Contenuto sponsorizzato

Da Moro a Kammerlander, ''Mese Montagna'' scalda i motori e attende i grandi personaggi dell'alpinismo e dell'esplorazione

Il primo appuntamento è per venerdì 2 novembre con Christophe Profit, un punto di riferimento per gli scalatori a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, un pioniere dell'arrampicata veloce. I biglietti sul sito Primi alla Prima (Qui info e prenotazioni)

Pubblicato il - 27 ottobre 2018 - 21:49

VEZZANO. Ormai è tutto pronto per l'edizione numero tredici di "Mese Montagna", il ciclo di incontri con i grandi personaggi dell'alpinismo e dell'esplorazione. L'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e il Comune Vallelaghi sono pronti a alzare il sipario per accogliere ospiti davvero d'eccezione. 

Il primo atto è ormai vicino, il via è previsto per venerdì 2 novembre, quando i riflettori del Polo scolastico di Vezzano si accendono sul francese Christophe Profit, un punto di riferimento per gli scalatori a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, un pioniere dell'arrampicata veloce. 

 

Il francese è salito alla ribalta nel 1982, quando in solitaria e senza protezione è riuscito a scalare in 3 ore e dieci minuti la parete ovest del Petit Dru, la celebre guglia di 3.733 metri nella parte settentrionale del gruppo del Monte Bianco. Nel 1985 è arrivata l'impresa più celebre: il concatenamento in solitaria delle tre grandi pareti nord delle Alpi, Grandes Jorasses, Eiger e Cervino, effettuato per la prima volta nell'arco di 24 ore e ripetuto poi in inverno, a marzo del 1987, in 40 ore e 54 minuti. E ancora nel 1991, quando Profit, insieme a Pierre Béghin, è riuscito ad aprire una nuova via sul K2, lungo lo spigolo nord-ovest.

 

Insomma, l'avvio di "Mese Montagna" è già promettente e il cartellone è ricco fino al 30 novembre, da Alessandro Beber (mercoledì 7 novembre) a Rosario Sala (venerdì 9 novembre), da Alessandro de Bertolini (mercoledì 14 novembre) a Denis Urubko e Elisabeth Revol (venerdì 16 novembre), da Stefano Torrione (mercoledì 21 novembre) a Simone Moro (venerdì 23 novembre). 

 

Spazio quindi a Nicole Orlando e Anna Torretta (sabato 24 novembre), Tomas Franchini, Matteo Faletti e Fabrizio Dellai (mercoledì 28 novembre), ma soprattutto il gran finale con Hans Kammerlander.

 

L'obiettivo della kermesse targata Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi è quello di superare i 2.700 spettatori raggiunto nella passata edizione.

 

I biglietti per le serate del mercoledì e di venerdì 9 costano 5 euro, quelli per quattro appuntamenti del venerdì vengono invece 7 euro. L'abbonamento che comprende le nove serate costa 35 euro. I ticket sono acquistabili online sul sito di Primi alla Prima (Qui info e prenotazioni), ma anche attraverso il circuito della Casse rurali trentine. La vendita dei biglietti è attiva anche dalle 18.30 nelle giornate degli eventi al Polo scolastico di Vezzano fino ad esaurimento posti.

Anche quest'anno "Mese Montagna" raccoglie fondi per l’Associazione no profitOskar for Langtang” e contribuisce così alla ricostruzione di strutture mediche, logistiche e di ricovero per gli abitanti di quella zona martoriata dal terremoto del 2015.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato