Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Bolzano fa un passo indietro e prepara nuove restrizioni. Kompatscher: “La nostra strategia di testare molto non è premiata”

Bolzano fa un passo indietro dopo la mancata accettazione della classificazione del Cts e l'inserimento a livello europeo nella "zona rosso scuro". Pronta una nuova ordinanza che introduce restrizioni da domenica 31 gennaio. Kompatscher: "Sappiamo che le classificazioni nazionali e europee hanno conseguenze giuridiche. Per questo abbiamo deciso di prendere atto di questa situazione"

Di Davide Leveghi - 26 gennaio 2021 - 13:34

BOLZANO. Novità in vista in Alto Adige, dove il presidente Arno Kompatscher si appresta a firmare una nuova ordinanza. Il braccio di ferro con Roma sulla colorazione decisa dal Cts, infatti, non poteva che avere una coda, a maggior ragione dopo la conferenza stampa effettuata dalla Commissione europea in cui la provincia di Bolzano è stata inserita in una nuova “zona rosso scuro” - con un'incidenza della pandemia su 14 giorni superiore ai 500 infetti ogni 100mila abitanti.

 

Questa classificazione, se confermata, potrebbe portare a misure restrittive nei confronti dei residenti dell'Alto Adige, che per recarsi all'estero dovrebbero effettuare un tampone e sottoporsi alla quarantena obbligatoria. “Si è discusso a lungo sulla situazione giuridica in cui ci troviamo – ha esordito Kompatscher – la Provincia di Bolzano ha seguito con successo una strategia che si è discostata a livello nazionale e forse anche europeo. La nostra strategia è consistita nell'effettuare molti più test e tamponi sulla popolazione, che hanno ridotto il carico pandemico nella nostra provincia”.

 

“Con questa idea abbiamo perseguito gli obiettivi di identificare e isolare gli infettati, tutelando il sistema sanitario, e di permettere le attività economiche e sociali oltre quanto previsto da classificazioni statali – ha continuato - siamo convinti che sia vincente, anche se sia a livello italiano che europeo ci classificano come zona a rischio. La strategia di tanti test effettuati non viene premiata né a Roma né a Bruxelles. Da tempo chiediamo che si prenda in considerazione anche questo fatto, il numero di test su 100mila abitanti. Perché questo è davvero il quadro della situazione. Abbiamo dimostrato nelle ultime settimane che la nostra è una strategia vincente”.

 

Alla strategia perseguita da Bolzano, però, non è seguito un riconoscimento da parte di Roma né di Bruxelles. E così, ha spiegato il Landeshauptmann dopo giorni di silenzio dalla mancata accettazione della riconferma in zona rossa, l'Alto Adige non può che adeguarsi. “Sappiamo che le classificazioni nazionali e europee hanno conseguenze giuridiche, sia per quanto riguarda le limitazioni agli spostamenti sia per i ristori. Per questo abbiamo deciso di prendere atto di questa situazione, che non è cambiata tanto dal 7 gennaio in verità. Da domenica vigeranno regole più severe, con la chiusura di bar e ristoranti e la raccomandazione a portare le mascherine Ffp2 nelle situazioni più a rischio”.

 

L'accettazione delle restrizioni, dicono dalla giunta, non consisterà però in un'accettazione passiva delle decisioni nazionali ed europee. “Continueremo a lottare, anche a livello europeo, affinché siano cambiati i criteri e si tenga considerazione dei tanti tamponi effettuati. Faremo un'azione verso Ue. L'ordinanza, intanto, sarà preparata e firmata giovedì per entrare in vigore domenica. Continueremo coi test e a difendere il nostro sistema”, ha concluso.

 

“Continueremo a testare e per questo la giunta ha dato consenso agli screening nelle scuole superiori, che sappiamo avere dei contagi più elevati rispetto agli altri gradi – gli ha fatto eco l'assessore all'Economia Philipp Achammer – si tratta di 25mila giovani”.

 

Sugli aiuti economici, Achammer ha poi aggiunto. “Abbiamo deliberato i criteri per aiuti alle imprese. Vogliamo assicurare che misure a favore di nostre imprese ci saranno, affiancate agli aiuti statali. Il pacchetto poggerà su tre pilastri: aiuti diretti a imprese, aiuti a grandi imprese, programma congiunturale con investimenti in settori strategici. Gli obiettivi sono garantire sopravvivenza impresa colpite da crisi, tutelare posti di lavoro, aiutare persone che si trovano in situazioni precarie”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 17 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
17 gennaio - 19:36
Tra il 2015 e il 2021 l’indice medio dei prezzi è cresciuto in Trentino di 5,6 punti percentuali, mentre in Italia ci si attesta a +4,2%. [...]
Cronaca
18 gennaio - 11:54
Con i tanti non vaccinati sul territorio l'Alto Adige rischia di essere un territorio che farà fatica a rendere endemica la presenza del virus e [...]
Politica
18 gennaio - 13:03
Il consigliere della Lega, Denis Paoli, ha chiesto le dimissioni due due esponenti dei Süd-Tiroler Freiheit: "Fino a prova contraria – [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato