Contenuto sponsorizzato
10/03/2022 - 20:03

IL VIDEO. "Abbracciala, amala e rispettala", contro la violenza sulle donne

Roma, 10 mar. (askanews) - "Abbracciala, amala e rispettala. Sempre". Con questo claim la campagna fotografica ideata da Diego Di Flora per Faber Italia, lancia un messaggio contro la violenza sulle donne. Protagonisti degli scatti di Alessio Amatucci, due ragazzi con sindrome di Down, Matteo Baiano e Chiara Panaccione, che hanno posato per la prima volta come modelli.I due si scambiano un tenero abbraccio, avvolti in felponi colorati. "Sono fiera di aver rappresentato tante donne. La violenza è una cosa terribile, che non si deve ripetere. Dobbiamo stare vicino a chi subisce violenza", ha spiegato Chiara. Gli ha fatto eco Matteo: "Le donne non si molestano! Per questo sono molto felice di aver partecipato a questa campagna, è stata la mia prima volta, è stato molto bello! Poi con Chiara già c'è una intesa, una amicizia da tempo, già frequentiamo un laboratorio di cucina insieme"."Contro tutte le violenze, a favore dell inclusività. Questo è il motore della nostra nuova campagna che si mette sulla scia della precedente che vedeva Babbo Natale baciare tutti contro l'affossamento del ddl Zan. La scelta è ricaduta su due meravigliosi ragazzi che fanno parte dell'associazione 'A Ruota Libera Onlus', realtà con la quale lavoro da anni", ha spiegato Di Flora, che ha ideato la campagna per Faber Italia, azienda campana che produce macchine da caffè.

Contenuto sponsorizzato
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
25 luglio - 17:34
Al centro dell’appello, lanciato da Luca Niccolai, la sospensione degli abbattimenti degli orsi in Trentino, sempre più protagonisti di [...]
Cronaca
25 luglio - 19:24
Il fatto è successo oggi pomeriggio a Ponte di Legno. Il giovane non ha perso la calma ed è rientrato a casa dove lo hanno raggiunto i [...]
Cronaca
25 luglio - 19:07
Le operazioni di ricerca alla spiaggia Sabbioni e Du Lac si sono concluse, fortunatamente, con il lieto fine: la minorenne, dopo l'allarme lanciato [...]
Contenuto sponsorizzato