Contenuto sponsorizzato

La passione per i giochi da tavolo a Trento si chiama Ludimus. L'idea lanciata da quattro giovani

Sabato 1 aprile i festeggiamenti del  primo anno di vita dell'iniziativa con un viaggio, a cui possono partecipare tutti gli appassionati, all'evento Modena Play

Di Giuseppe Fin - 11 marzo 2017 - 09:34

TRENTO. I giochi da tavolo non vanno mai in pensione e sfidano di continuo il tempo seguendo mode e evolvendosi senza mai fermarsi.

 

Lo stesso vale per la passione per questi giochi che a Trento ha fatto incontrare nel 2016 quattro giovani che nel viaggio di ritorno dall'evento “Modena Play”, l'appuntamento in Italia dove sono messi a disposizione 20.000 metri quadri allestiti con più di 1500 tavoli di giochi, hanno pensato di lanciare un nuova iniziativa dandogli il nome di Ludimus.

 

Un progetto che ha visto, nell'arco di quasi un anno, salire da quattro a sette gli organizzatori e soprattutto ha fatto incontrare, ogni due settimane, a Trento, dalle 40 alle 50 persone appassionate di giochi da tavolo.

 

Un'iniziativa attorno alla quale sta girando molto interesse. “Il nostro obiettivo – ha spiegato Mattia Larentis, uno degli organizzatori – è quello di diffondere la passione per i giochi da tavolo, ma anche offrire un luogo dove potersi incontrare e divertire oltre ovviamente insegnare a chi magari decide di avvicinarsi a questo mondo e vorrebbe imparare qualche gioco nuovo”.

 

Non c'è, ovviamente, alcun fine di lucro. Chi vuole contribuire economicamente per acquistare nuovi giochi lo può fare in maniera volontaria. Le persone coinvolte variano molto nell'età, da studenti delle superiori e dell'Università alle persone un po' più mature.

 

Ludimus organizza eventi ogni due settimane che coinvolgono una media di 50 persone che si ritrovano al bar – ristorante Simposio. Qui vengono portati dall'organizzazione i giochi da tavolo e vengono spiegati ai partecipanti. Quella del 20 marzo prossimo sarà la ventesima serata.  Ci sono poi gli eventi speciali con la partecipazione di case editrici e game designer che arrivano a Trento per provare i loro giochi o i loro "futuri" giochi.

La serata con più successo è stata organizzata con Cranio Creations e la Games Academy di Trento e ha portato circa 80 persone a giocare ai giochi offerti da Cranio in Games Academy.

 

Tra i prossimi appuntamenti più importanti, ci sono i festeggiamenti per il primo anno di Ludimos. Un'occasione che si vuole onorare con un ritorno al Modena Play. “Stiamo organizzando un pullman per gli appassionati di giochi da tavolo – hanno spiegato gli organizzatori – e per chi ha voglia di passare una giornata in una delle fiere più grandi d'Italia del settore basta che ci contatti”.

 

Per chi volesse ulteriori informazioni basta collegarsi alla pagina facebook https://www.facebook.com/ludimusTN/ oppure al canale telegram https://t.me/ludimus.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 19:01

Il video mostra chiaramente cosa pensava il consigliere leghista prima di diventare presidente e cioè che per un decennio tutti abbiano mentito sul ritorno del lupo in Trentino (pensiero confermato dalla parlamentare Cattoi pochi giorni fa). Ora che è alla guida della Pat ha accesso a documenti e studi e può parlare con quegli stessi dirigenti che definiva con una ''impostazione ideologica''. Interrogazione di Ugo Rossi ''al fine di meglio tutelare l’immagine dell’istituzione che rappresenta''

20 febbraio - 20:33

L'esponente di Civica Trentina diventerebbe vicepresidente ma nella maggioranza qualcuno vorrebbe negargli gli Enti locali. Sul fronte della giunta regionale, Kompatscher non sembra convinto di affidare all'esponente di Agire l'assessorato 'pesante' delle Politiche sociali

20 febbraio - 20:07

Ieri l'intervento dei carabinieri del Ros e dei carabinieri di Trento, ma anche gli agenti della Digos e della Direzione centrale della polizia di prevenzione hanno portato all'arresto di sette persone appartenenti ad una cellula anarco-insurrezionalista

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato