Contenuto sponsorizzato

Pigiama, cuscino e spazzolino da denti: "Una notte al museo" alla scoperta di fossili e laboratori notturni

L'iniziativa si terrà  a palazzo Eccheli Baisi il 2 settembre e sono aperte le iscrizioni 

Pubblicato il - 29 agosto 2017 - 11:54

BRENTONICO. Pizze, mostre, chiacchierate tra i fossili, laboratori notturni e un'intera notte passata tra le mura del museo.

 

L'iniziativa è messa in campo dal museo di Brentonico, presso il Palazzo Eccheli Baisi, per sabato 2 settembre e riservata ai bambini delle scuole elementari.

 

Ogni bambino e bambina deve avere il proprio pigiama, cuscino, sacco a pelo e coperta, spazzolino da denti, una torcia, un eventuale materassino e tanta voglia di divertirsi.

 

Il programma inizierà sabato alle ore 19 con l'arrivo dei bambini al muse e l'avvio delle attività. Alle 19.30 per tutti ci sarà la cena con una pizza e successivamente dalle 20.30 alle 22.30 proseguirà il divertimento.

 

La serata si concluderà alle 23 quando le luci del museo si spegneranno e  sarà il momento per tutti di dormire. Alle 8 di domenica ci sarà la sveglia, una ricca colazione e il rientro a casa.

 

Per la notte è obbligatoria l'iscrizione, i posti disponibili sono 15 e ulteriori 5 per i bambini che non si fermeranno a dormire. La quota di partecipazione è di 5 euro. Per avere tutte le informazioni basta contattare l'Ufficio Turistico di Brentonico allo 0464 – 395149.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 09:34

L’uscita è prevista per il prossimo 26 maggio, sulla piattaforma Netflix. Essendo Baggio originario di Vicenza la decisione di girare il film in Trentino aveva creato molta discussione 

05 marzo - 10:20

L'Azienda sanitaria altoatesina ha consegnato il referto di Cornel Strüning in Procura. L'uomo, un 63enne odontoiatra all'ospedale di Bressanone, è deceduto per un ictus dopo 3 settimane dalla conclusione del ciclo vaccinale. Il fatto è stato denunciato da un collega, che su facebook ha pubblicato un video in cui denuncia un nesso causale tra il vaccino e la sua morte

05 marzo - 05:01

Il tasso di contagio è oltre i 250 casi ogni 100 mila abitanti, l'intenzione della Pat è comunque quella di continuare con la scuola al 50% in presenza. I sindacati: "L'Apss ci ha dato ragione, un po' allarmati dalla velocità di propagazione del contagio, riconducibile alle varianti. Era metà febbraio e non abbiamo più sentito nessuno. C'è una lentezza preoccupante nell'affrontare le questioni, non siamo tranquilli"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato