Contenuto sponsorizzato

MeseMontagna sale in cordata per l'11 edizione

La kermesse si terrà da venerdì 4 a venerdì 25 novembre e tratterà le tante sfacettature della montagna con tanti ospiti di qualità, fra cui Silvia Vidal, Cesare Maestri, Martino Paterlongo e Angelo Giovanetti

La presentazione di MeseMontagna
Pubblicato il - 27 ottobre 2016 - 18:52

VEZZANO. L'alpinismo in tutte le sue sfacettature è pronto a ritornare protagonista al Teatro Valle dei Laghi in MeseMontagna dal 4 al 25 novembre. La kermesse, giunta all'undicesima edizione fra cordate, scalate pionieristiche, alpinismo moderno e sicurezza montagna, è stata presentata oggi ospiti di Maria Carla Failo nella cornice della Sala Biblioteca della Sat di Trento dal comitato organizzatore composto da Elda Verones (direttrice dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi), Gianni Bressan (sindaco del Comune Vallelaghi), Attilio Comani (presidente della Comunità della Valle dei Laghi), Gianni Tonelli (presidente della Sat Valle dei Laghi).  

 

Le emozioni vissute dall'alpinista spagnola Silvia Vidal sulla parete Serrania Avalancha nella Patagonia cilena per l’apertura in solitaria di una nuova via aprirà il festival venerdì 4 novembre. In totale dieci appuntamenti impreziositi dalla presenza di alcuni personaggi di grande carisma come il presindente del Soccorso Alpino Adriano Alimonta, oppure l'alpinista vicentino Mario Vielmo che racconterà l'Himalaya e una delle montagne più alte e pericolose della terra, l'Annapurna. 

L’ultimo appuntamento di Mese Montagna 2016 è fissato per venerdì 25 novembre e sarà di grande spessore per il tema affrontato, ovvero il lavoro delle Guide Alpine delle zone montuose del Trentino, ospite d'onore anche Cesare Maestri, il Ragno delle Dolomiti.

 

A raccontare il loro impegno costante, ripercorrendo i momenti salienti di 150 anni di storia dell’alpinismo trentino, con i loro aneddoti e la contagiosa passione per le terre alte saranno Martino Peterlongo (presidente del Collegio delle guide alpine del Trentino) e Angelo Giovanetti (guida alpina direttore artistico di Mese Montagna).

 

Saranno presenti anche guide alpine del Gruppo di Brenta, della Val di Fassa e Fiemme, le Aquile di San Martino (Primiero), le guide della Vallagarina, Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Valle del Sarca.

 

Giovane e accattivante sarà poi la serata di mercoledì 16 novembre, che vedrà protagonisti un gruppo di ragazzi che hanno deciso di avventurarsi in un’avventura particolare, raccontata e testimoniata in un film dal titolo “Una linea sospesa tra i ghiacci”. Si tratta di una straordinaria spedizione in Groenlandia con il fine di di attraversare un iceberg su una highline. Dei sette protagonisti di questa avventura saranno presenti per raccontare la propria esperienza Federico Modica, lo slackliner Mattia Felicetti, la fotografa Alice Russolo e il responsabile delle pubbliche relazioni Luca Zanon. 

 

APPUNTAMENTO AL CINEMA
Le serate del mercoledì sono dedicate alla proiezione di film legati al mondo della montagna. L’appuntamento del primo mercoledì di Mese Montagna sarà “Wild”, una pellicola del 2014 diretta da Jean-Marc Vallée con protagonista Reese Witherspoon. L’ultimo film in programma (mercoledì 23 novembre) è Everest”. Registrata nel 2015, diretta, coprodotta e montata da Baltasar Kormákur, la pellicola narra la disastrosa spedizione sulla vetta del mondo tentata nel 1996, raccontata nel saggio “Aria sottile” (“Into Thin Air”), scritto nel 1997 da Jon Krakauer.

 

SOLIDARIETA’ IN NOME DI OSKAR PIAZZA
In ogni edizione di Mese Montagna il comitato organizzatore ha supportato progetti di solidarietà, per aiutare le popolazioni di montagna in difficoltà. Dal 2015, dopo la la tragedia creata dal terribile terremoto che ha messo in ginocchio il Nepal ed ha ferito in modo particolare la comunità trentina, è stato deciso di raccogliere fondi per l’Associazione no profit “Oskar for Langtang”, fissando l'importo del biglietto d’ingresso valido per ogni serata a 3 euro, una parte dei quali verranno devoluti a questo nobile fine. L’obiettivo dell’associazione intitolata alla guida alpina trentina scomparsa si propone di raccogliere fondi utili alla ricostruzione di strutture mediche, logistiche e di ricovero per gli abitanti del Langtang, in parte già avviate, quindi di attivare forme di assistenza sanitaria e di aiuto medico per le popolazioni di questa regione.

 

SENTIERO 618, L’APPUNTAMENTO SPORTIVO
In montagna il compagno è molto importante quando si affronta una via o si tenta di raggiungere una vetta. Da questo caposaldo è nata l’idea di inserire nel ricco programma di Mese Montagna un appuntamento dedicato allo sport e all’agonismo, nella formula della gara a staffetta, per esprimere al meglio lo spirito di complicità.
La manifestazione, che prende il nome dal tratto più caratteristico del percorso, il sentiero Sat 618, ha come obiettivo la valorizzazione di un itinerario alla portata di tutti, con splendidi scorci sulla Valle dei Laghi, che permette, con piccole deviazioni, di visitare i pozzi glaciali che si trovano lungo il “Sentiero geologico Antonio Stoppani”.
La gara si svolgerà la mattina di domenica 20 novembre, con tre proposte distinte, ovvero una sfida a staffetta di due componenti, la “Sentiero 618” Young riservata alle categorie giovanili sempre a staffetta, e la “Sentiero 618” walking, ovvero una camminata a passo libero di 8,3 km. Lo start è previsto per le ore 9,30 per la staffetta e per la camminata, mentre le categorie giovanili si sfideranno a partire dalle 11,30.

 

SAPORI DI MONTAGNA
Come ha sottolineato Francesco Antonioli, presidente della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, al termine delle serate del venerdì tutti gli intervenuti potranno andare alla scoperta dell’enogastronomia del territorio. Un prezioso valore aggiunto voluto fortemente dall’Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi: dal vino autoctono alla birra artigianale, dai salumi ai formaggi, dal pane all’olio extravergine d’oliva, dalla grappa al vino santo.

 

CONCORSO E MOSTRA FOTOGRAFICA
Fra gli eventi che affiancano Mese Montagna vi è la premiazione dell’11ª edizione del concorso “Fotografa la valle dei Laghi” dal titolo “Atmosfere in Valle dei Laghi”, a cura della locale Associazione Culturale Garbari. L’appuntamento è fissato per venerdì 4 novembre alle ore 18. La mostra sarà visitabile durante gli orari di apertura del teatro fino a sabato 26 novembre.
Inoltre lEcomuseo della Valle dei Laghi porta a Mese Montagna la Mostra “Il paesaggio del Trentino: un percorso tra natura e interventi umani”. La mostra, progettata dalla Tsm-step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio, dal Muse-Museo delle Scienze e dalla Fondazione Museo storico del Trentino, e promossa dall’Ecomuseo della Valle dei Laghi, propone uno sguardo d’insieme sul paesaggio del Trentino

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 11:43

I risultati saranno validati dalla commissione elettorale il 30 novembre e gli eletti rimarranno in carica per due anni. In leggero calo Udu ma si registra una importante affluenza con quasi il 40% degli studenti che hanno votato grazie al sistema dei seggi elettronici. E sulla destra l'Unione degli Universitari spiega: "Hanno tentato di nascondere candidati affiliati a partiti che attaccano i diritti degli studenti''

27 novembre - 12:04

Questo pomeriggio sono attesi gli annunci del presidente della Provincia che, dopo lo screening di massa, voleva dare un segnale alla popolazione tornando ad aprire alcune attività. Ma il quadro del contagio resta nero 

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato