Contenuto sponsorizzato

Buscaglia-Venezia, la rivincita. Undici anni dopo è ancora finale, solo che nel 2006 in palio c'era la promozione in B

Basket. Reyer e Aquila avevano dominato la regular season per ritrovarsi in finale. Tremila persone avevano assiepato il PalaTaliercio per la sfida decisiva tra i lagunari e l'allora Bitumcalor Sosi Trento. In campo anche un giovanissimo Davide Dusmet, oggi assistant-coach del tecnico trentino

La Bitumcalor Sosi Trentro 2005/2006
Di Luca Andreazza - 08 giugno 2017 - 12:59

TRENTO. A volte ci si ritrova, undici anni dopo. Trento e Venezia per una serie con vista sullo scudetto. Un déjà vu che riporta indietro nel tempo. Corre infatti l'anno 2006, quando le compagini si affrontano per una finale: nessun tricolore in palio, ma la promozione in B d'Eccellenza. Sembra il secolo scorso, considerando la lunga strada percorsa dalle finaliste.

 

Oggi come all'epoca a guidare la truppa bianconera è quel Maurizio Buscaglia, ancora saldo e fresco di rinnovo sulla panchina dell'Aquila basket, al primo ciclo in bianconero. Le basi sono gettate e il viaggio verso scalata ai vertici della pallacanestro italiana è già iniziato.

 

L'allora Aquila è targata Bitumcalor Sosi, reduce dalla promozione in Serie C1 della stagione precedente e in quell'anno arresta la sua corsa, uscendo sconfitta in Gara 5 contro Venezia, uscita malconcia dall'appuntamento finale l'anno prima.

 

In quella stagione Venezia e Trento dominano la regular season, chiudendo rispettivamente prima a 46 punti e seconda a quota 44 punti: in primavera scattano i playoff: i lagunari eliminano Mestre e Corno di Rossazzo, l'Aquila invece si sbarazza di Ravenna e Bologna raggiungendo l'atto finale.

 

Cinque sfida a tensione altissima. La palla a due della sfida promozione inizia il 27 maggio in quel del PalaTaliercio e Venezia scatta subito avanti (69-56). L'Aquila però compie prima il blitz in Laguna (75-77) e quindi capovolge la serie mantenendo il fattore campo (83-75). Trento accarezza il sogno, ma il match ball sfuma e Venezia viola d'autorità il PalaTrento per 73-83 pareggiando i conti.

 

Il 9 giugno del 2006, le finaliste si spostano per la gara decisiva nuovamente al Taliercio davanti a 3.000 spettatori. La partita è vibrante, la Bitumcalor parte male, ma recupera e resta incollata al match: il tabellone all'intervallo dice 31-29 in favore dei granata.

 

Nel secondo tempo Francesco Marini e Gherardini junior salgono in cattedra cancellando Trento: alla sirena il punteggio si ferma a 71-64 e scatta la festa di Venezia.

 

Nel frattempo Luigi Bungaro acquista la proprietà di Venezia, Maurizio Buscaglia, umbro, cresciuto dal punto di vista cestistico a Mestre ritorna ai Bears e in quel di Perugia prima di tornare a Trento nel 2010 e riprendere le fila del discorso. 

 

Sabato inizia la rivincita, dopo aver preso in mano gli scalpi di Sassari e Milano, Trento cerca il titolo più prestigioso. 

 

ACQUA MARCIA REYER VENEZIA - BITUMCALOR SOSI TRENTO 71 - 64
(16-20, 31-29, 47-41)

 

Acqua Marcia Reyer Venezia: Fedrigo 5, Pizziuti ne, Guerrasio 9, Bellegotti 8, Gherardini 11, Marini 26, Pin Dal Pos, Sartor 4, Cuccarolo 2, Simeoli 6. Coach Rubini
Bitumcalor Sosi Trento: Milone 14, Dusmet ne, Polettini 18, Consolati, Giordo, Cardillo 4, Cupello 18, Framba 2, Palombita 2, Gergati 6. Coach Buscaglia
Arbitri: Aleo di Pradalunga (Bergamo) e Boninsegna di Paderno Dugnano (Milano).
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 20:24

Recentemente la Pat ha modificato i criteri dell'isolamento della classe: 2 alunni per il primo ciclo dell'infanzia, 1 studente negli istituti superiori. I pediatri: "Sono decisioni politiche. I minorenni sono spesso asintomatici e pauci-sintomatici e questo è rassicurante dal punto di vista del decorso della malattia, ma comunque c'è un fattore di rischio legato alla contagiosità che poi può arrivare in famiglia"

27 ottobre - 20:09

Tra i nuovi contagiati, 146 persone presentano sintomi, 3 casi sono ricondotti alla fascia d'età 0-5 anni, 15 positivi invece tra 6-15 anni, mentre 30 infezioni riguardano gli over 70 anni. Ci sono inoltre 33 nuovi casi tra bambini e ragazzi in età scolare

27 ottobre - 20:00

Il presidente Conte ha fatto il punto sul suo dpcm e sul nuovo decreto che accompagna le misure restrittive con molte risorse economiche di sostegno per chi è costretto a ridurre o chiudere la propria attività. Gualtieri: ''Abbiamo scelto le modalità più rapide di ristoro. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente alle oltre 300.000 aziende che lo avevano avuto in precedenza e quindi contiamo per metà di novembre di aver fatto tutti i bonifici''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato