Contenuto sponsorizzato

Buscaglia-Venezia, la rivincita. Undici anni dopo è ancora finale, solo che nel 2006 in palio c'era la promozione in B

Basket. Reyer e Aquila avevano dominato la regular season per ritrovarsi in finale. Tremila persone avevano assiepato il PalaTaliercio per la sfida decisiva tra i lagunari e l'allora Bitumcalor Sosi Trento. In campo anche un giovanissimo Davide Dusmet, oggi assistant-coach del tecnico trentino

La Bitumcalor Sosi Trentro 2005/2006
Di Luca Andreazza - 08 giugno 2017 - 12:59

TRENTO. A volte ci si ritrova, undici anni dopo. Trento e Venezia per una serie con vista sullo scudetto. Un déjà vu che riporta indietro nel tempo. Corre infatti l'anno 2006, quando le compagini si affrontano per una finale: nessun tricolore in palio, ma la promozione in B d'Eccellenza. Sembra il secolo scorso, considerando la lunga strada percorsa dalle finaliste.

 

Oggi come all'epoca a guidare la truppa bianconera è quel Maurizio Buscaglia, ancora saldo e fresco di rinnovo sulla panchina dell'Aquila basket, al primo ciclo in bianconero. Le basi sono gettate e il viaggio verso scalata ai vertici della pallacanestro italiana è già iniziato.

 

L'allora Aquila è targata Bitumcalor Sosi, reduce dalla promozione in Serie C1 della stagione precedente e in quell'anno arresta la sua corsa, uscendo sconfitta in Gara 5 contro Venezia, uscita malconcia dall'appuntamento finale l'anno prima.

 

In quella stagione Venezia e Trento dominano la regular season, chiudendo rispettivamente prima a 46 punti e seconda a quota 44 punti: in primavera scattano i playoff: i lagunari eliminano Mestre e Corno di Rossazzo, l'Aquila invece si sbarazza di Ravenna e Bologna raggiungendo l'atto finale.

 

Cinque sfida a tensione altissima. La palla a due della sfida promozione inizia il 27 maggio in quel del PalaTaliercio e Venezia scatta subito avanti (69-56). L'Aquila però compie prima il blitz in Laguna (75-77) e quindi capovolge la serie mantenendo il fattore campo (83-75). Trento accarezza il sogno, ma il match ball sfuma e Venezia viola d'autorità il PalaTrento per 73-83 pareggiando i conti.

 

Il 9 giugno del 2006, le finaliste si spostano per la gara decisiva nuovamente al Taliercio davanti a 3.000 spettatori. La partita è vibrante, la Bitumcalor parte male, ma recupera e resta incollata al match: il tabellone all'intervallo dice 31-29 in favore dei granata.

 

Nel secondo tempo Francesco Marini e Gherardini junior salgono in cattedra cancellando Trento: alla sirena il punteggio si ferma a 71-64 e scatta la festa di Venezia.

 

Nel frattempo Luigi Bungaro acquista la proprietà di Venezia, Maurizio Buscaglia, umbro, cresciuto dal punto di vista cestistico a Mestre ritorna ai Bears e in quel di Perugia prima di tornare a Trento nel 2010 e riprendere le fila del discorso. 

 

Sabato inizia la rivincita, dopo aver preso in mano gli scalpi di Sassari e Milano, Trento cerca il titolo più prestigioso. 

 

ACQUA MARCIA REYER VENEZIA - BITUMCALOR SOSI TRENTO 71 - 64
(16-20, 31-29, 47-41)

 

Acqua Marcia Reyer Venezia: Fedrigo 5, Pizziuti ne, Guerrasio 9, Bellegotti 8, Gherardini 11, Marini 26, Pin Dal Pos, Sartor 4, Cuccarolo 2, Simeoli 6. Coach Rubini
Bitumcalor Sosi Trento: Milone 14, Dusmet ne, Polettini 18, Consolati, Giordo, Cardillo 4, Cupello 18, Framba 2, Palombita 2, Gergati 6. Coach Buscaglia
Arbitri: Aleo di Pradalunga (Bergamo) e Boninsegna di Paderno Dugnano (Milano).
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 February - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato