sistema Paese”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

13 novembre - 12:49

I disagi provocati dalle precipitazioni nevose di questa notte sono diffusi su tutto il territorio provinciale. La possibile caduta di alberi e il pericolo valanghe ha portato alla chiusura di alcuni passi e tratti di strade provinciali. In Tonale la neve caduta ha raggiunto i 70 centimetri. Abbondanti fiocchi sono scesi in tutte le vallate del Trentino

13 novembre - 05:01

Massimo Kunle D'Accordi, giurista, ricercatore e consulente in materia di immigrazione è un profondo conoscitore della mafia nigeriana. Sua una delle ricerche più importanti sul fenomeno. Fondamentale l'attenzione messa dalle forze dell'ordine. "Sul piano locale - spiega - la penetrazione e il radicamento delle organizzazioni mafiose nigeriane dipenderà anche dalle azioni, sul piano sociale e della conoscenza, che il Trentino saprà attuare per fronteggiare il fenomeno"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato