Contenuto sponsorizzato

E' Lamberto Zauli il nuovo allenatore dell’Fc Südtirol. L'ex Juventus under 23 guiderà gli altoatesini nella prima storica stagione in serie B

Il tecnico, 50enne, proviene dall’esperienza alla Juventus dove ha allenato per una stagione la Primavera e, nelle ultime due stagioni, la formazione Under 23 nel girone A del campionato di serie C. Per il neo mister biancorosso un contratto annuale

Ufficio Stampa Fcs- FotoSport Bordoni
Pubblicato il - 13 June 2022 - 11:32

BOLZANO. L'Fc Südtirol comunica che il nuovo responsabile tecnico della prima squadra è Lamberto Zauli. Gli altoatesini si preparano alla prima storica stagione in serie B e puntano sull' allenatore reduce dall'esperienza alla Juventus under 23, formazione militante nel girone A del campionato di serie C. L'ex giocatore, tra le altre, di Vicenza, Bologna e Palermo ha firmato un contratto annuale, valido fino al 30 giugno 2023.

 

Nato a Roma nel 1971, Zauli cresciuto a Grosseto, fanese d'adozione, da calciatore giocava da trequartista. Fisico possente, senso del gol e grandi abilità nei calci di punizione. Cresce a Grosseto dove il padre è medico anestesista oltre che ex giocatore biancorosso. Inizia a giocare nelle giovanili dell'Unione sportiva Grosseto dove si mette in mostra e viene acquistato dal Modena che lo inserisce nella squadra Giovanissimi.

 

Successivamente approda al Ravenna e contribuisce prima alla sua promozione in Serie B, poi alla migliore stagione di sempre dei giallorossi nel campionato cadetto nel 1997. Nella stagione successiva il salto in serie A, nelle file del Vicenza, che aveva appena vinto la coppa Italia con in panchina Francesco Guidolin. Nel 1997/1998 gioca nella Coppa delle Coppe, in cui il Vicenza giunge alle semifinali, contro il Chelsea. Dopo la vittoria nell'andata con un suo gol, la squadra viene eliminata dai blues, poi vincitori della manifestazione.

 

Gran parte della sua carriera si intreccia con quella di Guidolin, con cui condivide diverse stagioni anche a Bologna e Palermo. Nel capoluogo emiliano sfiora la qualificazione alla Champions League, e nelle stagioni successive, acquistato dal Palermo con una trattativa lampo, contribuisce allo storico ritorno in serie A dei siciliani nella stagione 2003/2004 ottenendo subito dopo nella stagione 2004/2005 anche la qualificazione in coppa Uefa con il sesto posto in campionato.

 

Nella stagione 2002/2003 si infortuna gravemente in uno scontro con Gianluca Grassadonia del Cagliari, nella partita finita 1-1, fratturandosi la gamba destra e restando fuori dai campi per quattro mesi.

 

Nella stagione 2005/2006 passa alla Sampdoria, con la quale disputa solamente mezza stagione, collezionando qualche presenza in campionato e coppa Uefa. A gennaio torna nuovamente al Bologna. Nel 2007 passa alla Cremonese di Emiliano Mondonico, che milita in serie C1 e con cui disputa i playoff. Il 27 agosto 2008 rescinde il contratto con la Cremonese e si accasa al Bellaria Igea Marina fino al termine della stagione, quando lascia l'attività agonistica.

 

In carriera ha totalizzato complessivamente 146 presenze e 20 reti in serie A e 158 presenze e 28 reti in serie B.

 

Una volta chiusa l'attività agonistica diventa allenatore proprio dell'ultima squadra in cui ha militato da giocatore, il Bellaria Igea Marina, esperienza terminata il 7 aprile 2010, dopo 28 punti raccolti in 29 partite di Lega Pro Seconda Divisione. Nell’estate 2010 approda a Fano – Lega Pro Seconda Divisione – dove aveva già avuto modo di giocare.

 

Chiude l'esperienza il 5 aprile 2011. Nel gennaio 2012 diventa l'allenatore della Reggiana; esordisce sulla panchina granata l'8 gennaio 2012 vincendo in casa contro il Pavia per 2-1. Il 5 luglio dello stesso anno acquisisce a Coverciano il titolo di allenatore di Prima Categoria - Uefa Pro, e quindi il diritto di ricoprire il ruolo di tecnico in una squadra della massima serie. Il 23 dicembre 2012 viene esonerato dalla società reggiana, per poi essere reintegrato il 19 marzo 2013 dopo l'interruzione del rapporto con Luigi Apolloni. Ottiene la salvezza ai playout battendo il Cuneo.

 

Il 3 febbraio 2014 viene chiamato a sostituire Mario Vittadello sulla panchina del Real Vicenza e ottiene la promozione in Lega Pro. Il 22 giugno viene ingaggiato dal Pordenone, neopromosso in terza serie e vi resta fino al 22 settembre 2014. Nell’estate del 2015 diventa il nuovo allenatore del Santarcangelo.

 

Dopo aver conquistato la salvezza con i clementini, nel 2016 viene scelto come tecnico del Teramo con alterne fortune. Il 12 luglio 2017 diventa il nuovo tecnico della squadra Primavera dell'Empoli con cui arriva alla finale playoff del campionato Primavera 2017/2018. L’anno seguente si salva nel massimo campionato Primavera, avendo la meglio sul Genoa ai playout.

 

Il 3 luglio 2019 viene ingaggiato dalla Juventus come allenatore della squadra Primavera. Con i bianconeri arriva in semifinale della coppa Italia di categoria, perdendo contro la Fiorentina prima della conclusione anticipata della stagione 2019/2020 a causa della pandemia. Nell'agosto 2020 viene promosso alla guida della Juventus U23, la seconda squadra bianconera militante in serie C, girone A. Nel successivo biennio porta sempre i torinesi in zona playoff, e in particolare nella stagione 2021/2022 raggiunge il secondo turno della fase nazionale, migliore risultato di sempre del club, venendo eliminato dal Padova per via del peggior piazzamento in classifica.

 

Il tecnico si avvarrà della collaborazione di due tecnici riconfermati: il vice allenatore Leandro Greco e il preparatore dei portieri Massimo Marini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 5 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 luglio - 21:00
Le attività sono previste nell'area del Gran Vernel, zona che in queste ore ha restituito i resti di due alpinisti travolti dalla valanga di [...]
Montagna
06 luglio - 17:10
Troppe polemiche dopo la tragedia della Marmolada, l’appello del soccorso alpino: “Cerchiamo tutti di imparare da questo grande dolore e dalla [...]
Cronaca
06 luglio - 17:45
Il Cai Alto Adige esprime la propria vicinanza alle vittime dei famigliari e delle persone ancora disperse dopo il tragico avvenimento avvenuto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato