Contenuto sponsorizzato

Semifinale scudetto, Trento fallisce il primo assalto a Perugia

Contro Zaytsev e Atanasijevic i ragazzi di coach Lorenzetti giocano bene ma non basta. Alla fine gara-1 va ai favoritissimi umbri

Pubblicato il - 29 marzo 2018 - 22:43

PERUGIA. Battaglia doveva essere e battaglia è stata. Trento ha tenuto testa alla superfavorita al titolo Perugia e ha venduto carissima la pelle in trasferta giocandosi punto a punto il primo set e vincendo il secondo. Poi i manoni di Zaytsev e Atanasijevic hanno cominciato a martellare Chiappa e compagni dimostrando che solo una grandissima Trentino Volley potrà tentare di ostacolare la marcia dei ragazzi di coach Lollo Bernardi.

 

Trento, come detto, ha giocato e bene ma per fare risultato ci vuole qualcosa in più con gli umbri e quel qualcosa potrebbe arrivare già in gara-2 con la spinta del PalaTrento a caricare Lanza e compagni. La cronaca del match ha visto scendere in campo Giannelli-Vettori, Lanza-Kovacevic, Eder-Kozamernik, Chiappa libero mentre Bernardi ha risposto con Cecco al palleggio, Atanasijevic, Zaytsev e Berger, Podrascanin e Anzani al centro, Colaci libero.

 

L'avvio del primo set è stato tutto nel segno dei padroni di casa che con Podrascanin (muro, attacco e ace) scappano sul 2-5 costringendo i gialloblù a rifugiarsi in un time out. Alla ripresa Trento entra di fatto in partita e con Kozamernik a rete e per mezzo degli errori di Atanasijevic in attacco si rifà immediatamente sotto (10-10), trovando anche in seguito due punti di vantaggio con Vettori (13-11, 16-14). Per decidere le sorti del primo set serve quindi un’altra battuta a segno di Atanasijevic (20-22), con la Sir Safety Conad che poi difende il break sino in fondo (23-25, errori di Vettori al servizio).

La Diatec Trentino non si lascia scoraggiare e torna in campo per il secondo parziale ancora più carica, acquisendo sempre più velocità (5-2, 7-4, 12-7) con i propri attaccanti di palla alta (Kovacevic su tutti) particolarmente efficaci. I gialloblù viaggiano sicuro verso l’1-1, mettendo in mostra un sontuoso Lanza e una coppia di centrali molto attenta a rete: 25-18 e immediata parità. 

 

Nel terzo set la Sir Safety Conad ritrova Atanasijevic (4-6); che entra definitivamente in partita spingendo i suoi al massimo vantaggio (10-16, 13-19). Nel momento più difficile i gialloblù tornano a crederci, lavorando bene col servizio di Eder e Kovacevic e capitalizzando le ricostruite con Lanza per il 20-22. La Diatec Trentino arriva sino al meno uno (22-23), prima di cedere sotto la pipe di Berger (23-25).

 

Il quarto set Trento riparte forte e riesce ad arrivare sul 10 a 12 conservando il +2 per molti giochi finché Perugia riaggancia il risultato 18 a 18 e poi 20 a 20 e 21 a 21. Poi Della Lunga piazza il vantaggio ma Vettori pareggia ancora. De Cecco dimostra che il giro palla ormai è a favore degli umbri che vanno a 23 e poi 24 e chiudono il colpo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato