Contenuto sponsorizzato
11/04/2022 - 18:04

IL VIDEO. Voto in Francia, i parigini: niente di nuovo, stessi protagonisti

Parigi, 11 apr. (askanews) - Sentimenti contrastanti a Parigi, il giorno dopo il primo turno delle presidenziali francesi che hanno visto il presidente uscente francese Emmanuel Macron e la rivale di estrema destra Marine Le Pen arrivare al ballottaggio, con l'estrema sinistra di Jean-Luc Melenchon al terzo posto e fuori dai giochi. Prevale comunque la delusione per lo stesso copione di cinque anni fa. "Sono felice, è lui il mio presidente - dice Christelle, assistente sanitaria - mi ha dato il bonus Ségur (un aumento mensile per il personale dei servizi sociali e sanitari), mi ha fatto guadagnare 1500 euro in più perché sono un'assistente sanitaria, quindi questo è il mio presidente".Estelle, ebanista, ha votato per Jean-Luc Mélenchon: "Come molte persone oggi sono abbastanza delusa da questo ballottaggio perché speravo nel cambiamento, ho votato per il cambiamento e ci ritroviamo con gli stessi protagonisti al secondo turno, quindi sono delusa".Delusione anche per Akim, chef di Marsiglia: "Abbiamo scelta? Siamo tra l'incudine e il martello, vedremo. È davvero un peccato che la classe politica si fermi solo a questo. È il popolo che dovrebbe essere ascoltato, non i politici. Penso davvero che non siamo ascoltati. Sapete, sono arrivato due giorni fa da Marsiglia, sto camminando molto, quando vedo il numero di persone che dormono in strada, la povertà, quando vedo diciottenni che chiedono una zuppa alla mensa dei poveri, penso che queste persone dovrebbero andare un po' più sul terreno".Per Gabriel, studente, è stata la prima volta. "La prima volta che voto ed è stato deludente, avrei preferito un altro candidato, è abbastanza deludente che sia di nuovo la stessa cosa".Ma per Brice Teinturier, vicedirettore generale dell'istituto di sondaggi Ipsos e analista politico, non è la stessa sfida del 2017. "Emmanuel Macron non è più il candidato nuovo, che incarnava una forma di freschezza o di modifica del sistema politico - dice - e Marine Le Pen non è più quella che generava spesso un rifiuto"."Ha lavorato sul suo posizionamento in termini di immagine, dico in termini di immagine, non necessariamente in termini di contenuto del programma, sembra essere molto più in contatto con i francesi, più vicina a loro, è meno spaventosa, ha messo la questione dell'immigrazione e della preferenza nazionale da parte, per spingere il tema del potere d'acquisto".Inoltre, sostiene, molte riforme di Macron come le pensioni lo hanno messo in cattiva luce. Sarà l'elettorato di Jean-Luc Mélenchon la chiave di questo secondo turno.

Contenuto sponsorizzato
Esteri
Archivio video
Ultima edizione
Edizione del 24 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 maggio - 13:34
La manutenzione dell'area, i servizi necessari fino alla criticità dei parcheggi. Sono tantissime le incognite per il futuro della Music [...]
Cronaca
25 maggio - 12:43
Ecco le regole in vista dell’imminente riapertura al pubblico della Strada della Forra, un capolavoro di ingegneria fatto di ponti e [...]
Società
24 maggio - 22:25
Il monumento simbolo di Rovereto ha voluto ricordare le vittime in Italia e nel mondo di omo-lesbo-bi-transfobia. La panchina [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato