Contenuto sponsorizzato

Grande attesa per la finale di ''Music 4 the Next Generation''. Il concorso con Fondazione Caritro che premia la band vincitrice con 10 mila euro

Dopo le semifinali organizzate in Trentino, la finale è prevista per lunedì 26 luglio alle 21.30 sul palco del Censer di Rovigo. Il primo classificato riceverà un premio in denaro di 10.000 euro. Gli altri 4 finalisti riceveranno un premio di 5.000 euro ciascuno. I premi in denaro saranno investiti nella formazione e nella crescita musicale delle band

Pubblicato il - 25 luglio 2021 - 15:51

  

TRENTO. Grande attesa per la serata conclusiva di "Music 4 the Next Generation”, concorso nato per promuovere un’interpretazione della tradizione musicale classica alla luce delle sensibilità contemporanee. Le cinque band finaliste si sfideranno sul palco “a colpi di note” con l’Orchestra di Padova e del Veneto. Presenterà la serata Moreno Morello, conduttore e inviato di “Striscia la notizia”.

 

Dopo le semifinali organizzate in Trentino (Qui articolo), la finale è prevista per lunedì 26 luglio alle 21.30 sul palco del Censer di Rovigo. Il primo classificato riceverà un premio in denaro di 10.000 euro. Gli altri 4 finalisti riceveranno un premio di 5.000 euro ciascuno. I premi in denaro saranno investiti nella formazione e nella crescita musicale delle band. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria (Qui info) e in caso di maltempo la manifestazione si svolgerà al coperto. 

 

E' l'atto conclusivo dell'evento musicale promosso e sostenuto da Fondazione Caritro, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Fondazione Cariverona con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Fondazione Banca del Monte di Rovigo e con la collaborazione del Teatro Ristori di Verona, del Conservatorio Bonporti” di Trento, del Conservatorio Monteverdi” di Bolzano e della Filarmonica di Rovereto.

 

Obiettivo del concorso è promuovere un’interpretazione della tradizione musicale classica alla luce delle sensibilità contemporanee, per colmare la distanza tra generazioni, pubblici e mondi musicali diversi. Da qui l’invito, indirizzato a giovani gruppi musicali under 35, a comporre una libera rielaborazione tematica, armonica e ritmica di alcune pagine tratte dalla grande tradizione classica, senza alcun limite di genere musicale e strumenti.

 

La sfida è stata raccolta da trentasette band, che si sono confrontate con autori del calibro di Mozart, Bach, Alessandro Marcello, Geminiani, Vivaldi, Haendel, Beethoven, Dvorak, Tchaikovsky e Offenbach.

 

A selezionare le rielaborazioni migliori è stata una giuria tecnica composta da Roberto Cipelli, pianista, titolare della cattedra di Jazz al Conservatorio “Bonporti” di Trento, fondatore del Paolo Fresu Quintet; Alberto Martini, violinista, docente di Violino al Conservatorio “Marenzio” di Brescia, direttore artistico e musicale de “I Virtuosi Italiani”, direttore artistico del Teatro Ristori di Verona; Alessandro Solbiati, compositore, pianista, docente di Composizione presso il Conservatorio “Verdi” di Milano, collaboratore di Rai Radio3; Gegè Telesforo, cantante, musicista, conduttore televisivo e radiofonico (Radio24).

 

Dopo la semifinale, tenutasi l’8 luglio scorso al Teatro Sociale Capovolto di Trento, sono rimaste in gara cinque band che saranno chiamate a sfidarsi al Censer di Rovigo con l’Orchestra di Padova e del Veneto. I brani finalisti saranno prima eseguiti in versione ‘classica’ dall’Opv per poi essere reinterpretati in chiave ‘contemporanea’ dai cinque gruppi selezionati. A presentare la serata sarà il conduttore Moreno Morello, uno dei volti più amati del popolarissimo programma Tv Striscia la notizia.

 

Scopriremo quindi se il vincitore del concorso sarà la band Audible Penta Group con il brano Tearful, rielaborazione di Lascia ch’io pianga di Haendel, oppure Alefou del gruppo Ensemble Terra Mater, riedizione in chiave world & folk del tema della Follia di Geminiani.

 

Ad aggiudicarsi il trofeo potrebbe però essere lo scenario post-apocalittico degli Imalia, che in From the New Ancient World riprendono l’ultimo tempo della celebre Sinfonia “Dal Nuovo Mondo” di Dvorak. O, ancora, Roses dell’ensemble MaNiDa, versione jazz dell’Adagio dal Concerto per oboe di Alessandro Marcello. Infine, a dare battaglia a colpi di musica ci saranno i Rusty Brass, che in Barcarolinha para Rio con trombe, tromboni, tube e percussioni offriranno una versione nuova e sfrontata della Barcarola dai Racconti di Hoffmann di Offenbach.

  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 06:01
Il rifugio Filzi sul Finonchio ha chiuso la scorsa settimana la stagione estiva ed ora proseguirà, tempo permettendo, le aperture nei weekend. I [...]
Cronaca
28 settembre - 08:14
Misure meno stringenti sia per il mondo della cultura che in quello dello sport. Fondamentale rimane avere il Green pass e massima attenzione anche [...]
Cronaca
28 settembre - 08:28
L'epicentro è nella provincia di Treviso e il sisma è stato avvertito anche nei territori vicini. Le prime due scosse sono state avvertiti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato