Contenuto sponsorizzato

La Trentino Volley mura Verona e (con molta fatica) fa suo il primo quarto di playoff

La Diatec si aggiudica al tie break il primo match della serie (al meglio delle tre) che condurrà alla semifinale scudetto quasi certamente contro Perugia

Foto Trabalza
Pubblicato il - 11 marzo 2018 - 20:35

TRENTO. Playoff al via e buona la prima contro Verona. La Diatec Trentino parte con la marcia giusta anche se è costretta al tie - break da un'ottima Calzedonia: il team di Lorenzetti si garantisce l'1 a 0 nella serie al meglio delle tre e adesso ha due "match ball" per accedere alla semifinale con Perugia (Ravenna ha già perso la prima e non pare in grado di impensierire la squadra allenata dal Lollo Bernardi)Lorenzetti sceglie per il debutto Giannelli in regia e Vettori opposto, Lanza e Kovacevic in banda, Eder e Kozamernik al centro e De Pandis e Chiappa ad alternarsi nel ruolo di libero. La Calzedonia Verona risponde con Spirito alzatore, Stern opposto, Maar e Jaeschke laterali, il grande ex Birarelli e Pajenk al centro, Pesaresi libero.

 

Il primo set parte in maniera equilibrata, con le due squadre che tengono botta nella fase di cambiopalla (6-6); i break poi arrivano quindi solo con gli ace, prima con Vettori, poi con Kozamernik e successivamente con Stern (10-10). Un muro dello stesso opposto sloveno sul centrale connazionale offre il primo doppio vantaggio agli ospiti (10-12), che però dura pochi istanti perché poi è Lanza a realizzare il block del pareggio (14-14). Si torna a lottare sul punto a punto (17-17, 18-19) con scampoli di pallavolo davvero spettacolare; l’ace di Giannelli su Maar (20-19) lancia lo sprint per la vittoria del primo parziale che si risolve solo sul 25-23, grazie ad un contrasto vincente a rete di Kovacevic su Spirito dopo ricezione abbondante di Pesaresi.

 

Il ping pong prosegue anche nella parte iniziale del secondo periodo (5-5, 8-7), poi Giannelli e Kozamernik con i loro muri spingono a +3 la Diatec Trentino (13-10). Grbic ha già inserito Manavi per Maar e interrotto il gioco con un time out, ma alla ripresa del gioco Vettori e Kovacevic in attacco firmano un ulteriore break (16-10); è l’allungo decisivo perché in seguito pur non concedendo più nulla gli scaligeri non riescono a colmare il gap (19-13, 22-16). Il 2-0 arriva già sul 25-17 con un ace dell’ottimo Eder.

 

Nel terzo parziale Verona (con Grbic che conferma Manavi titolare) torna a giocare ai livelli del set di apertura e tiene costantemente la fase di cambiopalla (5-5, 9-10). Sul 12-12 la Calzedonia accelera con Stern, piazzando un break di 0-5 che costringe Lorenzetti a spendere nel giro di pochi secondi due time out (12-17) e poi ad inserire Hoag per Lanza. Il tentativo di riscossa passa proprio per i punti del canadese ma soprattutto per quelli realizzati in fase di break da Kovacevic (muro ed attacco per il 17-20); è un risveglio tardivo, perché gli ospiti pur sbandando non si disuniscono e con due ace di Pajenk riescono a riportare l’andamento della frazione sui binari desiderati (18-24) e riaprono la partita sul 19-25 (2-1) con un attacco di Manavi. 

 

 

Quarto set e continua bagarre. Verona resta avanti fino al giro di boa del 15 a 15 poi è la Diatec a inserire la marcia del sorpasso ma Manavinezhad ottiene il 16 a 16. Due manate di Kovacevic e Trento va sul più 2 che però non basta perché Verona riagguanta il risultato e va sul 19 a 20. Poi 22 a 22 con accelerazione di Lanza ma Pajenk fa tornare avanti Verona: 23 a 24 e alla fine vincono gli ospiti 24 a 26.

 

Tie- break ancora in equilibrio. 2 a 2 poi 5 a 5. Verona pare più tonica e si porta sull'7 a 5 ma Trento non ci sta e resta agganciata fino al 10 a 10. Si avanza punto a punto e nessuno vuole mollare un centimetro e si arriva al 13 - 13. Alla fine è 15 a 13 e 1 a 0 nella sfida a tre dei quarti.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 12:52

Il consigliere del Movimento 5 Stelle deposita un'interrogazione molto impattante costruita, spiega nello stesso testo, ''su fonti autorevolissime''. E poi chiede anche se la Pat abbia intenzione fare denuncia e avviare un'indagine dopo che è stata data conferma di quanto aveva scoperto il Dolomiti: che il lupo ripescato nell'Avisio aveva zampe e testa recisa

21 novembre - 18:19

Una prima analisi dell'amministrazione comunale ha permesso di censire circa 191 seconde case a fronte di 993 abitanti. Zanetti: "Un numero significativo che già preannunciava una partenza interessante per il progetto. Speriamo di rafforzare le adesioni nel prossimo futuro" 

22 novembre - 15:30

La popolazione è quindi ancora invitata a ridurre gli spostamenti e, in ogni caso, a porre particolare attenzione alle condizioni dei luoghi percorsi. Eventuali situazioni di emergenza andranno comunicate al numero 112

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato