Contenuto sponsorizzato

Al via le proiezioni del Trento Film Festival, venticinque i film in concorso

Nove giorni intensi in cui non è facile scegliere, dipende dagli interessi, ce n’è per tutti. Non importa il bello o brutto tempo, ormai andare al Trento Film Festival è un rito annuale e le file lo confermano

Di Alda Baglioni - 28 aprile 2018 - 16:03

TRENTO. Se è vero che le certezze rendono solido un pensiero, la presenza di Reinhold Messner con un film inedito “Holy mountain” in concorso e con incontri serali, ci rassicura.

 

Sessantaseiesima edizione, un cielo stellato ci accoglie, l’immagine del manifesto. Non è un festival per pochi eletti, il Trento Film Festival. E’ una macchina organizzativa in continua evoluzione, anche grazie alle novità come il paese ospite, quest’anno: il Giappone.

 

Cambi di presidenza, Roberto De Martin passa lo scettro a Mauro Leveghi che porta la sua esperienza. Cambio di giuria. Non cambia il direttore Luana Bisesti e il responsabile del programma cinematografico, il collaudato Sergio Fant, onnipresente, controllore a 360 gradi. Non cambia la serata d’apertura, il 26 aprile, con il film muto restaurato, musiche dal vivo  dell’Orchestra Città Aperta, “Visages d’enfants” di Jacques Feyder, 1925.

 

Nove giorni intensi in cui non è facile scegliere, dipende dagli interessi, ce n’è per tutti. Non importa il bello o brutto tempo, ormai andare al Trento Film Festival è un rito annuale, le file lo confermano. I previdenti hanno già fatto l’abbonamento con un prezzo agevolato. Ma parliamo di cinema, centocinquanta proiezioni.

 

I film in concorso sono venticinque. Una scelta calibrata: spesso i registi sono pluripremiati, già conosciuti e a volte già premiati al Festival. Oggi, primo giorno di proiezione viene presentato “Mountain” dell’australiana Jennifer Peedom.

 

Già considerato tra i migliori, da consigliare, la regista è conosciuta al Festival, nel 2016 ha vinto il Premio del Pubblico Alpinismo con “Sherpa”. La regista, con immagini oniriche, vede la montagna non come oggetto di svago o un nemico da superare, ma come un limite da scavalcare per rinforzarsi. 

 

Oggi in cartellone anche “Tout là-haut” di Serge Hazanavicius, anteprima, un incontro fra un anziano campione snowboarder ed un giovane talentuoso che vuole scendere dalla via più estrema dell’Everest. Sicuramente l’amicizia fra i due sarà una molla vincente.

 

Da vedere anche in concorso“This cold life” di Darren Mann, dove, nella città di Longyearbyen, nell’arcipelago norvegese delle Svalbard, gli orsi sono più numerosi degli umani, che probabilmente  hanno trovato un modo per convivere. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 novembre - 05:01

E' un po' presto per tirare le conclusioni. Il percorso verso dicembre è lungo e ci sono audizioni, emendamenti e votazioni in mezzo. Ma la manovra sembra piccola, molto piccola, rispetto alle possibilità e alle capacità del Trentino. Tante scelte e decisioni potrebbero essere rimandate al prossimo assestamento di bilancio

19 novembre - 19:41

Sono una quarantina i soci iscritti alla cooperativa Radio Taxi Trento che operano sul territorio provinciale. "La sicurezza negli anni è diminuita" ha spiegato il presidente Braccia. Al via, intanto, il "Taxi Rosa" per donne e minori che possono usare i mezzi nella fascia notturna con un buono sconto di 5 euro

19 novembre - 20:12

I contesti più critici sono rappresentati dalle frane verificatesi nel fondo valle e dalle valanghe in alta quota, la Pat: “Monitoriamo la situazione”. Rimane chiusa la strada statale 240, che collega Riva del Garda con Torbole, per la possibilità che altri massi si stacchino dal Monte Brione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato