Contenuto sponsorizzato

In Val di Non malghe e rifugi riaprono i battenti agli escursionisti (ecco quali e quando). Chiuse quelle sul versante altoatesino

Con l'avvento del nuovo Dpcm e delle ordinanze delle province, in Val di Non ripartono le attività delle strutture in alta quota. Rimangono chiuse quelle altoatesine, colpite dall'ordinanza di Kompatscher

Di M.Sartori - 27 January 2021 - 11:25

VAL DI NON. Riaprono i battenti le strutture in alta quota della Val di Non: malghe e rifugi accoglieranno nuovamente ospiti dopo un’escursione tra le cime delle montagne. In molti aspettavano questo momento per tornare a vivere l’esperienza di un buon piatto tipico trentino al caldo, gustato in compagnia giusto prima di intraprendere una seconda scarpinata o sciata verso valle. Finalmente si potrà tornare a farlo, ovviamente rispettando le misure di sicurezza.

 

Purtroppo non tutte le strutture della valle potranno beneficiare della riapertura. Infatti, vista l’ordinanza del presidente Kompatscher (Qui articolo), tutte le malghe e i rifugi in Provincia di Bolzano dovranno rimanere chiuse per almeno altre due settimane, inclusi ovviamente tutti quelli nella parte settentrionale della Val di Non. Si spera che la situazione migliori nel corso dei prossimi giorni, permettendo a tutti di riaprire.

 

Qui l’elenco di malghe e rifugi che riapriranno:

 

MALGA DI ROMENO - 1769 m     

Gestore: Francisci Cristina

Info: cell 340-1559707 / 335 287777 – cristinafrancisci@tiscali.it

A piedi: da Passo Mendola sentiero 500

Pernottamento: 16 posti letto 

Area bimbi esterna con giochi 

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: aperta tutti i giorni (info 16/01/2021)

 

MALGA RODEZA – TRES - 1570 m

Gestore: Micaela Widmann e Rizzardi Igor Azienda Agricola S. Romedio

Info: Tel. 328-3560334 / 328-2841400 www.malgarodeza.it           

In auto: 5 minuti in auto dal Rifugio Predaia Ai Todes-ci lungo strada forestale 

A piedi: 30 minuti dal Rifugio Predaia Ai Todes-ci seguendo il sentiero SAT 503

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: contattare direttamente il proprietario per verificare l’apertura

 

RIFUGIO MEZZAVIA – Monte Roen - 1600 m

Contatti: 0463 636085 / 339 4366194 

Ristorazione: cucina tipica trentina/altoatesina

Apertura: aperto sabato e domenica; per verificare apertura durante la settimana contattare i gestori

 

RIFUGIO LA MONTESON - 1370 m, loc. Regole di Malosco

Contatti: 0463 – 870121

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: contattare direttamente il proprietario per verificare l’apertura  

 

RIFUGIO PREDAIA AI TODES’CI - 1396 m

Contatti: 0463 463138 www.rifugiopredaia.com 

Apertura: venerdì, sabato e domenica aperto bar e ristorante; gli altri giorni aperto solo il bar  

 

RISTORANTE SOLARIUM PREDAIA - 1250 m Passo Predaia

Contatti: 0463 463015 www.solariumpredaia.it; solarium.predaia@gmail.com

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: contattare direttamente il proprietario per verificare l’apertura

 

RISTORANTE HOTEL IL FALCHETTO – 1370 m, loc. Regole di Malosco

Contatti: 0463 870188; 335 8239373 info@hotelilfalchetto.it 

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: aperto sabato e domenica (meglio con prenotazione)

 

RISTORANTE MENDELSTUBE – 1360 m, loc. Campi Golf

Contatti: 350 1395586 info@mendelstube.it 

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: aperto sabato e domenica, per verificare apertura durante la settimana contattare i gestori  

 

RIFUGIO LE REGOLE - 1370 m, loc. Regole di Malosco

Contatti: 0463 870114 

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: a febbraio 2021, telefonare per verificare l’apertura  

 

RIFUGIO SORES 

Contatti: 329 6927869

Ristorazione: cucina tipica trentina

Apertura: in primavera verso Pasqua.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 March - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 March - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato