Contenuto sponsorizzato

Cresce l'attesa per il ''silent concert'' di Quarta alle caserme delle Viote. Al via l'edizione zero del Monte Bondone green festival

Il cantautore trentino Francesco Camin con un suo concerto tra musica e parola per "l’amore per gli alberi e la loro vita silenziosa", "I Tamburi del Sole", ma anche i giovanissimi della Mini street band i "Minipolifonici", senza dimenticare il "Coro le Voci del Bondone"

Pubblicato il - 21 settembre 2019 - 12:28

TRENTO. Al via la prima edizione del "Monte Bondone green festival" e cresce l'attesa per l'appuntamento di domenica 22 settembre, quando per la prima volta in 120 anni le caserme austroungariche aprono le porte per una manifestazione musicale, un "silent concert" a ingresso gratuito fino a 500 persone affidato al violinista e compositore Alessandro Quarta (Qui info e programma).

 

Nonostante le difficoltà e il rinvio delle date a causa del maltempo il programma va avanti. Le tappe di avvicinamento sono partite già questo sabato con le iniziative al giardino botanico, le esibizioni del gruppo "Aires Aires" per presentare la loro ultima fatica, il cd "Verso ovest".

 

Domenica il clou: il cantautore trentino Francesco Camin con un suo concerto tra musica e parola per "l’amore per gli alberi e la loro vita silenziosa", "I Tamburi del Sole", ma anche i giovanissimi della Mini street band i "Minipolifonici", senza dimenticare il "Coro le Voci del Bondone". 

 

Quindi spazio all'unica data in regione del tour "Alessandro Quarta Play Astor Piazzola", un concerto vero e proprio dove l’ascolto in cuffia per il pubblico intende abbattere l'inquinamento acustico”: tutto nella magica cornice delle Caserme austroungariche aperte per la prima volta in 120 anni ad un concerto. Voci e suoni autentici si fonderanno, infatti, con i colorii profumi e le suggestioni della natura.

 

 

Una “edizione zero” dove la musica, con il suo linguaggio universale, sarà il filo conduttore per un evento che vuole sperimentare, ricercare e innovare, ma nel valore del rispetto della natura e della salvaguardia dell'ambiente, un progetto che cerca di consolidare il collegamento tra arte, natura e turismo.

 

Il "Monte Bondone green festival" con il direttore artistico Fausto Bonfanti è nato dal basso dopo un confronto tra numerose realtà del territorio che ha portato alla costituzione, alcuni mesi fa, di un tavolo di lavoro specifico.coordinato da Sergio Costa (presidente della Pro loco Monte Bondone).

 

La kermesse è organizzata da Intersuoni-Bmumusic con il direttore organizzativo Ettore Caretta con il supporto di Provincia ComuneCircoscrizione di Sopramonte e quella di SardagnaMuse e Trentino MarketingApt TrentoMonte BondoneValle dei Laghi e Pro Loco. E ancora Asuc Monte BondoneAssociazione operatori Monte BondoneCoro Voci del BondoneFb Agency e Anima mundi creativity factory.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 giugno - 13:06

La Cgil non ha approvato le linee guida perché anche in questo caso non ha partecipato l'Inail ma ha contribuito a far cambiare alcune disposizioni. Mazzacca: ''Restano alcune perplessità, tra cui la più significativa è quella legata al numero di insegnanti per bambino. La nostra proposta era quella di un rapporto più basso, fino uno a cinque. La Provincia ha proposto uno a dieci. C’è stato comunque un passo avanti”

03 giugno - 12:26

E' ripartita ufficialmente la campagna elettorale per le elezioni comunali e il candidato per il centrosinistra Franco Ianeselli ha deciso di cominciare da Cristo Re. Rapido il suo intervento, in cui ha ringraziato chi ha gestito l'emergenza in città e lanciato le proposte per far ripartire Trento dopo la chiusura forzata causa epidemia. "Vogliamo una città che sostiene i più deboli e riparte dagli investimenti". Presentata anche l'iniziativa "Un fiume di idee", per coinvolgere la cittadinanza nelle definizione delle priorità

03 giugno - 11:27

Oltre 6000 firme per chiedere il ritorno alle lezioni in classe: “Vogliamo una scuola reale basata sul rapporto umano, ciò che è servito in un momento di emergenza, come al didattica a distanza, non può diventare la normalità perché questa modalità di relazione non è reale”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato