Contenuto sponsorizzato

E' Belluno a trionfare alle Olimpiadi invernali over 50

Sport invernali. Non mancano le curiosità nella kermesse organizzata in Paganella, come Paolo Bressan, 82 anni, alla sua prima Olimpiade invernale si è cimentato in tutte e quattro le discipline. Fausto Romano De Martin di Belluno è l’atleta più longevo con 88 anni

 

Pubblicato il - 05 febbraio 2018 - 11:26

ANDALO. E' Belluno a trionfare in quel di Andalo nelle Olimpiadi invernali dedicate agli over 50, manifestazione targata Associazione 50&Più.

 

Un risultato assicurato dalle medaglie di Maria Teresa Bianchi, oro con 62,50 punti e l'argento di Zambelli con 40 punti. Alle loro spalle Silvia Paola Chiaratti di Roma (34 punti).

 

I partecipanti si sono sfidati in quattro differenti discipline suddivise in categorie in base all'età: sci di fondo classico e pattinato, camminata di regolarità e doppia manche di discesa slalom.

 

Per la categoria assoluti uomini, il vincitore delle Olimpiadi invernali 50&Più è Paolo Bressan di Venezia con 73 punti, seguito da Giulio Constantini di Belluno (71 punti) e Piero Bertolani di Lucca (60 punti).

 

Non mancano le curiosità nella Ski Area Paganella, come Paolo Bressan, 82 anni, alla sua prima Olimpiade invernale, ma con ben cinque partecipazioni a quelle estive, che si è cimentato in tutte e quattro le discipline, mentre è l'88enne Fausto Romano De Martin di Belluno l’atleta più longevo

 

Classe 1930 e originario di Vigo di Cadore, Fausto Romano De Martin è l’atleta più longevo della seconda edizione delle Olimpiadi invernali di 50&Più, ha partecipato alla doppia manche di discesa slalom.

 

La squadra di Belluno vince il Trofeo 50&Più con 353 punti, secondo posto per Lucca (127 punti) e terzo posto per Venezia (89,50 punti). Il trofeo 50&Più, assegnato alla provincia vincitrice, sarà messo di nuovo in palio nella terza edizione delle Olimpiadi invernali e sarà assegnato definitivamente alla provincia che vincerà per 3 anni, anche non consecutivi, le Olimpiadi invernali. 

 

La seconda edizione delle Olimpiadi invernali di 50&Più ha anche assegnato le coppe per i migliori risultati a livello regionale. Con 501 punti la vittoria è andata al Veneto, secondo posto per la Toscana (164,5 punti) e terzo posto per l’Emilia Romagna (125 punti).

 

Questa seconda edizione ha registrato un incremento di iscrizioni e affluenza alle gare. Renato Borghi, presidente nazionale 50&Più, e Gabriele Sampaolo, segretario generale 50&Più, si congratulano con tutti i partecipanti che, con il loro entusiasmo, il desiderio di mettersi in gioco e la capacità di fare squadra, hanno dimostrato un forte spirito di aggregazione e trasmesso l'amore per lo sport. Salutata la II edizione delle Olimpiadi invernali, il prossimo appuntamento è con la XXV edizione delle Olimpiadi estive di 50&Più.

 

"Lo spirito di gruppo - spiega Alberto Perli, sindaco di Andalo - gareggiare e vivere assieme come avete fatto in questi giorni, è il modo migliore per tenere unite le persone, attraverso la socialità e il divertimento”.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato