Contenuto sponsorizzato

Scuole dell'infanzia, al via a febbraio le iscrizioni. Dal metodo Montessori alla copertura vaccinale, dall'orario prolungato ai criteri. Quello che bisogna sapere

La Giunta provinciale ha approvato i termini e le modalità di iscrizione alla scuola dell'infanzia per l'anno scolastico 2020/2021

Pubblicato il - 19 gennaio 2020 - 16:55

TRENTO. La Giunta provinciale ha approvato i termini e le modalità di iscrizione alla scuola dell'infanzia per l'anno scolastico 2020/2021. Le iscrizioni saranno aperte da lunedì 3 a lunedì 10 febbraio. Hanno diritto all'iscrizione i bambini residenti o domiciliati in provincia di Trento che compiono il terzo anno di età entro il 31 gennaio 2021 e fino all’età d’inizio dell'obbligo scolastico. Anche per l’anno scolastico 2020/2021 la domanda di iscrizione dovrà essere presentata on line (Qui info in area infanzia, scuola e formazione).

 

Tempi e criteri. Il periodo per la raccolta delle iscrizioni va dal 3 al 10 febbraio 2020. Le iscrizioni online sono effettuabili dalle 8 del 3 febbraio fino alle 20 del 10 febbraio 2020, attraverso l’accesso al portale mediante Spid e utilizzando le credenziali fornite dal proprio gestore.

 

In alternativa è ancora possibile utilizzare la Tessera sanitaria/Carta provinciale dei aervizi, in precedenza abilitata presso gli sportelli presenti sul territorio (sportelli periferici della provincia, comuni, azienda provinciale per i servizi sanitari). Il completamento delle operazioni di iscrizione a cura dei richiedenti si esplica con la compilazione delle schede predefinite e successivo invio telematico delle stesse.

 

Si può presentare domanda presso una sola scuola dell'infanzia. Possono essere iscritti i bambini residenti o domiciliati in provincia di Trento che compiono il terzo anno di età entro il 31 gennaio 2021 e fino all'età di inizio dell'obbligo scolastico (bambini nati nel periodo dal 1 gennaio 2015 al 31 gennaio 2018).

 

Anche per l’anno scolastico 2020/2021 particolare attenzione viene riservata alle famiglie di bambini residenti e domiciliati fuori dall’area di utenza della scuola, per i quali la scelta della scuola è legata alla sede di lavoro di almeno uno dei due genitori, o in caso di genitori entrambi lavoratori, da fattori di organizzazione familiare legati all’accudimento dei bambini da parte dei nonni residenti o domiciliati nell’area di utenza della scuola individuata.

 

Pre-iscrizioni. Le domande di pre-iscrizione per i bambini che compiono i tre anni di età tra il 1 febbraio e il 31 marzo 2021, residenti o domiciliati in provincia di Trento, sono da presentare negli ordinari termini fissati dal 3 al 10 febbraio 2020 presso la scuola dell’infanzia dell’area d’utenza.

La pre-iscrizione consentirà alle famiglie di acquisire la precedenza nell'assegnazione dei posti disponibili per gennaio 2021, salva la necessità di conferma della domanda dal 1 al 7 ottobre 2020. Nella pianificazione del servizio scolastico provinciale, tenuto conto delle esigenze manifestate dalle famiglie e dell'offerta sul territorio dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, si porrà particolare attenzione alle iscrizioni dei bambini nati nel periodo febbraio-marzo 2018 al fine di favorire l'ingresso anticipato alla scuola dell'infanzia dal mese di gennaio 2021.

 

Orario prolungato. Come stabilito dalla Giunta provinciale, il concorso finanziario per l'utilizzo del servizio dell'orario prolungato resterà invariato rispetto alle tariffe dell’anno in corso. La riduzione interessa sia le tariffe massime che le tariffe agevolate, su base Icef, del servizio di orario prolungato.

 

La tariffa mensile agevolata per un'ora di prolungamento ulteriore rispetto alle 7 ore ordinarie di servizio di scuola dell'infanzia, andrà da un minimo di 7,50 euro ad un massimo di 20 euro; per due ore di servizio giornaliere si pagheranno da 15 a 40 euro al mese, mentre per 3 ore massime di servizio giornaliero si pagheranno dai 22,50 euro ai 60 euro. Le tariffe annuali sono determinate moltiplicando le tariffe mensili per dieci mesi, durata massima di fruizione del servizio.

 

Accesso ai percorsi "Montessori". Il provvedimento stabilisce inoltre i criteri per l’accesso ai percorsi “Montessori”, garantendo l’accesso anche ai bambini esterni al bacino d’utenza della scuola. Per l’ammissione ai percorsi sono stabiliti  criteri di priorità che tengono conto in primo luogo della pregressa esperienza educativa di impostazione montessoriana di scuola dell’infanzia sul territorio provinciale (reiscrizioni) e della continuità familiare.

 

Disposizioni in materia di prevenzione vaccinale. La legge prevede specifici adempimenti vaccinali nella fascia di età tra i 0 e i 16 anni, stabilendo in particolare che la presentazione della documentazione attestante la regolarità della posizione vaccinale è requisito di accesso ai servizi educativi/scolastici. Nella Provincia di Trento la verifica della regolarità vaccinale dei bambini iscritti alle scuole dell’infanzia provinciali ed equiparate è effettuata tramite la trasmissione all’Azienda provinciale per i servizi sanitari degli elenchi dei bambini iscritti. Lo stato di conformità vaccinale è condizione per l’ammissione alla frequenza del servizio di scuola dell’infanzia. Per le iscrizioni ordinarie le famiglie dei minori risultanti non in regola con gli adempimenti vaccinali saranno invitate a depositare, entro il 10 luglio 2020, la documentazione comprovante lo stato di conformità vaccinale, pena la decadenza dall’iscrizione prevista dalla citata normativa per l’anno scolastico 2020/21.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 20 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 gennaio - 19:59
Trovati 2.375 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 3.257 guarigioni. Sono 167 i pazienti in ospedale. Tutti i Comuni sul [...]
Cronaca
21 gennaio - 20:17
Il partito austraico no vax Mfg ha dovuto disdire la conferenza stampa prevista nel noto Café Museum di Vienna a causa della regola del 2G, [...]
Economia
21 gennaio - 17:09
Nel settore melicolo i costi sono lievitati di circa 30 millesimi di euro al chilo, in buona parte dovuti all’aumento dell’energia elettrica [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato