Contenuto sponsorizzato

Solidarietà, alla mensa dei poveri dei Cappuccini 25 mila euro dal Caaf del Nordest

Le risorse del fondo di solidarietà serviranno per realizzare una tettoia davanti ai locali del refettorio e una sala d'ascolto per le persone in difficoltà

Pubblicato il - 19 aprile 2018 - 09:37

TRENTO. Una tettoria all'esterno della mensa dei poveri e una sala d'ascolto per le persone in difficoltà. Questi interventi, che saranno realizzati presso la struttura dei Cappuccini di Trento, verranno sostenuti con i 25 mila euro donati dal Caaf del Nordest, raccolti nel Fondo si solidarietà che il patronato ha istituito.

 

I frati Cappuccini sono una realtà nota nell'ambito della solidarietà e del sostegno alle persone bisognose a Trento. Tutte le sere forniscono oltre un centinaio di pasti a chi non riesce ad avere i mezzi per sfamarsi da solo. I frati e i volontari, distribuiscono inoltre medicinali, pacchi viveri, sacchi a pelo e coperte per affrontare le notti all'aperto durante l'inverno e un servizio odontoiatrico gratuito. La tettoia servirà da riparo a quanti attendono di entrare in mensa prima dell'apertura, riparandosi almeno dalle intemperie.

 

I frati hanno manifestato l'esigenza di allestire una sala di ascolto, proprio per offrire alle persone in difficoltà la disponibilità di uno spazio di relazione. Caaf Nordest ha accolto queste richieste e deciso di sostenere il progetto.

 

Il fondo di solidarietà del Caaf Noredst (che riunisce oltre al Caaf del Trentino, anche quello dell'Alto Adige, di Rovigo e Belluno) funziona dal 1999. In quasi vent'anni sono stati raccolti oltre 1,9 milioni di euro e realizzati decine di interventi di sviluppo e sostegno ai più bisognosi.

 

I primi interventi riguardarono la Bosnia, dove venne costruito un asilo, costituita un’associazione di donne cui fu donato un terreno con una serra, realizzati un centro anziani e un centro medico e destinate borse di studio ai giovani. Da allora ogni anno si individuano nuove iniziative in aree disagiate o in stato di emergenza.

 

Il fondo è costituito da una piccola quota, 50 centesimi di euro che i caaf accantonano per ogni fattura emessa per le dichiarazioni dei redditi. Alle persone che usufruiscono dei servizi fiscali del caaf viene proposto di sostenere il progetto con la stessa somma, 50 centesimi, ma senza alcun obbligo. Nel 2017 circa il 50% ha aderito e, in Trentino, sono stati raccolti più di 14.000 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

12 luglio - 20:06

C’è sconcerto tra i segretari di Cgil, Cisl e Uil che, durante l’audizione in prima commissione del Consiglio provinciale, hanno appreso che la manovra di fatto prevede tagli al bilancio provinciale per 100 milioni di euro sul 2020 e per 200 milioni di euro sul 2021

12 luglio - 18:02

Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia. La Pat: "Rispetto a ieri migliorano decisamente i dati riferiti al contagio a Covid-19 in Trentino". In Alto Adige sono stati registrati 5 casi di nuova positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato