Contenuto sponsorizzato

Il Parco dello Stelvio si prepara per un'estate all'insegna della libertà e responsabilità. Tra le novità, tante esperienze gratuite per gli operatori attivi durante il coronavirus

Il Parco ha incrementato per l’estate 2020 le proposte dedicate al tema del benessere, in collaborazione con strutture termali ed esperti esterni. Come sempre, particolare attenzione viene data alle attività per famiglie: a maggior ragione dopo un lungo periodo di “chiusura forzata” in casa. Ecco tutte le proposte

Di Rebecca Franzin - 03 luglio 2020 - 18:46

PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO. Per l’estate ormai cominciata, il Parco dello Stelvio propone escursioni e camminate, accompagnati da esperti e guide alpine, per far godere dei benefici della montagna e dimenticare i giorni dell lockdown riscoprendo il contatto con la natura. E’ proprio per ringraziare gli eroi della crisi Covid-19 con il potere terapeutico della natura che la Val di Sole offre, a chi ha prestato servizio d’emergenza negli ospedali italiani, un ventaglio di esperienze fruibili gratuitamente per tre notti; parte di questo catalogo sono il programma “Top Nature” e “Discover the nature”, che permette di imparare l’inglese immersi nei boschi trentini. 

 

Basandosi su alcune ricerche giapponesi che evidenziano gli effetti preventivi e terapeutici svolti dai boschi di larice ed abete rosso, grazie all’emissione dei composti organici volatili, il Parco dello Stelvio ha organizzato dei nuovi percorsi. Il lunedì ed il venerdì con la passeggiata  “Bagno di foresta”, il lunedì e martedì con “Un respiro di natura” accompagnati da Elisa Zadra. Il mercoledì invece sarà possibile eseguire la passeggiata “Park therapy con la Fata dei fiori” con la naturopata delle Terme di Rabbi Margherita de Carli, che propone la camminata a piedi nudi come esperienza di benessere psico-fisico ed emotivo . 

 

I 130 mila ettari di boschi, prati, laghi e ghiacciai del Parco Nazionale dello Stelvio sono attraversati da sentieri tematici dotati di pannelli informativi, percorribili autonomamente ed in completa sicurezza. Una novità dell’estate 2020 è l’iniziativa “Sentieri Narranti”, che permette di visitare i luoghi del Parco camminando per 500 metri a piedi nudi su muschio, erba, pietre levigate e tronchi d’abete. Altro nuovo percorso percorribile in autonomia è il sentiero ad accesso libero “A piedi nudi nel Parco”. La camminata a piedi nudi (barefooting) apporta grossi benefici a circolazione sanguigna, postura, equilibrio e respirazione ed è consigliato sia agli adulti che ai bambini. Aiuta anche a ridurre lo stress, stimolare i sensi ed incrementare l’energia, perfetto per riprendersi dopo mesi passati al chiuso. Questo percorso è stato pensato in collaborazione con le Terme di Rabbi, località Còler. 

 

Inoltre, il servizio di mobilità sostenibile “Stelviobus” partirà domenica 5 luglio e rimarrà attivo fino al 6 settembre. Questa navetta, che permette di raggiungere agevolmente senz’auto l’alta Val di Rabbi e da lì il Parco dello Stelvio, era rimasta bloccata per colpa dell’emergenza coronavirus; il costo è di 5€ al giorno, 3€ per la sola discesa, mentre ci sono degli sconti per i bambini. Per ora riaprirà la linea principale di collegamento fra il parcheggio gratuito di Plazze dei Forni  con Còler, ma nei prossimi giorni si valuterà la possibilità di aprire altre linee.

 

Per persone diversamente abili e famiglie con passeggino è possibile, da Plazze dei Forni, proseguire indisturbati dalle auto lungo il fondovalle e raggiungere le antiche segherie di Braghje e dei Bègoi. I parcheggi interni alla valle costano 5€ al giorno e sono raggiungibili prima delle 9.45; dalle 9.45 alle 17.00 si può accedere alla valle solo a piedi o con mezzi sostenibili come biciclette, e-bike o con lo Stelviobus.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 agosto - 16:27

Una delle conseguenze del lockdown è stato l'inevitabile allungamento dei tempi delle liste di attesa, in particolare per quelle prestazioni per le quali non è stato possibile ricorrere alla telemedicina. Oggi la Giunta provinciale ha dato mandato all'Apss di coinvolgere e responsabilizzare le strutture private accreditate e convenzionate con il servizio sanitario provinciale per contenere i tempi massimi di attesa delle visite

07 agosto - 17:43

Il Trentino sale a 5.614 casi e resta a 470 decessi da inizio epidemia. Sono 5 i pazienti con Covid-19 nel reparto di malattie infettive. Sono stati analizzati nelle ultime 24 ore 1.252 tamponi

07 agosto - 18:21

L'allerta è scattata in val di Fassa. La 14enne stava percorrendo la pista ciclabile a Moena, ma ha perso il controllo della bici nel tratto in discesa all'altezza della caserma della polizia. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato