Contenuto sponsorizzato

Ripopolare il torrente Talvera e il lago di Valdurna con il temolo Adria. L'assessore Schuler: "Specie a rischio estinzione"

Sono stati rilasciati nel lago di Valdurna, in val Sarentino, diversi esemplari di temolo Adria. Questa specie ittica, a forte rischio estinzione a causa degli interventi dell'uomo, è stata al centro di un progetto di ripopolamento che ha visto impegnate la Provincia, la Fondazione Mach e le associazioni di pescatori

Pubblicato il - 06 November 2020 - 10:16

SARENTINO. Ripopolare il lago di Valdurna con una specie a rischio. È questo il senso del progetto “Äsche Talfer”, cioè “Temolo nel torrente Talvera”, finalizzato a stabilizzare la popolazione del temolo Adria nel lago posto in Val Sarentino, dove questo esemplare ittico rischia costantemente di sparire.

 

Dopo un lavoro di testing e di marcatura genetica, nella giornata di mercoledì 4 novembre sono stati rilasciati nel lago diversi esemplari selvatici, che vanno così a rimpolpare la presenza di questa specie nel bacino idrografico del fiume Adige e del torrente Talvera, suo affluente (e al tempo stesso immissario ed emissario del lago di Valdurna). Gli interventi dell’uomo finalizzati alla regolazione delle acque e all’industria idroelettrica hanno infatti compromesso l’habitat naturale di questi animali, contribuendo a ridurne il numero.

 

Per questo di è deciso di dar vita a un’operazione di ripopolamento, basata su un fenomeno di ibridazione. “Il temo Adria in Italia è inserito nella lista rossa dei vertebrati quale specie in forte rischio di estinzione – ha ricordato l’assessore competente Arnold Schuler per contrastare questo trend negativo e per mantenere le popolazioni autoctone di temolo abbiamo avviato il progetto ‘Äsche Talfer’, seguito dal Centro di tutela delle specie acquatiche dell’Agenzia demanio provinciale in stretta collaborazione con l'Ufficio caccia e pesca, la Fondazione Edmund Mach, la Federazione pesca Fipsas e le associazioni dei pescatori di Sarentino e Bolzano”.

 

Il Centro tutela specie acquatiche ha quindi compiuto delle operazioni consistenti nel prelevamento di alcune larve di temolo nella primavera del 2019 dalle acque del fiume Adige e nel loro allevamento nelle modalità più naturali possibili nella struttura di Scena. Raggiunti i 15 centimetri di lunghezza, tutti gli esemplari di pesce sono stati marcati con un microchip. Nei laboratori della Fondazione Mach, infine, grazie a un piccolo prelievo di tessuto da ogni pesciolino si è potuto accertare come l’86% degli individui rispecchiasse i criteri di qualità genetica e che, pertanto, rientrasse proprio nel ceppo autoctono di temolo Adria.

 


 

Come dice il nome stesso, questa specie è autoctona dei fiumi immissari del mare Adriatico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 January - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato