Contenuto sponsorizzato

Prodotti tipici e cucina tradizionale, area bimbi e natura: prende il via la stagione di malghe e rifugi in val di Non che non si ferma a Covid-19

La malga di Revò ha ripreso ufficialmente l'attività e anticipa il periodo di riapertura di malghe e rifugi in val di Non. Tutte le info utili

Di L.A. - 16 dicembre 2020 - 11:21

CLES. Con la Malga di Revò, che da lunedì 14 dicembre ha ripreso ufficialmente l’attività, parte il periodo delle riaperture di malghe e rifugi della val di Non

 

"Il bel tempo ha portato un buon afflusso di persone in montagna. Gli ampi spazi del nostro territorio possono offrire una garanzia per il rispetto delle distanze di sicurezza. Speriamo - commenta Lorenzo Paoli, presidente dell'Azienda per il turismo val di Non - che le nostre malghe e i nostri rifugi possano continuare la propria attività a servizio della clientela. Come Apt forniremo tutta la collaborazione necessario in termini di comunicazione e per quanto riguarda il supporto logistico".

 

Aperta tutti i giorni fino al 10 gennaio 2021, e successivamente solo il sabato e la domenica, la malga gestita da Peter Schwienbacher propone cucina tipica tirolese, un'attività raggiungibile a piedi in 20 minuti dal parcheggio Hofmahd, prima di imboccare la galleria lungo la strada che collega Proves alla val d’Ultimo. 

 

Dal 19 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è aperta tutti i giorni la Malga di Romeno, raggiungibile a piedi da passo Mendola percorrendo il sentiero 500: a malga dispone di 16 posti letto e di un’area bimbi esterna con giochi. 

 

Aperta tutti i giorni dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021  e successivamente nei weekend, la Malga di Cloz è raggiungibile seguendo lo stesso tragitto che porta alla malga di Revò. Propone formaggio e prodotti tipici. 

 

Sempre dal 21 dicembre al 6 gennaio tutti i giorni e successivamente durante i weekend, riapre anche il Rifugio Mezzavia sul Monte Roen.  La Malga Luco sarà aperta dal 23 dicembre 2020 al 10 gennaio 2021 tutti i giorni e dall’11 gennaio il sabato e la domenica. Si raggiunge in macchina il parcheggio del Passo Palade per poi continuare a piedi per circa 1 ora. 

 

Dal 26 dicembre fino all’Epifania tutti i giorni, in seguito dal venerdì alla domenica fino a metà giugno, riapre anche il Rifugio La Monteson. Il Rifugio Le Regole di Malosco è aperto tutto l’anno.  

 

Il Ristorante Hotel Il Falchetto apre dal 27 dicembre 2020 al 10 gennaio 2021 tutti i giorni, e dal’11 gennaio il venerdì, il sabato e la domenica.  La Malga San Felice è aperta nei week end e  tutti i giorni durante le festività. Malga Kessel apre solo su prenotazione per gruppi di minimo 8-10 persone il sabato e la domenica. 

 

La Malga di Lauregno apre dopo il 10 gennaio 2021 solo la domenica, ma non in caso di maltempo. Nella zona “Predaia”, il ristorante Solarium Predaia sarà aperto dal 20 dicembre 2020 al 10 gennaio 2021 tutti i giorni. 

 

La Malga Rodeza di Tres, che propone formaggi, miele, succo di mela, erbe officinali, è aperta nei week end.  Il Rifugio Predaia Ai Todes’ci offre tutti i giorni il servizio bar, mentre il ristorante è aperto fino alle Festività solo sabato e domenica. Durante le festività ristorante anche il ristorante aperto tutti i giorni. Il Rifugio Sores è chiuso e prevede di aprire in primavera, verso Pasqua. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato