Contenuto sponsorizzato
01/12/2022 - 17:12

IL VIDEO. Il panettone Mangione partecipa al Premio Maximo di Roma

Roma, 1 dic. (askanews) - In piena crisi e con le bollette che aumentano la tradizione non si ferma e viene premiata l'artigianalità e l'attenzione dei prodotti mantenendo viva la tradizione e la territorialità. Il panettone artigianale non finisce di sorprendere, grazie a una ricerca continua sulla lievitazione e sulle materie prime che ogni anno consente di alzare l'asticella. Ecco una selezione di novità di pregiate realtà italiane made in Roma. "Siamo lieti - dichiara la famiglia Mangione - di partecipare al 'Panettone Maximo' che torna per la sua quarta edizione, il festival che premia i migliori panettoni artigianali della Capitale e del Lazio, in programma domenica 4 dicembre presso lo spazio eventi "La Serra" del Palazzo delle Esposizioni".Il Valore dell'Artigianalità è al centro della famiglia Mangione che ogni anno celebra il panettone, straordinario prodotto artigianale che racchiude in sé tutto il calore, la ricchezza e la bontà delle Feste Natalizie. Il Forno Spiga D'Oro Bakery è un panificio, un centro di dolci e di specialità alimentari dove, di tutti gli ingredienti usati, mantengono prioritaria la qualità.Per questo Natale 2022 è stato preparato un ricchissimo catalogo che comprende: Panettone Classico, al Pistacchio, al Mon Chéri, alla Nutella, oltre a quello Kinder, ai Tre Cioccolati, quello Rocher, al Cioccolato, Rum e Uvetta, e quello Italiano che, come orgogliosamente conferma il titolare "E' nato dalla collaborazione con alcuni artigiani ed è fatto con materie prime 100% italiane, il che al giorno d'oggi non è così scontato". Non da meno è il Pandoro che va da quello Classico a quello al Cioccolato Fondente.L'avventura imprenditoriale della famiglia Mangione nasce grazie al capostipite Alessandro, che - panificatore dall'età di 13 anni - a metà anni '90 si mette in proprio aprendo l'attività dedita alla panificazione e ai lieviti; nel 2002 vi è un primo passaggio importante con il figlio Simone che affianca il padre, nell'organizzazione aziendale e manageriale, e con la realizzazione di un primo laboratorio ed un allargamento del negozio. Cinque anni più tardi c'è l'ingresso, assieme ad un fondo di investimenti, nel settore food&beverage presso gli aeroporti (sia nazionali che europei tra cui Londra, Vienna e Salisburgo) a cui fa seguito, nel 2012 dopo la vendita della partecipazione al fondo stesso, un ritorno all'azienda di famiglia.

Contenuto sponsorizzato
Cronaca
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 January - 22:07
A intervenire nelle ricerche i vigili del fuoco e i carabinieri. Presente anche l'ambulanza e il personale sanitario. Purtroppo un 70enne è [...]
Politica
26 January - 20:50
Polemiche per l'allestimento della pista da sci di fondo tra piazza Duomo e via Belenzani per l'edizione numero 50 della Marcialonga. L'intervento [...]
Montagna
26 January - 18:40
La cerimonia si è svolta ieri sera nella capitale: i soci della sezione Cai di Roma espulsi dopo l'emanazione delle Leggi razziali nel '38 sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato