Contenuto sponsorizzato
Ambiente

UN QUARTO D'ORA PER ACCLIMATARSI

Di Sofia Farina - 07 gennaio - 21:05

"Un quarto d'ora per acclimatarsi" è un podcast a cadenza settimanale dedicato alla comprensione delle crisi ambientali e sociali in atto nelle Terre alte, attraverso le voci di coloro che le sperimentano ogni giorno, le studiano, si impegnano per contrastarle.

 

Questo podcast nasce al seguito di una rassegna organizzata durante l'ultima edizione del Trento Film Festival chiamata "Un'ora per acclimatarsi": durante ogni sera del Festival, per un'ora, abbiamo affrontato le crisi della montagna con una pluralità di voci. Un esperimento decisamente riuscito, che ci ha fatto pensare di riproporlo, all'interno di un format più breve, sotto forma di brevi audio-interviste. 

 

Con questo appuntamento, frutto della collaborazione tra L'AltraMontagna e il Trento Film Festival, vi proporremo ogni settimana pillole di clima, ambiente e vita in montagna, raccontate tramite interviste realizzate da Sofia Farina, meteorologa alpina, con il supporto di Luigi Torreggiani, Michele Argenta e Pietro Lacasella. Ad impreziosire il podcast le grafiche di Andrea Bettega e le musiche de "I Sordi".

 

Puntata dopo puntata, parleremo di ecologia, di ambiente, di flora e fauna, di rifugi, di foreste, di sport che provano a minimizzare i propri impatti attraverso buone pratiche, di cosa significa studiare le montagne, di cosa vuol dire abitarle, delle difficoltà da affrontare in un contesto di crisi climatica.

 

Per riflessioni, domande e suggerimenti potete scrivere a: sofia.farina@l'altramontagna.it

 

Buon ascolto!

puntate

Il riscaldamento dipendente dalla quota - Anna Napoli

di Sofia Farina
25 febbraio

Sentiamo spesso ripetere che i territori montani, così come le calotte polari, sono più sensibili ai cambiamenti climatici rispetto ad altre aree del pianeta. In effetti, nelle Alpi le temperature stanno crescendo ad una velocità doppia rispetto alla media globale. Abbiamo approfondito questo tema, che in gergo tecnico si definisce elevation dependent warming, il riscaldamento dipendente dalla quota, con Anna Napoli, ricercatrice all’Università di Trento nel gruppo di fisica dell’atmosfera e Idrologia.

Alpinismo tra etica e cambiamento climatico - Dario Eynard

di Sofia Farina
18 febbraio

Puntata 7 - Alpinismo tra etica e cambiamento climatico: intervista al giovane e forte alpinista Dario Eynard

 

Frequentare l’alta montagna è un’esperienza intensa e sfaccettata, comporta sforzo fisico, conoscenza tecnica, capacità di gestire situazioni complesse. Nel nuovo millennio, praticare alpinismo vuol dire anche sperimentare un ambiente colpito dal surriscaldamento globale, in cui i suoi impatti sono particolarmente intensi, i cambiamenti rapidi, e - inevitabilmente - farsi delle domande.

Oggi abbiamo l’onore di ascoltare una persona che, nelle tante ore passate sui sentieri e sulle pareti, ha riflettuto molto sul tema dell’etica dell’alpinismo nell’era del cambiamento climatico: il giovane e forte alpinista Dario Eynard.

Filosofia tra i ghiacci - Matteo Oreggioni

di Sofia Farina
11 febbraio

Puntata 6 - Filosofia tra i ghiacci: intervista al filosofo e operatore glaciologico Matteo Oreggioni


I ghiacciai italiani stanno scomparendo con gran velocità, vittime per eccellenza di temperature sempre più alte e precipitazioni irregolari, tanto da essere spesso definiti “malati terminali”. Il loro arretramento ci impatta, come umanità, su diversi livelli, che vanno dalla perdita di riserva idrica per i mesi siccitosi alla perdita della memoria del passato immagazzinata nel ghiaccio.

 

Ne parliamo con Matteo Oreggioni, filosofo, divulgatore e operatore del Servizio Glaciologico Lombardo. Matteo ha scritto un libro, “Filosofia tra i ghiacci”, in cui interroga (e ci interroga) su quale lezione sulla relazione uomo-ambiente e sul futuro del pianeta possiamo trarre dalla lenta fusione dei ghiacciai.

Il modello estrattivista del marmo sulle Apuane - Chiara Braucher

di Sofia Farina
04 febbraio

Puntata 5 - Il modello estrattivista del marmo delle Alpi Apuane: intervista a Chiara Braucher

 

A metà dicembre 2023 più di tremila persone si sono riunite a Massa Carrara per portare attenzione sul tema delle estrattivismo nelle Alpi Apuane, guidate dallo slogan: "Le montagne non ricrescono".

I manifestanti hanno voluto sottolineare come, in questa zona sfruttata da secoli per l’estrazione del marmo, il "modello estrattivista" che "privatizza i profitti socializzando i costi" abbia intaccato pesantemente una cultura collettiva, piegandosi agli interessi privati e condannando il territorio ad un dissesto paesaggistico, ecologico e sociale.


Ne parliamo con Chiara Braucher, ricercatrice all'Università di Trento e attivista del collettivo Athamanta.

Migrazione climatica verticale - Luca Mercalli

di Sofia Farina
28 gennaio

Puntata 4 - Migrazione climatica verticale: intervista a Luca Mercalli

 

Il 2023 è stato da poco eletto ufficialmente da Copernicus come l'anno più caldo da quando teniamo traccia della temperatura media globale.
Ci troviamo a vivere in un Paese sempre più caldo, con delle estati caratterizzate da ondate di calore che rendono le città di pianura sempre più invivibili.

In futuro, ci troveremo a migrare verticalmente in quota come stanno già facendo piante e animali?
Ne parliamo con Luca Mercalli, climatologo, glaciologo, divulgatore scientifico e presidente della Società Meteorologica Italiana.

L'infestazione di bostrico e il cambiamento climatico - Luigi Torreggiani

di Sofia Farina
22 gennaio

Puntata 3 - L'infestazione di bostrico e il cambiamento climatico: intervista a Luigi Torreggiani

 

Per chi frequenta le valli delle Dolomiti, negli ultimi anni è stato impossibile non accorgersi della presenza di enormi aree di bosco caratterizzate da abeti arrossati o del tutto secchi. Alla richiesta di spiegazioni, la risposta ricevuta è stata sempre la stessa: è il bostrico.

 

Si tratta di un piccolo coleottero che vive a scapito dell’abete rosso e che sta provocando numerosi danni non solo ambientali, ma anche economici e sociali.

 

Abbiamo scelto di parlarne con Luigi Torreggiani, giornalista e dottore forestale, che collabora non solo con L’AltraMontagna ma anche con Sherwood, la principale rivista tecnico-scientifica italiana dedicata alla gestione forestale sostenibile.

Cambiamento climatico e avifauna alpina - Chiara Bettega

di Sofia Farina
15 gennaio

Puntata 2 - Cambiamento climatico e avifauna alpina: intervista a Chiara Bettega

 

Lo studio di alcune specie animali e dell'effetto del surriscaldamento globale sulle loro vite e le loro abitudini permette di sintetizzare quello che accade all’ecosistema alpino in quota. Un animale che viene studiato con questo obiettivo è lil fringuello alpino, che trovandosi al di sopra di 1900-2000m slm tutto l’anno, è una delle “specie più indicative di quello che può essere il futuro della montagna”.

 

Approfondiamo questo tema con Chiara Bettega, ricercatrice al MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, dove si occupa di avifauna alpina e delle foreste montane, oltre che una apprezzata comunicatrice scientifica e autrice del libro "Sulle ali di cristallo" insieme a Aldo Martina.

Sport e attivismo ambientale - Francesco Puppi

di Sofia Farina
08 gennaio

Puntata 1 - Sport e attivismo ambientale: intervista a Francesco Puppi

 

Chi segue la scena del trail running a livello europeo, ha assistito nell’ultimo anno a diverse prese di posizione sul piano etico ed ambientalista da parte di alcuni suoi atleti, che stanno dimostrando come il professionismo può essere efficacemente connesso ad un impegno sociale e ambientale.

Approfondiamo oggi questo tema con Francesco Puppi, trail runner molto conosciuto e seguito per le sue fantastiche prestazioni sportive (l’anno scorso si è classificato secondo ai mondiali di trail running in Thailandia e quest’anno ha collezionato podi in importanti competizioni in tutto il mondo, tra cui una delle gare di UTMB, l’Ultra Tour du Mont Blanc) ma anche per i contenuti che crea su diverse piattaforme e mezzi di comunicazione.

recenti
Cultura
| 03 marzo | 06:00
Nelle terre alte lo sguardo delle donne porta lontano. Lo ha intuito, in alta Valle Maira in Piemonte, il Coordinamento Donne di Montagna. In vent'anni di attività ha raggiunto la Bolivia dall’altra parte del mondo, per poi tornare a casa, nelle Valli che si affacciano sul Monviso. Oggi punta a valorizzare le attività e le piccole aziende a conduzione femminile, a creare una rete di amministratrici dei Comuni delle aree interne, ma soprattutto a rendere la montagna un luogo animato da nuove comunità e da uno sviluppo sostenibile
Ambiente
| 02 marzo | 19:00
Il modulo esperienziale - a numero chiuso - si propone di far sperimentare uno spaccato di vita in alpeggio, confrontarsi con esperienze sul campo, tra mandrie e degustazioni organolettiche del "latte che prende forma"
Ambiente
| 02 marzo | 18:00
Un team di ricercatori di Ginevra evidenzia, per la prima volta, la correlazione tra l'aumento delle frane e l'aumento delle temperature in un sito nelle Alpi svizzere
Contenuto sponsorizzato