Contenuto sponsorizzato
26/04/2022 - 21:04

IL VIDEO. "L'Audizione", Nina Hoss tra il violino e lotta per la perfezione

Roma, 26 apr. (askanews) - Nina Hoss, star del cinema tedesco, è una madre che insegna violino e cerca disperatamente la perfezione nel film "L'Audizione", secondo lungometraggio della regista tedesca Ina Weisse, già presentato in anteprima al Toronto Film Festival e al festival di San Sebastian, dove la protagonista Hoss ha vinto il premio per l'interpretazione. Approda ora nelle sale italiane dal 5 maggio (distribuito da Pier Francesco Aiello per PFA Films ed Emme Cinematografica).La storia è quella di Anna Bronsky (Nina Hoss), una severa insegnante di violino in un liceo musicale a Berlino. È sposata con il liutaio francese Philippe Bronsky (Simon Abkarian) e insieme hanno un figlio di 10 anni, Jonas (Serafin Mishiev). "Questa donna che è tormentata interiormente, che combatte, cade e si rialza, e così, strato dopo strato, attorno a questo personaggio abbiamo sviluppato la storia, le due cose sono venute insieme, questa donna con questo carattere che vive in questo mondo", ha spiegato la regista Ina Weisse, venuta a Roma per presentare il film. "La cosa straordinaria di Nina Hoss è che si prepara in maniera meticolosa, è un'attrice molto disciplinata, si è esercitata tantissimo con il violino per poter interpretare questo ruolo. Questo le ha dato una certa libertà davanti alla cinepresa, è talmente ben preparata che quando inizia a recitare si può permettere di essere assolutamente libera", ha aggiunto. La relazione con il marito sembra sgretolarsi e Anna durante gli esami di ammissione annuali della scuola, rimane affascinata dal talento di un candidato, Alexander Paraskevas (Ilja Monti), che diventa la sua nuova fissazione. "Personalmente ho studiato a lungo il violino, 13 anni in tutto, e la mia co-sceneggiatrice Daphne (Charizani, ndr) ha suonato veramente a lungo il violoncello, entrambe peraltro abbiamo suonato in un'orchesttra. So che è un bene quando si raccontano dei mondi familiari, perché questo ci permette anche di esprimere i sottotoni, quello che viene espresso tra le righe".Altra protagonista è la musica, una colonna sonora seducente, che bilancia l'era barocca di Bach (Il Presto, la Ciaccona, ecc.) con la battaglia moderna di una madre, insegnante e donna che non chiede altro che la perfezione. Tra le curiosità: la canzone che Philippe Bronsky canta all inizio, Le Temps des Cerises, era l inno della Comune di Parigi.Co-sceneggiato da Weisse e Daphne Charizani, che aveva collaborato anche al suo debutto da regista "Der Architek", "L audizione" è una coproduzione tedesco-francese di Felix von Boehm per la compagnia berlinese Lupa Film con Idéale Audience, in associazione con Port-au-Prince Pictures, ZDF, Arte Deutschland, German Federal Film Fund ( DFFFF), MBB, MDM, CNC/FFA Mini-Traite e PANOPTIMO.

Contenuto sponsorizzato
Cultura
Archivio video
Ultima edizione
Edizione del 24 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 maggio - 13:34
La manutenzione dell'area, i servizi necessari fino alla criticità dei parcheggi. Sono tantissime le incognite per il futuro della Music [...]
Società
24 maggio - 22:25
Il monumento simbolo di Rovereto ha voluto ricordare le vittime in Italia e nel mondo di omo-lesbo-bi-transfobia. La panchina [...]
Politica
25 maggio - 11:21
Con il pretesto di “valorizzare la cultura gastronomica” e “preservare le tradizioni” i cacciatori potranno cedere a titolo gratuito a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato