Contenuto sponsorizzato

Dal passo Mendola al santuario di S. Romedio con la funicolare tra le più ripide e lunghe d'Europa e un'escursione per festeggiare l'anno del turismo lento

Una proposta che l'Azienda per il turismo Val di Non mette in agenda per martedì 3 e 10 settembre nell'iniziativa "A piedi dal passo della Mendola al santuario di S. Romedio". Un trekking sostenibile in mezzo alla natura, nei luoghi poco affollati dell’Alta Val di Non, dove è possibile camminare indisturbati

Pubblicato il - 01 September 2019 - 18:24

PREDAIA. Un'escursione tra boschi, ruscelli e laghetti per scaricare lo stress e utilizzare solo la mobilità sostenibile, un modo per contribuire a conservare gli habitat naturali e festeggiare dodici mesi speciali: il 2019 è, infatti, l'anno del turismo lento. Una doppia proposta dell'Azienda per il turismo Val di Non tra camminate, funicolare e pullman per il rientro. Un'iniziativa che permette di scoprire alcuni lati nascosti del territorio noneso, ma anche quelli più noti in modo diverso.

 

Ogni anno migliaia di turisti visitano il passo Mendola, soprattutto dall'Alto Adige, mentre solo pochissimi prendono in considerazione le escursioni che scendono in Alta Val di Non, una fitta rete di sentieri ben mantenuti dove praticare trekking e jogging, ma anche per andare a cavallo.

 

Ma sono tante le opportunità rispetto alla classica salita per cima al Monte Roen. E', infatti, possibile scendere, in poche ore di cammino pianeggiante o in leggera discesa, raggiungere l’Alta Val di Non per un’escursione che ricompensa con un panorama speciale sui pradiei e sulle Dolomiti di Brenta. Si può poi concludere in bellezza e spiritualità la gita con una visita al santuario di S. Romedio

 

E la combinazione è tanto semplice, quanto affascinante per un mix tra funicolare-cammino-pullman. Una proposta che l'Azienda per il turismo Val di Non mette in agenda per martedì 3 e 10 settembre nell'iniziativa "A piedi dal passo della Mendola al santuario di S. Romedio". Un trekking sostenibile in mezzo alla natura, nei luoghi poco affollati dell’Alta Val di Non, dove è possibile camminare indisturbati.


(Foto di Stefano Battocletti)

Si parte alle 9 con mezzi pubblici, dalla stazione centrale di Bolzano si arriva agilmente alla partenza della funicolare della Mendola a S. Antonio, frazione di Caldaro. Un'opera ancora oggi tra le più ripide e più lunghe di tutta l’Europa: in appena 12 minuti si supera un dislivello di 854 metri.

 

A monte della stazione di arrivo, oltre a godere di una vista mozzafiato sulla Val d’Adige, un esperto accompagnatore di territorio (bilingue) guiderà i partecipanti in un’emozionante percorso naturalistico e culturale, si inizia proprio dal passo della Mendola con le sue antiche dimore della corte imperiale asburgica.

 

Il percorso attraversa Ruffrè, il paese dei masi e, dopo una breve sosta ai laghetti, rientra nel bosco per transitare sul tracciato di un vecchio canale irriguo. Il sentiero pianeggiante conduce fuori dal bosco proprio sopra Cavareno e si apre il panorama su un altopiano fin lì nascosto, ettari di verdi praterie conosciute come i pradiei.

 

Dopo la pausa pranzo nel centro storico e una breve sosta golosa alla Latteria Sociale di Cavareno, tra i tanti caseifici sociali presenti in alta valle che producono il formaggio Trentingrana, si riprende il cammino attraversando la campagna e il piccolo paese di Don.

 

Il sentiero si immette nuovamente nel bosco fino a scoprire la maestosa e mistica bellezza del santuario di San Romedio, abbarbicato su un’alta roccia. Non può mancare la visita all’eremo e un saluto a “Bruno", un bell’esemplare di orso abruzzese ospitato dai frati francescani.

 

Il rientro al Passo Mendola è garantito dal pullman dell’Apt alle 16, mentre i più allenati possono percorrere a piedi il sentiero nella roccia (un antico canale irriguo a strapiombo sulla parete rocciosa) che dal Santuario arriva fino a Sanzeno e lì prendere il pullman di rientro. La prenotazione dell'escursione è obbligatoria entro le 17 del lunedì precedente l'attività agli uffici dell'Azienda per il turismo Val di Non (Tel. 0463 830133 - info@visitvaldinon.it).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
13 giugno - 06:01
Secondo la legge regionale 6/2012, le indennità mensili dei consiglieri vanno “rivalutate annualmente sulla base dell'indice Istat”, [...]
Cronaca
13 giugno - 07:57
Sono stati attimi di paura quelli vissuti venerdì sera da una giovane coppia di Arco che aveva il figlio di 14 mesi che stava male. Ad aiutarli i [...]
Cronaca
13 giugno - 08:40
L'allarme è scattato nel tardo pomeriggio di ieri e ha visto l'intervento dei vigili del fuoco di Tres e Taio e l'elisoccorso con l'equipe medica [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato