Contenuto sponsorizzato

Addio a Germano Celant, il coronavirus porta via a 80 anni il padre dell'Arte povera

Un uomo senza età lo storico e teorico dell’arte più autorevole nel mondo del contemporaneo. Originario di Genova il critico ha assunto cariche prestigiose, dal 2015 poi, era Soprintendente artistico e scientifico di Fondazione Prada, Milano e Venezia. Celant ha presentato splendidamente il 12 ottobre 2019 al Mart di Rovereto l’artista minimalista amico Richard Artschwager
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 30 aprile 2020

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

Un insegnamento di Germano Celant che il 29 aprile al San Raffaele di Milano si è spento. Il coronavirus non guarda in faccia a nessuno.

 

Un uomo senza età lo storico e teorico dell’arte più autorevole nel mondo del contemporaneo. Originario di Genova il critico ha assunto cariche prestigiose, dal 2015 poi, era Soprintendente artistico e scientifico di Fondazione Prada, Milano e Venezia.

 

Celant ha dato un contributo ineguagliabile per risolvere i dubbi che solitamente emergono osservando un’opera d’arte contemporanea. Tra arte povera e cultura americana con la collaborazione del Guggenheim di Bilbao, ha presentato splendidamente il 12 ottobre 2019 al Mart di Rovereto l’artista minimalista amico Richard Artschwager, morto nel 2013.

 

Un’ottantina di opere esposte in, parole del curatore “un labirinto aperto”. Il critico ha saputo evidenziare nelle sale, le opere dagli anni sessanta ai primi decenni del duemila dell’artista che gioca con i materiali comuni del momento, formica e nylon tra apparenza ed essenza.

 

Si riflette sulla dualità del vedere e del toccare che non si può mescolare specialmente ora dove i luoghi della vita quotidiana sono stravolti. Lo stile determinato e originale di Celant ha lasciato un segno indiscutibile. Il futuro dei musei, delle gallerie d’arte, dei luoghi artistici che producono cultura è incerto. C’è bisogno di menti creative e non solo, per riproporre l’arte, diceva Celant “un’avventura continua”.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 04:01

Quella vissuta da una madre e un figlio trentini è una storia che ha accomunato molti cittadini, abbandonati a sé stessi nell'isolamento da Coronavirus e nella confusione di normative che continuano a cambiare. Chiusi in casa per un mese perché positivi al Covid, si sono dovuti arrangiare per poter finalmente tornare a lavorare

26 novembre - 08:05

E' stato per circa 30 anni parroco a San Martino a Trento e per tantissimi anni ha celebrato la tradizionale benedizione dei motocilisti provenienti da ogni parti del nord Italia 

25 novembre - 20:49

Il più grande giocatore di tutti i tempi è morto all'età di 60 anni. Il ricordo del giornalista Raffaele Crocco: "Con lui il calcio tornava ad essere quello che è: un gioco. Maradona si divertiva, stupiva, rendeva forti tutti i compagni di squadra facendoli partecipare alla festa, alla sua festa, condividendola. Per lui le partite – tutte, chiunque fosse l'avversario – erano uguali: puro divertimento, suo, prima di tutto"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato