Contenuto sponsorizzato
25/02/2022 - 17:02

IL VIDEO. Cesare Cremonini: libertà è diritto quando possiamo immaginarla

Milano, 25 feb. (askanews) - È sicuramente uno degli album di inediti più attesi: "La ragazza del futuro" segna il ritorno di Cesare Cremonini dopo cinque anni di attesa."C'è una visione pop e popolare di sentimenti comuni e collettivi, la ricerca di una canzone civile e questo per me oggi è importante. Viviamo in un momento in cui il mercato discografico avvilisce per certi versi la musica, non perché non dia una speranza commerciale ma perchè avvilisce il suo significato: perché fare un disco? Questa è la domanda che mi sono chiesto, per chi? E grazie a questa crisi e questa domanda ho ritrovato il significato di fare canzoni".Il cantautore bolognese si presenta al pubblico con uno scrigno di canzoni e musiche nate nel presente, ma con uno sguardo rivolto verso il futuro."Allora ho iniziato a comporre canzoni e sono nati brani come La ragazza del futuro, che è una canzone multistrato che ha un significato legato alla collettività che parla di nuove generazioni e tenta di mettere in relazione la mia generazione con la loro alla ricerca di una formula salvifica rispetto alla realtà"Quattordici tracce scritte in un momento tra i più complessi nostra vita.Esistono anche dei sentimenti che sono personali, non tutto è collettività, ma se andiamo a prendere questi sentimenti smarriti, quelli che sono mancati in questi anni e che ci rappresentano come esseri umani, tornano ad essere comuniUn album poetico, vitale, senza compromessi e profondamente sincero."La libertà è un diritto quando possiamo immaginarla, e spero che oggi potremo tornare a immaginare la nostra libertà".A quattro anni dal suo ultimo tour, Cesare Cremonini tornerà negli stadi italiani nell'estate 2022."Io non è che non vedo l'ora di salire io sul palco, io non vedo l'ora che la gente possa tornare a riunirsi perché ne ha bisogno, ne ha bisogno la nostra società, con il nostro bisogno di leggerezza".Quello di Cesare Cremonini è un progetto artistico più complesso: "Io Vorrei" è nato per la cover dell'album e per dare un volto a "La Ragazza del Futuro" attraverso la street art. Sui muri di alcune città realizzati dei murales permanenti con il volto dei bambini grazie alla collaborazione con Giulio Rosk.

Contenuto sponsorizzato
Cultura
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 febbraio - 12:15
L'Organizzazione internazionale protezione animali interviene sulla vicenda di Albert Stockner, il 73enne altoatesino morto negli scorsi giorni nei [...]
Montagna
22 febbraio - 12:00
I due si erano persi e, raggiunta una zona impervia, non erano più in grado di proseguire
Cronaca
22 febbraio - 09:57
L'incidente era avvenuto il 30 giugno scorso: dopo 8 mesi Stefano Bernard si è spento all'Ospedale Santa Chiara, grande il cordoglio in tutta la [...]
Contenuto sponsorizzato