Contenuto sponsorizzato

La speranza del blitz sfuma all'ultimo secondo, Milano vince al fotofinish

Basket. L'americano Goudelock stoppa all'ultimo secondo Sutton e blinda la vittoria delle scarpette rosse. Serie sul 3-2 per Milano. Venerdì Gara-6. Buscaglia: "Abbiamo fatto la partita che volevamo. Dobbiamo riproporre tutto per tornare qui per Gara-7"

Foto di Daniele Montigiani
Di Luca Andreazza - 13 giugno 2018 - 22:42

TRENTO. Il fattore campo resiste ancora in questa finale scudetto. La Dolomiti Energia si presenta al Forum senza paura e sfrontata. Ma Milano soffre, suda, sbuffa e resiste all'assalto bianconero. Nonostante uno Shavon Shields (27 punti) ancora in versione pazzesca, le scarpette rosse si impongono per 91-90 e si riportano avanti sul 3-2 in questa serie.

 

Le speranze del blitz si infrangono all'ultimo secondo nella stoppata di Goudelock a chiudere la luce sull'ultimo assalto di Sutton e la sintesi delle emozioni di questa finale sono nelle lacrime di Shields costretto a lasciare il campo per falli a una manciata di istanti dall'ultima sirena. Ora la serie ritorna a Trento per Gara-6 e l'Olimpia può provare a chiudere i giochi alla Blm Group Arena.

E' una Gara-5 meravigliosa, incerta, una partita a scacchi tra prodezze in ogni settore del campo e talento di livelli altissimi. Si sbarrano gli occhi e si smette di respirare per impegno e giocate dopo già quattro battaglie sportive alle spalle senza esclusione di colpi e senza risparmiarsi. La lancetta della benzina non sembra mai mostrare la riserva. Gli ingredienti della serata sono, ancora una volta, fisicità, compattezza e ritmi frenetici.  

 

Si respira ovviamente tantissima tensione sul parquet per questo rush finale che vede in palio il tricolore, ma quando la partita prende quota non si ferma più. La Dolomiti Energia ci mette forza di volontà, carattere e tecnica per espugnare un Forum, che resta in apnea per lunghissimi minuti, ma l'Olimpia riesce a reggere l'onda d'urto bianconera per assicurarsi il primo match-point. 

 

Il copione vede l'Aquila Basket prima scivolare lontano, ma reagire e salire di tono per mettere la freccia. Milano soffre sul proprio parquet, ma riesce a spuntarla trascinata da un Cinciarini (15 punti) perfetto e in grandissimo spolvero. L'ultimo quarto è spettacolo puro. Un'altalena. Trento non molla niente, nemmeno quando ormai tutto sembra perso. Stringe i denti, alza l'asticella, ritrova slancio e assapora il colpo, che però resta in canna.  

 

L'impatto dei bianconeri è ottimo, l'insieme della difesa bianconera, che concede qualcosa sotto il profilo dei falli, riesce a limitare ancora Goudelock (16 punti) e Jerrells (8 punti), ma è Cinciarini a accendere i riflettori sull'Ea7 Emporio Armani.

 

Il capitano delle scarpette rosse si carica letteralmente Milano sulla schiena per rimettere l'Olimpia avanti a suon di canestri, assist e giocate di grandissima qualità. Se la squadra di Simone Pianigiani può esultare, buona parte dei meriti è suo, le azioni e reazioni chiave passano tutte, o quasi, dalle sue mani, che innesca Gudaitis e Kizminskas, entrambi a 19 punti.

 

"Abbiamo fatto la partita che volevamo, abbiamo costruito e lavorato bene, peccato per l'epilogo. Abbiamo avuto forse solo un passaggio a vuoto - commenta coach Maurizio Buscaglia - sul 56-50, quando abbiamo perso un po' di lucidità per provare a chiudere la partita. In quei due minuti potevamo essere più attenti per controllare meglio la partita. Poi abbiamo trovato una grandissima reazione. Dobbiamo riproporre tutto questo in Gara-6, unito a più attenzione nella difesa del primo quarto e gestire meglio le situazioni se capita di avere qualche vantaggio per ritornare qui per Gara-7".

 

La cronaca. L'avvio dei bianconeri è contratto, mentre l'Ea7 Emporio Armani sembra galvanizzata nel respirare l'aria di casa. E' Micov a firmare il primo canestro della partita, mentre Sutton griffa la prima tripla dell'incontro (2-3), subito imitato da Cinciarini. Impatta Forray (5-5). E subito Goudelock risponde dall'arco (8-7). Forray e Silins riportano subito avanti Trento per l'8-10. Altro ribaltamento dell'Olimpia confezionato da Goudelock e Cinciarini per il 15-10, quindi Hogue rimette in scia i trentini (15-13). E' Bertans a costruire un nuovo break per il +8 (27-19), Jerrells puntella il punteggio per il 27-19. La tripla di Gutierrez rimette in moto i bianconeri (27-22). Il primo quarto vede l'Ea7 Emporio Armani sul 31-22.

 

La schiacciata di Gudaitis inaugura il secondo periodo (frazione da 17-28), quindi arriva la tripla di Gomes, Shields e Hogue confezionano il 35-31. Franke rimette a contatto l'Aquila Basket per un parziale di 9-0 per il 35-34. Il liberi di Kuzminskas ridanno ossigeno alle scarpette rosse (37-34). E' il canestro di Hogue a rimettere avanti la Dolomiti Energia sul 37-38, quindi Goudelock pesca una tripla (40-38). La prodezza da tre di Sutton sulla sirena manda le squadre al riposo lungo sul 48-50 per la Dolomiti Energia.

 

Si riparte da Gudaitis e Shields nel terzo periodo (frazione da 23-16), Milano prova subito a reagire ma perde palla e Forray si invola in contropiede, quindi arriva il tap-in di Shields per il 50-54. Dopo il canestro di Sutton, Cinciarini e Kuzminskas rimettono l'Olimpia in carreggiata sul 54-56, ma arriva il sorpasso Ea7 sul 59-58. Dopo il tiro dall'arco di Cinciarini e la schiacciata di Kuzminskas, coach Maurizio Buscaglia corre ai ripari del time out sul 63-60. Al rientro la tripla di Gomes pareggia il punteggio sul 63-63. Le scarpette rosse provano a scappare, ma Silins rimette tutto in gioco per il 67-66. Micov chiude la frazione sul 66-61.

 

La partenza nell'ultimo quarto (frazione da 20-24) è teso, ma quando la partita prende quota . Dopo il canestro di Hogue, bisogna aspettare diversi minuti prima di vedere la tripla di Kuzminskas per il +8 di marca Ea7 Emporio Armani (76-68). E' una sfida tra Cinciarini e Shields, il bianconero piazza due triple per tenere vive le speranze sul 82-80. Si gioca punto a punto, sorpassi e controsorpassi, tecnica e strategia, ma è Goudelock a stoppare il punteggio sul 91-90.

 

EA7 EMPORIO ARMANI-DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 91-90
(31-22, 48-50; 71-66)
EA7 Emporio Armani Milano: Goudelock 16 (5/5, 2/9), Micov 4 (2/5, 0/1), Bortolani ne, Pascolo (0/1), Tarczewski 2 (1/2), Kuzminskas 19 (5/8, 1/3), Cinciarini 15 (4/5, 2/3), Cusin ne, Abass, Bertans 8 (0/1, 1/1), Jerrells 8 (1/2, 1/4), Gudaitis 19 (5/6). Coach Pianigiani. 
Dolomiti Energia Trentino: Franke 3 (1/1, 0/1), Sutton 15 (3/7, 2/5), Silins 6 (1/2, 1/4), Musumeci ne, Forray 4 (2/4, 0/3), Flaccadori ne, Gutiérrez 9 (3/5, 1/2), Lovisotto ne, Gomes 12 (0/1, 3/5), Hogue 14 (6/9), Lechthaler ne, Shields 27 (6/8, 4/6). Coach Buscaglia.
Arbitri: Lanzarini, Mazzoni, Bartoli.
Note: Tiri da due: Milano 23/35, Trentino 22/37. Tiri da tre: Milano 7/21, Trentino 11/26. Tiri liberi: Milano 24/27, Trentino 13/19. Rimbalzi: Milano 28 (Gudaitis e Tarczewski 6), Trentino 32 (Hogue 9). Assist: Milano 18 (Micov 7), Trentino 18 (Sutton, Forray e Gutiérrez 4). Recuperi: Milano 2 (Goudelock e Kuminskas), Trentino 6 (Hogue e Gutiérrez 2).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 12:52

Il consigliere del Movimento 5 Stelle deposita un'interrogazione molto impattante costruita, spiega nello stesso testo, ''su fonti autorevolissime''. E poi chiede anche se la Pat abbia intenzione fare denuncia e avviare un'indagine dopo che è stata data conferma di quanto aveva scoperto il Dolomiti: che il lupo ripescato nell'Avisio aveva zampe e testa recisa

22 novembre - 12:48
L'incidente è successo poco dopo le 9, quando Paternoster è stata investita da un veicolo. Secondo le prime informazioni, la ciclista stava pedalando in rotatoria e quindi è arrivata un'auto da via Fornace. Sul posto ambulanza e polizia locale Alto Garda e Ledro
22 novembre - 12:11

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Borgo Valsugana e i permanenti. Fortunatamente non ci sono stati feriti, problemi al traffico 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato